• 24 Settembre 2022 9:05

MARTA MINUJIN: A SURVEY

English (Inglese)

*Foto in evidenza: Untitled, 2022 Fluorescent paint on matress 47.2 × 29.5 × 15.7 in. 120 × 75 × 40 cm


Henrique Faria e Herlitzka + Faria
35 East 67th Street, 4° piano
New York, NY 10065

9 settembre – 29 ottobre 2022
Da martedì a sabato, dalle 11.00 alle 18.00

Matress, 2015 Fluorescent paint on matress 15.7 × 10.6 × 6 in. 40 ×

Henrique Faria e Herlitzka + Faria sono lieti di presentare Marta Minujín: A Survey, la terza mostra personale dell’artista in galleria e una delle tante realizzate a New York dagli anni Sessanta. La mostra presenta una selezione di opere di varie modalità, dalla pittura alla scultura, dal video all’installazione, e rappresenta una posizione privilegiata da cui osservare, o sondare, i movimenti creativi e dinamici che Minujín ha compiuto nel corso della sua carriera lunga sei decenni. Queste opere rappresentano temi importanti che Minujín ha affrontato e le principali tendenze in cui Minujín si è cimentata. Soprattutto, queste opere rivelano la crescita personale di un’artista che si sforza sempre di rimanere aperta a nuovi mezzi di espressione e sperimentazione, ma soprattutto di rimanere fedele a se stessa.

Un principio centrale della pratica di Minujín è stato quello di sostenere il primato dell’esperienza dell’opera d’arte. Lo dimostrano i suoi primi esperimenti con l’Informale: il suo desiderio di costruire e manipolare fisicamente la superficie della tela in un mare di astrazione, pur sapendo che, data la natura dei materiali che utilizzava (cartone e gommalacca pirossilina), questa stessa superficie poteva sgretolarsi ed erodersi nel tempo. Il carattere monocromatico dei suoi dipinti informali lascia presto il posto a un’esplosione di colore con la serie dei “colchones”, o materassi, all’inizio degli anni Sessanta. Ispirata dall’etica della controcultura dell’epoca e dagli esperimenti psichedelici con le droghe allucinogene, Minujín, secondo quanto afferma lo storico dell’arte Rodrigo Alonso nel testo della mostra, mirava “ad espandere la propria coscienza e a realizzare visioni altrimenti bloccate da un’immaginazione vincolata ai confini sociali e alla razionalità”. I materassi dalla forma organica e dipinti in modo fluorescente giacevano in posizioni suggestive e languide lungo le pareti e il pavimento dello studio di Minujín, incoraggiando un impegno sostenuto e sensoriale da parte degli spettatori. Mentre quasi tutti i materassi realizzati da Minujín nei primi anni Sessanta, insieme a molte altre opere degli esordi, sono stati distrutti in un happening performativo di combustione rituale, La destrucción (Distruzione, Parigi 1963), il ritorno di Minujín alla serie nel 2010 dimostra ancora una volta l’impegno creativo dell’artista, che ha imparato, cambiato e sperimentato il mondo per sperimentare il proprio lavoro in nuovi contesti.

Il coinvolgimento sensoriale diretto, sia attraverso il processo di creazione dell’opera d’arte da parte dell’artista, sia attraverso l’esperienza dell’opera da parte dello spettatore, è invocato nella successiva installazione Laberinto Minujinda (1985), un ambiente stimolante che conduceva gli spettatori attraverso “situazioni multisensoriali”, tra cui una stanza tattile, pareti dipinte con colori vivaci e un tunnel di televisori, e un tunnel di televisori ed è applicata in modo toccante nell’installazione di grandi dimensioni The Parthenon of Books (1983), in cui l’artista celebra il ritorno dell’Argentina alla democrazia e la restituzione delle libertà civili ricreando un modello di impalcatura a grandezza naturale del Partenone e rivestendolo di libri proibiti che gli spettatori possono portare a casa gratuitamente per leggerli e condividerli. Attraverso la messa in discussione attiva dei monumenti pubblici e culturali, il loro esame, la loro critica e persino il loro rovesciamento, insiti in opere come The Parthenon of Books o The Statue of Liberty Falling Down (1983), e la capacità di avvicinarsi a queste opere sia intellettualmente che fisicamente, Minujín incoraggia coraggiosamente gli spettatori a lavorare attraverso i propri processi di criticità e a guardare con occhi nuovi credenze o siti da tempo consolidati.

Passion + Passion = Pasion, 2015 Matress fabric painted by hand cut and glued 39.37 × 39.37 in. 100 × 100 cm

Marta Minujín mette in scena il suo primo happening, intitolato La destrucción, a Parigi nel 1963. Nel 1966 realizza Simultaneidad en Simultaneidad, nell’ambito del Three Countries Happening che condivide con Allan Kaprow (New York) e Wolf Vostell (Berlino). Tra le sue opere effimere, molto frequentate, ricordiamo El Partenón de libros [Il Partenone dei libri] (1983), Carlos Gardel de fuego [Carlos Gardel in fiamme] (1981), La Torre de Babel con libros de todo el mundo [La Torre di Babele fatta di libri da tutto il mondo] (2011). A sua volta, ha realizzato dipinti trans-psichedelici, materassi in technicolor e performance. Le sue opere si trovano in collezioni argentine e internazionali, tra cui: Il Museum of Modern Art (New York), il Guggenheim Museum (New York), la Tate Modern (Londra), l’Art Museum of the Americas (Washington D.C.), il Walker Art Center (Minneapolis), il Museo Nacional Centro de Arte Reina Sofía (Madrid), l’Olympic Park (Seoul), il Museo Nacional de Bellas Artes (Buenos Aires) e il Museo de Arte Latinoamericano de Buenos Aires (MALBA), oltre che in importanti collezioni private. Negli ultimi decenni ha tenuto numerose mostre personali e retrospettive; tra queste spicca Marta Minujín. Obras 1959- 1989 (MALBA, 2010) e La Menesunda según Marta Minujín (Museo de Arte Moderno de Buenos Aires, 2015-2016). Ha partecipato a mostre collettive presso il Guggenheim Museum (New York), Place du Palais Royal (Parigi), il Museum of Modern Art (New York) e la Fundación PROA (Buenos Aires), tra le altre prestigiose istituzioni artistiche. Nel 2016 le è stato assegnato il Premio Velázquez a las Artes Plásticas (Madrid). Nel 2017, a Documenta 14, a Kassel, ha presentato le opere Pago de la deuda externa griega con olivas a Angela Merkel [Pagamento del debito estero della Grecia in olive ad Angela Merkel] (Atene) e El Partenón de libros prohibidos [Partenone dei libri proibiti]. All’inizio del 2018 le è stato conferito l’Americas Society Cultural Achievement Award a New York. Nel 2019 ha presentato Menesunda Reloaded al New Museum (New York) e ha ricevuto il Premio Nacional a la Trayectoria Artística dal Salón Nacional de Artes Visuales in Argentina. Nel marzo 2021, la sua opera Pandemia (2020-2021) è stata presentata al Museo Nacional de Bellas Artes (Buenos Aires), ha tenuto la mostra personale Implosión! alla Fundación Santander Rio e nel luglio dello stesso anno ha presentato il progetto Big Ben Lying Down with Political Books nell’ambito del Manchester International Festival, Regno Unito. La sua videoinstallazione Minucode (1968) è attualmente esposta al MoMA come parte della collezione permanente.

Vive e lavora a Buenos Aires.