• 4 Dicembre 2022 13:53

Museo del Tessile San Gallo

English (Inglese)

Textilmuseum St. Gallen
Vadianstrasse 2 – 9000 St. Gallen
info@textilmuseum.ch
http://www.textilmuseum.ch

Vi presentiamo il Textilmuseum St.Gallen attraverso l’intervista a Silvia Gross, responsabile della comunicazione per il museo che ci ha illustrato la sua storia, la sua collezione permanente e le molte attività istituzionali organizzate e promosse nella sua sede.

Perché un Museo del Tessile a San Gallo?

La Svizzera orientale è stato uno dei centri tessili più importanti d’Europa nella seconda metà del XIX secolo. Particolarmente famoso era il cosiddetto pizzo di San Gallo, che è in realtà un ricamo a macchina che ha sempre goduto di grande popolarità in tutto il mondo, soprattutto nella haute couture.

Come è nato il Museo Tessile?

Ispirato dalle fiere mondiali, mostre tecniche e di artigianato che catturavano l’attenzione di un vasto pubblico a partire alla metà del XIX secolo in poi, il Kaufmännische Direktorium nel 1863 riunisce i primi campionari dell’industria tessile della regione.

Nel 1878 viene fondato il “Museo dell’industria e del commercio di San Gallo”. Il museo apre nel 1886 nell’ex sito del Seidenhof sulla Vadianstrasse in un palazzo di architettura storicista. Per la facciata in mattoni rossi l’edificio, il cui progetto è dell’architetto zurighese Gustav Gull, viene chiamato anche ‘Palazzo Rosso’. Oltre alle collezioni del Kaufmännische Direktorium, ospita la Biblioteca Tessile, la Scuola di Disegno e, dal 1890, la Scuola di Ricamo.

Dal 1900 in poi le mostre temporanee vengono organizzate sempre più spesso, per cui il museo può contare su importanti collezioni private e archivi aziendali consegnati alle istituzioni nel corso dei decenni. Queste ultime vanno a integrare i campionari originali con preziosi tessuti storici che una volta servivano agli industriali tessili come modello per la loro produzione e che oggi si annoverano tra i pezzi forti della collezione del museo. Più passa il tempo più la collezione continua a crescere. C’è sempre più bisogno di spazio e così nel 1956 il museo viene ampliato verso l’alto, con un’importante alterazione estetica dell’edificio, così come succede quando nel 1962 la facciata viene dipinta di grigio. Nel 1982 il museo viene rinominato, da ‘Museo dell’Industria e del Commercio’ a ‘Museo Tessile’ e ‘Biblioteca Tessile’. Quest’ultima viene modificata e ampliata nel 1987/88. Nel 1991 il museo tessile e la biblioteca vengono trasferiti alla “Stiftung IHK”. Dal 2012 il Museo del Tessile di San Gallo è gestito dal “Verein Textilmuseum”, che lavora a stretto contatto con la “Stiftung Textilmuseum”, che ha inglobato nel 2019 la “Stiftung IHK”.

Qual è la mission del Museo?

Agli inizi, il museo serviva principalmente come centro di formazione e collezione di modelli. Il suo scopo era quello di promuovere l’industria tessile locale. Oggi, il Textile Museum può considerarsi un centro di eccellenza che informa il pubblico di tutto quello che gira intorno al tessile, con particolare attenzione a trasmettere il valore del tessile nell’era del pronto moda e a incoraggiare i visitatori a adottare un approccio sostenibile al tessile e all’abbigliamento in genere.

Come è composta la collezione permanente del Museo?

Il Museo del Tessile ospita una delle collezioni tessili può importanti della Svizzera. Comprende ricami storici, pizzi lavorati a mano, tessuti provenienti da paesi extraeuropei, tessuti storici e costumi di diversi secoli. Campionari, foto di moda e disegni ampliano la collezione, che illustra la storia multiforme dell’industria tessile svizzera, sia radicata a livello regionale che collegata a livello internazionale.

Dal 1863 il Kaufmännische Direktorium (Direzione Commerciale), un precursore della Camera dell’Industria e del Commercio, acquista regolarmente campioni di tessuto dalla Francia, che devono servire come modello e ispirazione per l’industria tessile della regione. Le collezioni di campioni sono ampliate da acquisti e doni da importanti collezioni private e dall’assorbimento di archivi aziendali.

Oggi circa 56.000 oggetti sono conservati nei depositi del Museo Tessile. Oltre alla conservazione e alla ricerca sui possedimenti, un aspetto importante del nostro lavoro è la digitalizzazione della collezione. Gli oggetti sono registrati in un database e resi accessibili al pubblico in una selezione che si trova nel Catalogo Online del Museo Tessile.

Il Museo Tessile possiede circa 5.000 merletti del periodo che va dal XVI all’inizio del XX secolo, alcuni dei quali sono di qualità pregiata. L’inventario più importante della collezione di merletti proviene dalle collezioni di Leopold Iklé e John Jacoby. I merletti della collezione di Carolina Maraini-Sommaruga si trovano nel Museo Tessile come prestito permanente del governo federale.

Straordinari ricami di immagini risalenti al XIV-XVI secolo provengono dalle collezioni di Leopold Iklé e John Jacoby. I ricami bianchi fatti a mano così come i prodotti ricamati a macchina tracciano la storia dell’industria del ricamo della Svizzera orientale nel XIX e XX secolo. Gli oggetti hanno potuto essere assorbiti nel Museo Tessile per accettazione di un inventario aziendale selezionato.

Un inventario completo e rappresentativo di tessuti è giunto al Museo Tessile dalle collezioni di Friedrich Fischbach e della Schweizer Textilfachschule. I frammenti raccontano la storia della tessitura della seta europea dal Medioevo fino al XX secolo.

Articoli di abbigliamento e accessori che vanno dal XVIII secolo ai giorni nostri illustrano l’uso di tessuti e tecniche tessili e raccontano la storia della moda. Per ampliare le nostre collezioni, cerchiamo abiti da donna e da uomo di importanti firme e capi d’abbigliamento che siano chiaramente realizzati con tessuti svizzeri.

I campioni di tessuto acquistati dal Kaufmännische Direktorium a partire dal 1863 sono stati riuniti nel XX secolo in campionari. Lentamente, si è costituita un’impressionante collezione di questi libri, che è stata arricchita da doni. Un importante inventario di campionari arrivò al museo nel 1983 dal patrimonio della ditta Fa. Grauer & Co.

La collezione contiene fotografie di modelli di ricamo a macchina di San Gallo e di tessuti svizzeri dagli anni 1920 agli anni 1990. Inoltre, contiene vari disegni e illustrazioni, tra cui le opere dell’illustratore di moda di Basilea Walter Niggli.

Il Museo ospita anche mostre temporanee? E di che genere?

Oggi il Museo del tessile gestisce una collezione complessiva di circa 56.000 oggetti. Ospita due o tre mostre speciali ogni anno, che completano tematicamente l’esposizione permanente sulla storia del tessile nella Svizzera orientale. Presenta un programma di eventi molto vario con attività educative legate al museo.

Come coniugate tradizione e contemporaneità?

Cerchiamo di considerare entrambi gli aspetti all’interno della nostra esposizione (vale a dire, mettere in relazione gli aspetti storici con il pensiero moderno) e cerchiamo di allestire un programma espositivo che includa sia argomenti storici che argomenti di design e moda di attualità o questioni sociali come il Pronto Moda (Fast Fashion).

Quali sono le altre offerte del Museo (didattiche, formative, ecc.)?

Abbiamo una biblioteca tessile, una biblioteca pubblica con focus su temi tessili e artistici e programmi per le scuole e le famiglie così come eventi per diversi gruppi di riferimento: visite guidate, workshop, conferenze al museo ecc. Il museo ha anche un negozio che offre prodotti tessili tradizionali del design regionale e svizzero.

Quanto è importante il Museo per il territorio e qual è il legame con la comunità?

Il museo tessile è molto importante per l’identità culturale della regione: oggi l’industria tessile (un tempo l’industria leader della Svizzera) non esiste quasi più. Il museo conserva il patrimonio culturale che rappresentava in qualche modo la Svizzera orientale e la sua società.

Offriamo programmi per diversi gruppi di riferimento, cooperiamo con altre organizzazioni culturali e scientifiche e informiamo il grande pubblico (persone della regione e turisti) sulla storia tessile di San Gallo.

Chi sono i visitatori del Museo?

Visitano il museo persone singole della regione e di altre regioni svizzere, turisti dall’Europa e dal mondo, specialmente dall’Asia e gli studenti di tutti gli ordini e universitari.