Focus On

MIRIAM MEDREZ

*Featured photo: Miriam Medrez, CortinaVertebral, Courtesy Miriam Medrez

Miriam Medrez was born in México City in 1958. After studying Art and Graphic Design at Concordia University in Montreal, Canada, in 1979, she earned a degree in Plastic Arts at the National School of Plastic Arts of the National Autonomous University of Mexico (ENAP-UNAM). Essential to her training as a sculptor are the courses taught by Gerda Gruber; she was able to pass on to her students the technical skills of clay manipulation and encourage them to think of the material as a sculptural artistic language, thus freeing ceramics from depending on the two-dimensional image and traditional painting.

Fragmentation Series (large oval mirrors), 1.20mtx1.20mtx0.50mt. Technique: fabric, edge, iron structure, mirrors

Through ceramics, after all, Medrez learns the ancestral chemical process of the earth acquiring form and consistency, as textiles would later teach her their inherent analogy with the human skin and the value of the sense of touch. 

Since 1985 she has lived in Monterrey, Nuevo León, where she has developed her work as a sculptor and artist. In 1995, the MARCO Museum in Monterrey hosted her solo exhibition ‘Assault of Memories’ (1995) – a unique opportunity for a local artist. Then, during a sabbatical year (1997), Medrez moved with her family to Israel, collaborating with Betzalel University and working as an assistant professor in the School of Arts sculpture department.

The female body has been a constant reference in Medrez’s artistic practice since the early 1980s; to the artist’s poetics, it is a container of inner changes taking place through a dialogue with the surrounding environment. 

Her research moves within the framework of her own personal experience. She addresses the intimate, existential, and universal aspects of a generation of women who freed themselves from a patriarchal model. A generation that bears on itself those transformations that have opened the door to the possibility of investigating territories, roles, and unexplored identities, thus redefining the feminine outside traditional parameters.

Serie Conectores (albanicos horizontales), 135x85x30

For twenty years, Miriam Medrez’s experimentation has turned towards the textile medium: ‘I find many similarities between ceramics and textile art. They both require hand skills and allow one to ‘feel’ the materials they build-out of the vacuum. Moreover, one through fire and the other through thread, they transform their apparent formless fragility acquiring solidity, form, strength at the end of the process.”

Materials and textile techniques allow her to follow immersive narrative trajectories that evoke ancestral gestures and meanings while at the same time filtering and distilling reflections on contemporary issues through artistic intervention. Mending, suturing, dressing, repairing, wrapping – a vocabulary that enriches and deepens the creative project at the core of her path in which the female figure is both one and multiple, primitive and avant-garde.

Copyright Miriam Medrez

“My work,” she says, “always has a female aspect or perspective, with women or objects we are associated with, such as spoons, dresses, chairs and so on. I also participate as a woman when I model clay and cut or fold the fabric. We give birth to children – like all the narratives about gods creating human beings from clay – and we ‘mould’ them – we raise them to grow as individuals. And through textiles, I feel women’s special relationship with clothes, our second skin, and our homes.”

Quien se come a quien. Copyright Miriam Medrez

Her works are inspired by the reality that surrounds her. “My works,” she says, “arise from my everyday experience, from quotidian and domestic objects, or from reflections on the world news such as feminist protests or claims. From the exploration of the body and its physiology and the many forms of female stereotyping, as in the installation QUIEN IF A QUIEN (2019), for example. I have made works in collaboration with female poets and writers; I have created a dress sculpture based on one of their texts, a powerful personal experience.”

Miriam Medrez, Camisa. Copyright Miriam Medrez

Last year, Medrez set up NI UNA MENOS (2021), a powerful installation made up of women’s blouses, ripped, torn or damaged, dense with writing and stained with red paint. “A project,” she explains, ” addressing the difficult situation endured by Mexican women, often victims of abuse and murder and with a very high level of impunity for criminals. We, women, feel that our voices are not heard by the authorities. I believe that, more than ever, ‘NOT ONE OF LESS’ should be the result of our activism.”

In 2022 with RESONANCIA ONIRICA, she broadens her research on the body. She presents a multimedia installation composed of thirty fabric ears about the size of a face suspended, appearing and disappearing to the rhythm of an evocative composition full of echoes, subtle notes and vibrations that lead to a sensorial, emotional and meditative experience.

RESONANCIA ONIRICA (2022)

Miriam Medrez’s work has been exhibited in countless national and international exhibitions, in institutional venues and private galleries, gaining prestigious recognition at home and abroad. Participations include the Hang Zhou Fiber Arts Triennial (2019), Contextile2014 in Portugal, where she won the Acquisition Prize, and World of Threads Festival, Ontario, Canada, among others. In addition, her works are included in the permanent public collections of the UDLAP Art Collection in Puebla, the MARCO Museum in Monterrey, Casa Candina in San Juan, Puerto Rico, the Museo Keramik Grimeerhaus, Denmark and the Jingdezhen Ceramic Cultural Center in China, to name a few. 

Mamalia
Focus On

MIRIAM MEDREZ

*Foto in evidenza: Miriam Medrez, CortinaVertebral, Courtesy dell’artista

Miriam Medrez è nata a Ciudad de México nel 1958. Dopo gli studi in Arte e Graphic Design presso la Concordia University di Montreal, Canada, si laurea nel 1979 in Arti Plastiche presso la Scuola Nazionale di Arti Plastiche dell’Università Nazionale Autonoma del Messico (ENAP-UNAM). Fondamentale per la sua formazione di scultrice sono i corsi tenuti da Gerda Gruber che saprà trasmettere ai suoi allievi non solo le competenze tecniche nella manipolazione dell’argilla ma, soprattutto, incoraggiarli a pensare il materiale come linguaggio artistico scultoreo, portando la ceramica fuori dalla dipendenza dall’immagine bidimensionale e dalla pittura tradizionale.

Serie Fragmentación (espejos ovalados grande), 1.20mtx1.20mtx0.50mt. Tecnica tela, filo, strutura di ferro, specchi
Serie Fragmentation (grandi specchi ovali), 1,20mtx1,20mtx0,50mt. Tecnica: tessuto, bordo, struttura in ferro, specchi

È attraverso la ceramica, d’altra parte, che Medrez apprende il processo chimico primordiale della terra che prende forma e consistenza, come saranno in seguito i tessuti ad insegnarle l’analogia con la pelle e il valore del senso del tatto.

Dal 1985 vive a Monterrey, Nuevo León, dove ha sviluppato il suo lavoro di scultrice e di artista. Nel 1995, il MARCO Museum di Monterrey ha ospitato la sua mostra personale “Assault of Memories” (1995) – evento più unico che raro per un’artista del luogo. Durante un anno sabbatico (1997) Medrez si trasferisce con la sua famiglia in Israele, collaborando con l’Università di Betzalel a Gerusalemme, ricoprendo il ruolo di assistente alla cattedra di scultura alla School of Arts.

Il corpo femminile è una costante nella pratica artistica di Medrez sin dai primi anni Ottanta. Esso è nella poetica dell’artista contenitore di cambiamenti interiori anche attraverso il dialogo con l’ambiente circostante.

La sua ricerca si muove nell’ambito della propria esperienza personale affrontandone dapprima la cifra intima ed esistenziale e successivamente quella universale di una generazione di donne che porta incise su di sé le trasformazioni che, affrancandola da un modello patriarcale, hanno aperto le porte alla possibilità di indagare territori, ruoli, identità inesplorati e alla ridefinizione del femminile al di fuori dei parametri tradizionali.

Serie Conectores (albanicos horizontales), 135x85x30. Copyright Miriam Medrez

Da circa vent’anni, la sperimentazione di Miriam Medrez si è orientata verso il medium tessile: “trovo molte analogie tra la ceramica e l’arte tessile, poiché entrambe richiedono l’abilità della mano, entrambe consentono di ‘sentire’ i materiali che costruiscono dal vuoto. Inoltre, l’una attraverso il fuoco e l’altra attraverso il filo, trasformano la loro apparente informe fragilità acquisendo al termine del processo solidità, forma, forza.”

Materiali e tecniche tessile le consentono traiettorie narrative immersive e che evocano gesti e significati ancestrali capaci però di filtrare e distillare riflessioni sulle istanze della contemporaneità grazie all’intervento artistico: rammendare, suturare, vestire, riparare, avvolgere – un vocabolario che arricchisce e approfondisce il progetto creativo al centro del suo percorso in cui la figura femminile è allo stesso tempo una e molteplice, primitiva e all’avanguardia.

Mujeres en tela. Copyright Miriam Medrez

“Il mio lavoro – dice – ha sempre un aspetto o una prospettiva femminile, con donne o oggetti a cui siamo associate, come cucchiai, abiti, sedie e così via. Quando modello l’argilla, taglio o piego un tessuto, partecipo anche come Donna. Diamo alla luce bambini – come tutte le narrazioni sugli dei che creano gli esseri umani dall’argilla – e li “plasmiamo” – li alleviamo per crescere come individui. E attraverso i tessuti, sento la relazione speciale che le donne hanno con i vestiti, la nostra seconda pelle, e con le nostre case.”

Quien se come a quien. Copyright Miriam Medrez

I suoi lavori sono ispirati dalla realtà che la circonda, “le mie opere – dice – nascono dalla mia esperienza quotidiana, da oggetti d’uso comune e domestico, oppure da riflessioni sulle notizie che arrivano dal mondo, come le proteste o le rivendicazioni femministe, dall’esplorazione del corpo e della sua fisiologia nonché dalle molte forme di stereotipizzazione delle donne – come nell’installazione QUIEN SE COME A QUIEN (2019), ad esempio. Ho realizzato lavori in collaborazione con poetesse e scrittrici creando un abito-scultura basato su un loro testo individuale, un’esperienza personale molto forte.”

Miriam Medrez, Serie Ni una menos. Instalazione di misura variabile. Dettaglio, Camisa. Copyright Miriam Medrez

Lo scorso anno Medrez ha allestito NI UNA MENOS (2021) un’installazione potente composta da camicette da donna, strappate, lacerate o danneggiate, dense di scritte e sporche di vernice rossa, “un progetto – spiega – che affronta la difficile situazione che le donne subiscono in Messico, spesso vittime di abusi e omicidi e con un’altissima impunità per i criminali. Noi Donne sentiamo che le nostre voci non sono ascoltate dalle autorità, e credo che mai come adesso NON UNA DI MENO dovrebbe essere il risultato del nostro attivismo.”

Amplia la sua ricerca sul corpo con RESONANCIA ONIRICA (2022) un’installazione multimediale di trenta orecchie in tessuto delle dimensioni di un volto, sospese, che appaiono e scompaiono al ritmo di una composizione ricca di echi evocativi, note sottili e vibrazioni che portano a un’esperienza sensoriale, emotiva e meditativa.

RESONANCIA ONIRICA (2022). Copyright Miriam Medrez

Il lavoro di Miriam Medrez è stato esposto in innumerevoli mostre nazionali ed internazionali, in sedi istituzionali e gallerie private, ottenendo riconoscimenti prestigiosi in patria ed all’estero. Tra le partecipazioni, tra le altre, va segnalata la Triennale di Hang Zhou Fiber Arts (2019), Contextile2014 in Portogallo, dove ha vinto il Premio Acquisizione e World of Threads Festival, Ontario, Canada. Sue opere sono incluse nelle collezioni pubbliche permanenti della UDLAP Art Collection di Puebla, del Museo MARCO di Monterrey, di Casa Candina a San Juan Portorico, del Museo Keramik Grimeerhaus, Danimarca e del Jingdezhen Ceramic Cultural Center in Cina, solo per menzionarne alcune.

Mamalia. Copyright Miriam Medrez

Barbara Pavan

English version Sono nata a Monza nel 1969 ma cresciuta in provincia di Biella, terra di filati e tessuti. Mi sono occupata lungamente di arte contemporanea, dopo aver trasformato una passione in una professione. Ho curato mostre, progetti espositivi, manifestazioni culturali, cataloghi e blog tematici, collaborando con associazioni, gallerie, istituzioni pubbliche e private. Da qualche anno la mia attenzione è rivolta prevalentemente verso l’arte tessile e la fiber art, linguaggi contemporanei che assecondano un antico e mai sopito interesse per i tappeti ed i tessuti antichi. Su ARTEMORBIDA voglio raccontare la fiber art italiana, con interviste alle artiste ed agli artisti e recensioni degli eventi e delle mostre legate all’arte tessile sul territorio nazionale.