MAKING KNOWING: CRAFT IN ART, 1950-2019

Liza Lou (b. 1969), Kitchen, 1991-96. Beads, plaster, wood, and found objects, 96 x 132 x 168 in. (243.8 x 335.3 x 426.7 cm). Whitney Museum of American Art, New York; gift of Peter Norton 2008.339a-x. Photograph by Tom Powel. © Liza Lou

Inglese

Whitney Museum of American Art, 99 Gansevoort Street tra Washington e West Street, New York City, NY 10014
A cura di    Jennie Goldstein, assistente curatore, ed Elisabeth Sherman, assistente curatore, con Ambika Trasi, assistente curatore.
Data  22 novembre 2019 – febbraio 2022
Il supporto alla mostra è fornito dalla Fondazione Lenore G. Tawney
Informazioni  whitney.org

Fino a febbraio 2022 è aperta al Whitney Museum “MAKING KNOWING : CRAFT IN ART, 1950 – 2019“, una mostra che mette in primo piano il modo in cui gli artisti visivi hanno esplorato i materiali, i metodi e le strategie dell’artigianato. A partire dagli anni ’50, in un periodo in cui molti artisti abbracciavano le arti della fibra e la ceramica per sfidare il dominio della pittura e della scultura tradizionali, Making Knowing si muove attraverso i successivi sette decenni, presentando opere che parlano degli interessi degli artisti per la casa, i materiali per hobby, le tradizioni americane decorative e vernacolari, il “lavoro femminile” ed estetica femminista e queer.

Installation view of Making Knowing: Craft in Art, 1950-2019 (Whitney Museum of American Art, New York, November 22, 2019-January 2021). From left to right: Jeffrey Gibson, BIRDS OF A FEATHER, 2017; Nick Cabe, Sound Suit #20, 2005; Marie Watt, Skywalker/Skyscraper (Axis Mundi), 2012; Jordan Nassar, A Lost Key, 2019; Shan Goshorn, Roll Call, 2016; Shan Goshorn, Red Flag, 2015. Photograph by Ron Amstutz

Acquisita  principalmente dalla collezione Whitney, la mostra presenta oltre ottanta opere d’arte in una varietà di mezzi di comunicazione, tra cui tessuti, ceramiche, pittura, disegno, fotografia, video e installazione scultorea su larga scala. Gli oltre sessanta artisti rappresentati includono Anni Albers, Richard Artschwager, Ruth Asawa, Njideka Akunyili Crosby, Robert Gober, Shan Goshorn, Harmony Hammond, Eva Hesse, Sheila Hicks, Mike Kelley, Yayoi Kusama, Thomas Lanigan-Schmidt, Simone Leigh, Robert Morris, Claes Oldenburg, Pepón Osorio, Howardena Pindell, Ken Price, Robert Rauschenberg, Faith Ringgold, Miriam Schapiro, Arlene Shechet, Kiki Smith, Lenore Tawney, Peter Voulkos, Marie Watt e Betty Woodman.

Installation view of Making Knowing: Craft in Art, 1950-2019 (Whitney Museum of American Art, New York, November 22, 2019-January 2021). From left to right: Marie Watt, Skywalker/Skyscraper (Axis Mundi), 2012; Simone Leigh, Cupboard VIII, 2018; David James Gilhooly, Merfrog and Her Pet Fish, 1976; Liza Lou, Kitchen, 1991-96. Photograph by Ron Amstutz

Making Knowing è organizzato cronologicamente e tematicamente, a partire da una galleria di opere degli anni Cinquanta. Durante questo decennio, artisti come Ruth Asawa, Robert Rauschenberg e Peter Voulkos hanno sperimentato con filo metallico, tessuto di recupero e argilla. Altri, tra cui Sheila Hicks, Lenore Tawney e Ann Wilson, hanno esplorato la tessitura, sia dentro che fuori dal telaio, e la pittura su trapunte recuperate. Impiegando mezzi artigianali emarginati, hanno sfidato le strutture di potere che determinavano il valore artistico. Presentare questi artisti insieme rivela la profonda influenza che l’artigianato ha avuto sull’astrazione in questo periodo.

Le gallerie successive dimostrano come gli artisti che lavoravano negli anni ’60 e ’70 si chiedessero spesso perché l’arte fosse più accettata e apprezzata rispetto alle tradizioni più vernacolari o utilitaristiche. Tra questi, Richard Artschwager, Eva Hesse, Yayoi Kusama, Robert Morris, Howardena Pindell e Alan Shields hanno sperimentato materiali non convenzionali come corda, feltro e spago, e così facendo hanno influenzato vari movimenti storici dell’arte, tra cui Pop art, Minimalismo, e Processo art. In J + K, 1972 di Shields, il bordo della tela crea una cornice satirica e legittimante per materiali artigianali come fili di perline

Alan Shields (1944-2005), J + K, 1972.Acrylic, thread, beads on canvas 107 × 252 7/8 × 2 3/4 in. (271.8 × 642.3 × 7 cm). Whitney Museum of American Art, New York; gift of Paula Cooper 2017.165a-l. © Estate of Alan Shields

Making Knowing mette in luce anche i modi di fare degli anni ’70 e ’80 spesso classificati come “lavoro da donne”. Mentre questa frase denigrava alcuni materiali ed estetica associati alla femminilità, gli artisti hanno lavorato intenzionalmente in questi modi per mettere in discussione i ruoli dei sessi sia nel mondo dell’arte che nella società in generale. Artisti come Barbara Chase-Riboud, Harmony Hammond, Kim MacConnel, Elaine Reichek, Miriam Schapiro e Betty Woodman hanno usato stoffe, ricami, cucito e ceramiche per elevare la tradizione spesso denigrata del “decorativo” e per attestare la impossibilità di legare queste tecniche a un unico uso o mezzo di espressione.

Installation view of Making Knowing: Craft in Art, 1950-2019 (Whitney Museum of American Art, New York, November 22, 2019-January 2021). From left to right: Emmi Whitehorse, Another Blanket, 1983; Robert Morris, Felt, 1967-68; Eva Hesse, No Title, 1969-70; Jackie Winsor, Bound Logs, 1972-73. Photograph by Ron Amstutz

Le opere in mostra degli anni ’80 e ’90 esemplificano come gli artisti di questo periodo guardassero all’arte e al suo rapporto con le pratiche devozionali e spesso alle prese con un’ambivalenza nei confronti della religione organizzata. Arch Connelly, Robert Gober, Mike Kelley, Lucas Samaras, Kiki Smith e Rosie Lee Tompkins hanno utilizzato un’ampia gamma di materiali tra cui trapunte, tessuti trovati e cuciti, candele, fiori artificiali e perline in opere d’arte che rivelano la relazione tra lo spirituale e il mondano. Lavorando al culmine della crisi dell’AIDS, l’attenzione di molti di questi artisti per l’artigianato degli oggetti ha tentato di fornire un’esperienza emotivamente riparatrice, in assenza di aiuti da parte del governo o delle autorità religiose.

 Una galleria dedicata alle opere d’arte dalla metà degli anni ’90 ad oggi affronta ampiamente le questioni del corpo e del luogo. La monumentale installazione di Liza Lou, Cucina, 1991-1996, è una cucina fatta a mano a grandezza naturale composta da perline scintillanti. Attraverso soggetti e materiali, Lou combina il lavoro fisico della vita domestica e la meticolosa realizzazione di un’opera d’arte. In mostra per la prima volta qui ci sono le recenti acquisizioni di Shan Goshorn, Kahlil Robert lrving, Simone Leigh, Jordan Nassar ed Erin Jane Nelson.

“Molti degli artisti di Making Knowing hanno ripreso materiali storicamente emarginati per rovesciare le gerarchie che sono persistite nella storia dell’arte e nelle pratiche di collezionismo dei musei”, spiega la co-curatrice Jennie Goldstein. Elisabeth Sherman, co-curatrice, continua: .”Insieme dimostrano che le tecniche artigianali di fabbricazione portano il loro tipo di conoscenza, uno che è indispensabile per una comprensione più completa della storia e del potenziale dell’arte”.

Making Knowing offre uno sguardo nuovo su un filo conduttore importante e sempre presente della collezione Whitney. Il titolo della mostra riformula la tensione storica che spesso separa artigianato e belle arti, livellando la distinzione tra il mondo del fatto a mano, “fare”, e il mondo delle idee, “conoscere”.

Harmony Hammond (b. 1944), Hug, 1978. Acrylic on fabric and wood, 64 × 30 1/4 × 14 in. (162.6 × 76.8 × 35.6 cm). Whitney Museum of American Art, New York; gift of Rosemary McNamara 2017.208a-b. © 2019 Harmony Hammond/Artists Rights Society (ARS), New York

Circa il Museo Whitney

Il Whitney Museum of American Art, fondato nel 1930 dall’artista e filantropa Gertrude Vanderbilt Whitney (1875-1942), ospita la più importante collezione di arte americana del XX e del XXI secolo. La signora Whitney, una precoce e ardente sostenitrice dell’arte moderna americana, ha sostenuto artisti innovativi in ​​un’epoca in cui il pubblico era ancora in gran parte preoccupato per i vecchi maestri.

Dalla sua visione è nato il Whitney Museum of American Art, che da più di ottant’anni promuove l’arte più innovativa degli Stati Uniti. Il nucleo della missione del Whitney è quello di raccogliere, preservare, interpretare ed esporre l’arte americana del nostro tempo e servire un’ampia varietà di pubblico per celebrare la complessità e la diversità dell’arte e della cultura negli Stati Uniti. Attraverso questa missione e un impegno costante verso gli artisti stessi, il Whitney è stato a lungo una potente forza a sostegno dell’arte moderna e contemporanea e continua a contribuire a definire ciò che è innovativo e influente nell’arte americana di oggi.

 Il Whitney Museum of American Art si trova al 99 di Gansevoort Street tra Washington e West Street, New York City. Gli orari del museo sono: lunedì, mercoledì, giovedì, sabato e domenica dalle 10:30 alle 18:00; Venerdì dalle 10:30 alle 22:00. Chiuso il martedì tranne luglio e agosto. Adulti: $ 25. Studenti a tempo pieno, visitatori di età pari o inferiore a 65 anni e visitatori con disabilità: $ 18. Visitatori sotto i 18 anni e soci Whitney: GRATIS. L’ingresso è a pagamentovolontario il venerdì, dalle 19:00 alle 22:00. Per informazioni generali

Didascalie delle foto della galleria

  • Robert Rauschenberg (1925-2008), Yoicks, 1954. Enamel on collaged polyester, found paper, and cotton on canvas, 96 1/8 × 72 1/16 in. (244.2 × 183 cm). Whitney Museum of American Art, New York; gift of the artist 71.210. © 2019 Robert Rauschenberg Foundation / Licensed by VAGA at Artists Rights Society (ARS), New York
  • Lenore G. Tawney (1907-2007), Four Petaled Flower II, 1974. Woven linen and steel rods, 87 1/2 × 85 1/4 × 1 1/4 in. (222.3 × 216.5 × 3.2 cm). Whitney Museum of American Art, New York; gift of the Lenore G. Tawney Foundation 2014.298. © Lenore G. Tawney Foundation
  • Rosie Lee Tompkins (1936-2006), Three Sixes, 1986. Quilted polyester double-knit, wool jersey and cotton, 89 3/4 × 71 1/2 in. (228 × 181.6 cm). Whitney Museum of American Art, New York; purchase with funds from the Contemporary Painting and Sculpture Committee 2003.70. © Estate of Rosie Lee Tompkins