On the threshold of the Fine Art Academy

MOUMITA BASAK

*Featured photo: MOUMITA BASAK, When will I get it. Courtesy of the artist


MOUMITA BASAK was born in a village called Srirampur in 1996, in the Burdwan district in West Bengal, India. After high school, she was admitted to the Govt College of Art & Craft in Calcutta. She participated in the College’s annual exhibitions and was awarded the Shilpacharya Zainul Abedin scholarship for many academic years, until she obtained her MFA in 2022.

Her works were exhibited at KCC Art Fair in Emami and St-Kurge The Creation at ICCR in 2019 and in the same year Basak participated in KCC Art Fair workshop, Workshop River Festival, Prinsep Ghat, Kolkata and Rajya Charukala Prasad painting workshop in West Bengal. After starting an MFA in painting in 2020, she exhibited as part of the annual academic exhibition and was awarded the Ajay Bankim Memorial Scholarship. In 2021, she participated in the Kochi Student Biennale, the Annual Birla Academy of Art and Culture, the Annual Exhibition of Bombay Art Society and, in India, in the exhibition ‘1971: Retrospective’.

She participated in the Emami Art Residency Program in Kolkata and the Khoj Peers Residency Program in Delhi. Recently her works were exhibited at ‘World Within World Without’, a group exhibition at the Bikaner House in New Delhi and at the Ravi Jain Memorial Foundation Annual Awards Show at the Dhoomimal Gallery in Delhi.

We interviewed this young artist on the occasion of the awarding of the gold medal at the 17th International Tapestry Triennial in the Central Museum of Textile in Łódź, Poland.

MOUMITA BASAK, Untitled. Courtesy of the artist

When and how did you choose to be an artist?

Since childhood all of us love to paint and draw and I was not an exception. I can remember, when I was in class eight, I used to go to a teacher who taught us drawing. From him I got to know about “art college”, and I started to cheris a desire to take admission in art college. And after a few years when I got admitted, the exact journey bagin.

MOUMITA BASAK, Untitled. Courtesy of the artist

You are an artist who uses different expressive mediums. When and why do you choose textile materials and techniques?

Where I took admission ‘ Govt college of art and craft, Calcutta”, there the faculties specially emphasized on oil painting. But another mediums were also allowed. So I started to work with acrylic, wash, print etc and started to experiment with these mediums.

So when I came back to my village at COVID period, I tried to work but felt that I can’t manage those required materials here. Then a thought hit my mind that once upon a time here in our Village, women used to make so many handicrafts, did stitches in their leisure to show case their work like seating cloth, table cloth and so on. But now a days these habits have gone. Then I remembered that my elder sister also used to do the same and I also started to work with rest of the cloths and materials that she has left and began to experiment those with various mediums.

MOUMITA BASAK, Living the days. Courtesy of the artist

What are the themes you investigate through your art?

I usually do my work with my daily experience, memories and the surroundings. Actually I inspired by small things like rainfall, fallen leaves, changes of leaves colour from green to yellow, growth of tiny weeds, wall textures etc. All these observations help me a lot in my artistic practices. I believe each and every of these small things are individually also very much important and thus I try to show mainly women’s life in my practice. Being a woman I can feel them very much and observe their feelings also. And I think everywhere every people can relate a woman’s life like how it’s.

MOUMITA BASAK, Reflection & Relation. Courtesy of the artist

How central is the feminine unvierse and the women life in your artistic research?

Here my practice is going on that particular topic. I have started to observe village women behaviour from COVID period 2020. I think, I couldn’t relate this so sharply if I didn’t take admission in art college and stay a couple of years far from this village.

Women life is till now way more restricted. Specially in our society we can’t see gender equality so strongly. And you know this strong sense and practice is making me a kind of feminine and obviously, being a woman me myself can relate those barriers so firmly. I really believe in personal freedom. Thus this topic has become my practice topic now a days.

MOUMITA BASAK, Untitled. Courtesy of the artist

One of your works recently won the gold medal at the 17th International Tapestry Triennial in Lodz. How was this tapestry born and what is it about?

I work with my daily life experiences and the experience that I gather from other women’ s life. After 5 years when I came back in my village I started to observe things differently. I felt that in my childhood I was really free that epic feeling made me realise that most people may felt more free in their childhood.Then we came into contact with various things and we had different views. At that time we had a close relationship with nature. As we got older, this relationship was severed. But when we all grow up we come close to reality. Then our relationship with the home ismore then the external environment. In various cases we are limited. In my works various memories will come up which one happened.

I just wanted to share those feelings through my works. And I have done these only. I have added so meny mediums here with textile medium like – die, tea strain, wash, Nepali handmade paper etc.i made the figure here withdiscarded clothes, chain stitch, kantha stitch. I am using discarded clothes in a new way. Abandoned clothes such as those worn in a corner, are still restricted to girls in many cases I still see and feel. I think the topics that I have choosen can be shown more gracefully with these mediums. Ago women could depict so many stories through their handcrafts but here I have depicted the story of women through my work. As an artist, I think it’s vital to experiment with various mediums in any artistic research and you know I really enjoy the reactions and opportunities I get through my works.

MOUMITA BASAK, Courtesy of the artist

What did this award mean to you?

I have got a huge opportunity to show Indian culture and tradition in front of international viewers as my work was displayed in Central Museum of Lodz, Poland. I would thank to all of them who have arranged this exhibition.

I got astonished when I get to know that I became the gold medal winner. Also it made me glad to feel that my works have touched people. Obviously this medal has given my work an another level of inspiration. I want to thank all the curators, who have increased my self confidence and I want to promise that I would give my best in future also.

MOUMITA BASAK, Courtesy of the artist

What are your plans for the near future?

I do nothing with plans, and now all I want to continue my practice as usual and want to participate in various exhibitions. I think I would get more opportunities to show my experience and another side of our society to viewers and this can happen only through my practice.

Sulla soglia dell’Accademia

MOUMITA BASAK

*Foto in evidenza: MOUMITA BASAK, When will I get it. Courtesy of the artist


MOUMITA BASAK, classe 1996, è nata nel villaggio Srirampur, distretto di Burdwan nel Bengala Occidentale in India. Dopo la scuola superiore, è stata ammessa al Govt. College of Art & Craft di Calcutta. Ha partecipato alle mostre annuali del College ed ha ottenuto la borsa di studio Shilpacharya Zainul Abedin per più anni accademici. Ha conseguito il MFA nel 2022.

Le sue opere sono state esposte alla Fiera d’Arte KCC a Emami e St-Kurge The Creation all’ICCR nel 2019 e nello stesso anno Basak ha partecipato al workshop della KCC Art Fair, Workshop River Festival, Prinsep Ghat, Kolkata e al laboratorio di pittura di Rajya Charukala Prasad nel Bengala Occidentale. Ammessa al MFA in pittura nel 2020, espone nell’ambito dell’annuale mostra accademica conseguendo la borsa di studio Ajay Bankim Memorial. Nel 2021 ha partecipato alla Biennale Studenti di Kochi, all’Annual Birla Academy of Art and Culture, all’Annual Exhibition of Bombay Art Society e, in India, alla mostra “1971: Retrospective”.

Ha partecipato all’Emami Art Residency Program a Calcutta e al Khoj Peers Residency Program a Delhi. Recentemente le sue opere sono state esposte a “World Within World Without”, una mostra collettiva alla Bikaner House di New Delhi e al Ravi Jain Memorial Foundation Annual Awards Show alla Dhoomimal Gallery a Delhi.

Abbiamo intervistato questa giovane artista in occasione del conferimento della medaglia d’oro alla 17a Triennale Internazionale di Arazzi nel Central Museum of Textile a Lodz, in Polonia.

MOUMITA BASAK, Untitled. Courtesy of the artist

Quando e come ha scelto di fare l’artista?

Tutti i bambini amano dipingere e disegnare e io non ho fatto eccezione. Ricordo che, quando frequentavo l’ottava classe (terza media), andavo da un insegnante che ci insegnava a disegnare. Da lui sono venuta a conoscenza del “liceo artistico” e ho iniziato a nutrire il desiderio di esserne ammessa. E dopo qualche anno, quando sono stata ammessa, è iniziato il mio percorso.

MOUMITA BASAK, Untitled. Courtesy of the artist

Sei un’artista che utilizza diversi medium espressivi. Quando e perché scegli i materiali e le tecniche tessili?

Quando sono stata ammessa al “Govt college of art and craft, Calcutta”, le facoltà davano particolare importanza alla pittura a olio. Ma erano ammessi anche altri medium. Così ho iniziato a lavorare con l’acrilico, i lavaggi, le stampe ecc. e a sperimentare.
Quando sono tornata al mio villaggio nel periodo del COVID, ho cercato di lavorare, ma sentivo di non poter gestire questi materiali. Poi mi è venuto in mente che una volta, nel nostro villaggio, le donne erano solite realizzare tanti oggetti di artigianato, cucivano nel tempo libero e realizzavano stoffe da arredamento, tovaglie e così via. Oggi non più. Mi sono però ricordata che anche mia sorella maggiore passava il tempo allo stesso modo e ho iniziato a lavorare e sperimentare con le stoffe e i materiali che mi aveva lasciato.

MOUMITA BASAK, Let's go back one more time. Courtesy of the artist

Quali sono i temi che indaghi attraverso la tua arte?

Di solito lavoro attraverso le mie esperienze quotidiane, i ricordi e l’ambiente circostante. In realtà mi ispiro a piccole cose come le piogge, le foglie cadute, i cambiamenti di colore delle foglie dal verde al giallo, la crescita di piccole erbacce, le texture dei muri, ecc. Tutte queste osservazioni mi aiutano molto nelle mie pratiche artistiche. Credo che ognuna di queste piccole cose sia individualmente molto importante e quindi cerco di mostrare soprattutto la vita delle donne nelle mie opere. Essendo una donna sono in grado di osservare e percepire anche i loro sentimenti. E credo che ovunque le persone possano raccontare la vita di una donna così com’è.

MOUMITA BASAK, Living the days. Courtesy of the artist

Quanto è centrale l’universo femminile e la vita delle donne nella tua ricerca artistica?

La mia ricerca si concentra su questo tema specifico. Ho iniziato a osservare il comportamento delle donne dei villaggi a partire dal periodo COVID 2020. Penso che non avrei potuto raccontare tutto questo in modo così acuto se non fossi stata ammessa all’istituto d’arte e non avessi trascorso un paio d’anni lontano da questo villaggio.
La vita delle donne è stata finora molto più limitata. In particolare nella nostra società non è ben vista l’uguaglianza tra i sessi. Essendo io stessa una donna sono molto sensibile a queste barriere e, ovviamente, riesco a metterle in discussione con il mio lavoro. Credo davvero nella libertà personale. Perciò questo tema è diventato il mio argomento centrale in questi giorni.

MOUMITA BASAK, Reflection & Relation. Courtesy of the artist

Una delle tue opere ha recentemente vinto la medaglia d’oro alla XVII Triennale Internazionale di Arazzi di Lodz. Come è nato questo arazzo e di cosa parla?

Lavoro con le mie esperienze di vita quotidiana e con le esperienze che raccolgo dalla vita di altre donne. Dopo 5 anni, quando sono tornata nel mio villaggio, ho iniziato a osservare le cose in modo diverso. Ho sentito che nella mia infanzia sono stata davvero libera e questa sensazione epica mi ha fatto capire che per la maggior parte delle persone è così. A quel tempo avevo un rapporto stretto con la natura. Con l’avanzare dell’età, questo rapporto si è interrotto. Ma quando si cresce ci si avvicina alla realtà. Allora il nostro rapporto con la casa è maggiore rispetto a quello con l’ambiente esterno. In alcuni casi siamo limitati. Nelle mie opere affiorano vari ricordi del mio passato.
Volevo condividere queste sensazioni attraverso le mie opere. E le ho realizzate. Ho inserito così tanti medium, tra cui quello tessile, il filtro del tè, la carta fatta a mano nepalese, ecc. Sto usando abiti scartati. Penso che i temi che affronto possano essere mostrati con più facilità con questi materiali. Le donne di Ago potrebbero raccontare tante storie attraverso i loro manufatti, ma qui sono io che rappresento la storia delle donne attraverso il mio lavoro. Come artista, penso che sia fondamentale sperimentare vari materiali in qualsiasi ricerca artistica, mi piace molto il risultato che ottengo nelle mie opere.

MOUMITA BASAK, Courtesy of the artist

Che cosa ha significato per te questo premio?

Ho avuto la grande opportunità di mostrare la cultura e la tradizione indiana di fronte a un pubblico internazionale, dato che il mio lavoro è stato esposto al Museo Centrale di Lodz, in Polonia. Ringrazio tutti coloro che hanno organizzato questa mostra.
Sono rimasta stupita quando ho saputo di aver vinto la medaglia d’oro. Mi ha fatto anche piacere sentire che le mie opere hanno colpito il pubblico. Ovviamente questa medaglia ha dato al mio lavoro un ulteriore livello di ispirazione. Voglio ringraziare tutti i curatori, che hanno accresciuto la mia autostima e prometto che darò il meglio di me anche in futuro.

MOUMITA BASAK, Courtesy of the artist

Quali sono i tuoi progetti per il prossimo futuro?

Non ho progetti, ora voglio solo continuare la mia attività come sempre e partecipare a varie mostre. Penso che posso avere più opportunità di mostrare la mia esperienza ad un altro pubblico e questo può accadere solo attraverso il mio lavoro.

Barbara Pavan

English version Sono nata a Monza nel 1969 ma cresciuta in provincia di Biella, terra di filati e tessuti. Mi sono occupata lungamente di arte contemporanea, dopo aver trasformato una passione in una professione. Ho curato mostre, progetti espositivi, manifestazioni culturali, cataloghi e blog tematici, collaborando con associazioni, gallerie, istituzioni pubbliche e private. Da qualche anno la mia attenzione è rivolta prevalentemente verso l’arte tessile e la fiber art, linguaggi contemporanei che assecondano un antico e mai sopito interesse per i tappeti ed i tessuti antichi. Su ARTEMORBIDA voglio raccontare la fiber art italiana, con interviste alle artiste ed agli artisti e recensioni degli eventi e delle mostre legate all’arte tessile sul territorio nazionale.