Interview

NADIA DÍAZ GRAVERÁN

*Featured photo: Series: I don’t want to forget. FAITH. 2019. Stamen table. Thread on wood. Thread, glass beads, beeswax, wood. 20 x 20 cm

Nadia Díaz Graverán (Havana, 1982) defines herself as a Cuban mother, woman and artist. A graduate of the National Academy of Fine Arts in San Alejandro, she spent years working in street theatre until 2015 when she chose to professionally return to her research within the visual arts.

Since 2016, she has exhibited regularly in solo and group exhibitions nationally and internationally. Her most recent ones include White on White. Black Circle. Vol II, Wolfgang Gallery, Oncyber.io; NFT Cuba Art. On Altitude, Oncyber.io; Cuban Women Art, Oncyber.io, Twitter Spaces. In 2022 her works are on display at the Triennial of Latin American Art of New York (NYLAAT), the First Material Biennial of China in Quingdao (China). In 2019, Mariano Gallery presented her solo exhibition at Casa de las Américas in Havana.

Between past and future, drawing on traditional knowledge and ancestral subjects, Nadia Diaz experiments with techniques and materials until she lands at NFT, the avant-garde of contemporary art. She tells us about this journey and her research in this beautiful interview.

Amazing grace. 2021. New Generation Collection. Story of a birth. Digital Photography

Are you born as an artist or did you become an artist? And what does it mean to be an artist for you?

Art has always been my refuge, my expression, my freedom, my struggle, expansion and a way of healing, essentially in difficult times. When I understood that it was my purpose in this life, I found myself. Being an artist is for me a natural gift of this existence.

Armour Will Temperance. 2021 (work in progress). Woven installation. Low-point crochet fabric on my children's X-ray plates. Yarn, cotton fabric, plates, lights. Variable dimensions

In your opinion, what is the responsibility of the artist with respect to his time and the society in which he/she works and lives?

The artist is an arrowhead that slits the world where it´s launched. He may or may not be connected to his time, reality or society, even ignoring his environment, it all depends on his personal vision.

However, in my opinion, artists have an important power of communication that must be used wisely. A work can change everything, depending on the context and content. These are times to say what is essential, to live each process (interior and exterior), to support the causes that make us vibrate strong and to fight for them. Not taking advantage of this opportunity would be a waste.

The degree of responsibility depends on each one of us, and the involvement with our present, too.

Circulatio. 2020. Yarn table. Thread on wood. Thread, beeswax, wood

How autobiographical is your research and how intimately are art and life interconnected for you?

My work is the expression of experiences transformed into art. All my work is born from something I lived, no matter what it was. Behind it there is always a story that blends with the piece until they become one soul.

Through the creative process I experience the greatest changes, I learn from the many hours of realization, the discipline, concentration, the firmness to reach the result I´m looking for, which requires me a continuous transformation. I´m constantly constructing and deconstructing myself.

For me, art is life, from the crudest to the most sublime.

Series: This Earth Is My Whole Body. The one who does not put the soul at the root, dries up. 2021. Tanka. Poem no. III. Poems without a name. Sweet Maria Loynaz del Castillo. Fragment. Hand embroidery. Inlay of hair with black thread on white cotton fabric, sewn in antiseptic fabric. Human hair, cotton fabric, antiseptic fabric and yarn. 314 x 102 cm

What is the “Linea de la vida”?

Line of Life is a series that discusses the events of conception, birth, miscarriage, loss, grief, understanding, meditation, healing and transformation through my personal experience and creative process.

It does not seek culprits, it does not seek to judge, nor to mark, it does not demand whys, it does not deprive women of their rights, it does not contradict any belief.

It´s born from a personal experience that feels sister to many other stories from which it is woven and nourished. It brings to light a reality that exists as much as life itself and is its counterpart.

As women of these times, it´s important to exercise our right over the physical body and recognize the need to reestablish the body-mind-spirit link, take responsibility for our sexual life and education, and heal inner pains, while learning and transforming ourselves.

Everything starts with a 12m x 10cm line, crocheted with jasmine stitch, where 1m = 1 week, representing the first 12 weeks of gestation, the time when most miscarriages of the three types occur.

From it hang fetuses woven to the approximate size and weight of those aborted, each in its corresponding week.

This work is still in progress.

From this mother piece arise others that deal with different points within motherhood and the female experience, where I explore different techniques and formats.

Some of them are Line of life is not just flowers, Circulatio, 85445, Armour Will Temperance, New Generation. A birth story. (NFT Collection), Line of Life. (NFT Collection)

Series: This Earth Is My Whole Body. This earth is my whole body. 2021. Tanka. Hand embroidery. Inlay of hair with red thread on white cotton fabric, sewn in antiseptic fabric. Human hair, cotton fabric, antiseptic fabric and yarn. 206 x 54 cm

Textile is traditionally associated with women’s domestic or recreational activities. Is there also a desire to overcome stereotypes and prejudices in choosing this medium for your artistic practice?

Weaving is part of my human essence.

When I learned I connected with the tradition of many weaving ancestors, which is important to me from the knowledge and wisdom it can bring, but never as an imposition or immovable dogma.

Art is the vehicle of expression I have to explore who I am and how I live, understanding everything that happens around me.

Stereotypes will always exist, just like prejudices about certain subjects, they are links of our human society. Yes I have encountered them but, when creating I don’t worry about breaking them or not, I just flow and let the message to be given take care of everything. Although, honestly, I can really enjoy breaking certain barriers.

The lifeline is not just flowers. 2020 (work in progress). Woven installation. Crochet fabric made with jasmine knitting. White paper thread, red stamen, menstrual blood, human hair. 10 cm x 1200 cm

Textiles – materials and techniques – have their roots in the mists of time. How does this ancient heritage combine with the NFT, the avant-garde of the contemporary art?

Thanks to the continuous exercise of creation and photography.

With the pandemic the doors were closed for many realities, among them the art market, but a total change always requires renewal.

In mid 2021 I began to hear about NFTs, the opportunities they offered, the new perspective they gave to the art world, the autonomy it gives to the artist as creator and marketer of his work, the authenticity of the work as a digital archive, among others. I applied to a call in which I was selected and I was able to create my first illustration.

I had never explored the digital world, the thread was the first thing I knew, since I was a child I felt attracted to it as an initiatory material. However, as a creator one should not set limits for oneself, and I was very attracted to the new perspective.

I wanted to maintain my passion for weaving and at the same time develop and learn from this new path.

I discovered the possibility that, through photography, I could unite two worlds that are apparently distant but that merge into each other.

Thus were born several collections that are currently part of the Life Line series, and that naturally have been interwoven between technology, contemporaneity and tradition.

Genesis. 2021. New Generation Collection. Story of a birth. Digital Photography

For the “This earth is my whole body” series you used human hair. Can you tell me about these works and why this choice?

For me it is important that the material I use or don’t use in the work, brings both physical and symbolic content to it. Each one, according to its discourse, completes its expression with the right material.

Esta tierra es todo mi cuerpo is a series from the beginning of 2021, but it is fully developed after 11J in Cuba.

It speaks of my feelings regarding the reality in which I currently live, of the pain that my land causes me, which is not only the small island, but also the whole planet, and also my small body. Of my relationship with the totality that surrounds us, of going from the big to the particular in a phrase that resonates in me as a truth, taken from different authors and that discourse on points of interest due to their relationship with my life.

Hair has the information of the person, their DNA, the story of who they are. It is also root, branch, strands that seek the earth from us.

When I comb someone in the family, or a friend gets a haircut, I take the hair and make little strands of thread, which I then embroider in consecutive line creating each letter, word, and finally the whole sentence. By using my hair and my family’s hair I bring to the work important symbolic-energetic information, offering a part of me and mine that merges with the support, the message, the rhythm of the calligraphy, the inner transformation that comes from the creative process, and the need to convey a reality that is myself, in all my extension. With each stitch everything comes together.

The hair is embroidered on antiseptic fabric, a fabric that in Cuba is used for diapers for newborns, and that the government gives it in a single module per pregnant woman. The fabric left over from my three maternities became the perfect support for some of the works in this series.

Labour. 2021. New Generation Collection. Story of a birth. Digital Photography

From the first works to the last, how has your artistic research evolved and how has your art changed?

I think the evolution can be seen in the work itself, from the formal to the conceptual. The constancy and discipline of daily work makes the artist mature in his proposals.

Today I am in a different place from where I will be tomorrow and that comes from yesterday, from mistakes, insecurities, pains, conquered fears, from study and the firmness to keep learning.

My search is more and more internal, even if it touches external or concrete themes inherent to my reality, it is inside where the transmutation occurs from which the work will come out. There are things that do not change, such as the visceral need to make art constantly, but there are others that are constantly renewed in the creative action.

My work and I have changed and grown together.

Interviste

NADIA DÍAZ GRAVERÁN

*Foto in evidenza: Series: I don’t want to forget. FAITH. 2019. Stamen table. Thread on wood. Thread, glass beads, beeswax, wood. 20 x 20 cm

Nadia Díaz Graverán (L’Avana, 1982) si definisce una madre, una donna e un’artista cubana. Diplomata all’Accademia Nazionale di Belle Arti di San Alejandro, si è dedicata per anni al teatro di strada fino al 2015 quando ha scelto di tornare a dedicarsi professionalmente alla sua ricerca nelle arti visive.

Dal 2016 espone regolarmente in mostre personali e collettive in ambito nazionale ed internazionale. Tra le più recenti, nel 2021, White on White. Black Circle. vol II, Wolfgang Gallery, Oncyber.io; NFT Cuba Art. On Altitude, Oncyber.io; Cuban Women Art, Oncyber.io, Twitter Spaces. Nel 2022 le sue opere sono in mostra alla Triennale of Latin American Art of New York (NYLAAT), alla First Material Biennial of China a Quingdao (China). Nel 2019 la Mariano Gallery ha presentato la sua personale alla Casa de las Américas di L’Avana.

Tra passato e futuro, attingendo a saperi tradizionali e a temi ancestrali, Nadia Diaz sperimenta tecniche e materiali fino ad approdare all’NFT, l’avanguardia dell’arte contemporanea. Ci racconta questo percorso e la sua ricerca in questa bella intervista.

Amazing grace. 2021. New Generation Collection. Story of a birth. Digital Photography

Artisti si nasce? E cosa significa essere un’artista per te?

L’arte è sempre stata il mio rifugio, la mia modalità espressiva, la mia libertà, la mia lotta, l’espansione e un modo di guarire, essenziale nei momenti difficili. Quando ho capito che era il mio scopo in questa vita, ho trovato me stessa. Essere artista è, per me, un dono naturale di questa esistenza.

Armour Will Temperance. 2021 (work in progress). Woven installation. Low-point crochet fabric on my children's X-ray plates. Yarn, cotton fabric, plates, lights. Variable dimensions

Qual è, secondo te, la responsabilità dell’artista rispetto al suo tempo ed alla società in cui opera e vive?

L’artista è una punta di freccia che colpisce il mondo dove viene lanciata. Egli può essere collegato o meno al suo tempo, alla realtà o alla società, può anche ignorare il suo ambiente, tutto dipende dalla sua visione personale.

Tuttavia, secondo me, gli artisti hanno un importante potere di comunicazione che deve essere usato con giudizio. A seconda del contesto e del contenuto, un’opera può cambiare tutto. Questi sono tempi per parlare dell’essenziale, per vivere ogni processo (interiore ed esteriore), per sostenere le cause che ci fanno vibrare forte e lottare per esse. Non approfittare di questa opportunità sarebbe uno spreco. Il grado di responsabilità dipende da ognuno di noi, e anche il coinvolgimento con il nostro presente.

Circulatio. 2020. Yarn table. Thread on wood. Thread, beeswax, wood

Quanto è autobiografica la tua ricerca e quanto sono intimamente legate l’arte e la vita per te?

Il mio lavoro rappresenta l’espressione di esperienze che si trasformano in arte. Tutto il mio lavoro nasce da qualcosa che ho vissuto, non importa cosa sia stato. Dietro c’è sempre una storia che si fonde con il pezzo fino a diventare una sola anima.

Attraverso il processo creativo vivo i più grandi cambiamenti, imparo dalle molte ore di produzione, la disciplina, la concentrazione, la determinazione nel raggiungere il risultato che sto cercando, il che richiede una continua trasformazione. Costruisco e decostruisco costantemente me stessa. L’arte, per me, è la vita, dalla più cruda alla più sublime.

Series: This Earth Is My Whole Body. The one who does not put the soul at the root, dries up. 2021. Tanka. Poem no. III. Poems without a name. Sweet Maria Loynaz del Castillo. Fragment. Hand embroidery. Inlay of hair with black thread on white cotton fabric, sewn in antiseptic fabric. Human hair, cotton fabric, antiseptic fabric and yarn. 314 x 102 cm

Cos’è la “Linea de la vida”?

“Linea de la vida” è una serie che tratta il concepimento, la nascita, l’aborto, la perdita, il dolore, la comprensione, la meditazione, la guarigione e la trasformazione attraverso la mia esperienza personale e il mio processo creativo. Non cerca i colpevoli, non cerca di giudicare, né di marchiare, non chiede il perché, non priva le donne dei loro diritti, non contraddice nessuna credenza. Nasce da un’esperienza personale che si sente sorella di molte altre storie da cui è intessuta e nutrita. Porta alla luce una realtà che esiste tanto quanto la vita stessa e ne è la controparte. Come donne di questi tempi, è importante esercitare il nostro diritto sul corpo fisico e riconoscere la necessità di ristabilire un legame corpo-mente-spirito, assumendoci la responsabilità della nostra vita sessuale e della nostra educazione, guarendo i nostri dolori interiori, mentre impariamo e ci trasformiamo.

Tutto inizia con una linea di 12m x 10cm, lavorata all’uncinetto a punto gelsomino, dove 1m = 1 settimana, a rappresentare le prime 12 settimane di gestazione, il periodo in cui avviene la maggior parte degli aborti spontanei. Da essa pendono feti tessuti secondo le dimensioni e il peso approssimativo di quelli abortiti, ognuno nella rispettiva settimana.

Questo lavoro è ancora in corso.

Da questa opera madre ne nascono altre che trattano diversi momenti della maternità e dell’esperienza femminile, dove esploro varie tecniche e formati.

Alcuni di essi sono: Line of life is not just flowers, Circulatio, 85445, Armour Will Temperance, New Generation. A birth story. (Collezione NFT), Line of Life. (Collezione NFT)

Series: This Earth Is My Whole Body. This earth is my whole body. 2021. Tanka. Hand embroidery. Inlay of hair with red thread on white cotton fabric, sewn in antiseptic fabric. Human hair, cotton fabric, antiseptic fabric and yarn. 206 x 54 cm

Il tessile è tradizionalmente associato alle attività domestiche o ricreative femminili. Nella scelta di questo medium per la tua pratica artistica c’è anche la volontà di superare stereotipi e pregiudizi?

La tessitura fa parte della mia essenza di essere umano.

Imparando mi sono relazionata con la tradizione di molti antenati tessitori, importante per me dal punto di vista della conoscenza e della saggezza che può dare, ma mai come un’imposizione o un dogma inamovibile. L’arte è il veicolo di espressione che ho per esplorare chi sono e come vivo, cercando di capire tutto ciò che accade intorno a me. Gli stereotipi esisteranno sempre, proprio come i pregiudizi su certi argomenti, questi sono vincoli della nostra società. Sì, li ho incontrati ma, quando creo, non mi preoccupo di romperli o meno, semplicemente lavoro in maniera fluida e lascio che il messaggio da trasmettere si occupi di tutto. Anche se, onestamente, mi piace molto rompere certe barriere.

The lifeline is not just flowers. 2020 (work in progress). Woven installation. Crochet fabric made with jasmine knitting. White paper thread, red stamen, menstrual blood, human hair. 10 cm x 1200 cm

Il tessile – materiali e tecniche – affondano le radici nella notte dei tempi. Come si coniuga questo patrimonio antico con la NFT, l’avanguardia della contemporaneità?

Grazie al continuo esercizio della creazione e della fotografia. Con la pandemia le porte si sono chiuse per molte realtà, tra cui il mercato dell’arte, ma un cambiamento totale richiede sempre un rinnovamento.

A metà del 2021 ho cominciato a sentire parlare di NFT, delle opportunità che offrivano, della nuova prospettiva che davano al mondo dell’arte, dell’autonomia che dava all’artista come creatore e commerciante del suo lavoro, dell’autenticità dell’opera come archivio digitale, tra gli altri. Ho fatto domanda per un bando in cui sono stato selezionata e ho potuto creare la mia prima illustrazione. Non avevo mai esplorato il mondo digitale, il filo è stata la prima cosa che ho conosciuto, fin da bambina mi ha attratta come un materiale iniziatico. Tuttavia, come creatore non bisogna porsi dei limiti, ed ero molto attratta da questa nuova prospettiva. Mantenendo la mia passione per la tessitura volevo sviluppare e imparare da questo nuovo percorso. Ho scoperto che, attraverso la fotografia, potevo unire due mondi apparentemente lontani ma che si fondono l’uno nell’altro. Sono nate così diverse opere che fanno attualmente parte della serie Life Line dove tecnologia, contemporaneità e tradizione si intrecciano naturalmente.

Genesis. 2021. New Generation Collection. Story of a birth. Digital Photography

Per la serie “This earth is my whole body” hai utilizzato i capelli umani. Mi racconti queste opere e perché questa scelta?

Per me è importante che il materiale che scelgo di usare o meno nel mio lavoro apporti un contenuto sia fisico che simbolico. Ognuno, secondo la propria poetica, completa la sua espressione con il materiale appropriato. Esta tierra es todo mi cuerpo è una serie dell’inizio del 2021, ma si sviluppa pienamente dopo 11J a Cuba. Parla dei miei sentimenti rispetto alla realtà in cui vivo attualmente, del dolore che mi provoca la mia terra, che non è solo una piccola isola, ma l’intero pianeta, e anche il mio piccolo corpo. Della mia relazione con la totalità che ci circonda, del passare dal grande al particolare in una frase che risuona in me come una verità, presa da diversi autori e che parla di elementi interessanti per la loro relazione con la mia vita.

I capelli hanno le informazioni della persona, il loro DNA, la storia di chi sono. Sono anche radici, rami, fili che da noi cercano la terra.

Quando pettino qualcuno in famiglia, o un amico si taglia i capelli, prendo i capelli e faccio piccole ciocche di filo, che poi ricamo seguendo una linea consecutiva creando così ogni lettera, parola, e infine l’intera frase. Usando i miei capelli e quelli della mia famiglia apporto al lavoro importanti informazioni simbolico-energetiche, offrendo una parte di me stessa che si fonde con il supporto, il messaggio, il ritmo della calligrafia, la trasformazione interiore che viene dal processo creativo, e la necessità di trasmettere una realtà che sono io, in tutta la mia estensione. Con ogni punto tutto si unisce. I capelli sono ricamati su tessuto antisettico, un tessuto che a Cuba si usa per i pannolini dei neonati, e che il governo dà in un’unica soluzione per ogni donna incinta. Il tessuto rimanente dalle mie tre maternità è diventato quindi il supporto perfetto per alcune delle opere di questa serie.

Labour. 2021. New Generation Collection. Story of a birth. Digital Photography

Dai primi lavori agli ultimi, come si è evoluta la tua ricerca artistica e come è cambiata la tua arte?

Penso che l’evoluzione possa essere vista nel lavoro stesso, dal formale al concettuale. La costanza e la disciplina del lavoro quotidiano fanno maturare l’artista nelle sue proposte.

Oggi sono in un posto diverso da dove sarò domani e questo dipende dal mio ieri, dagli errori, insicurezze, dolori, dalle paure superate, dallo studio e dalla determinazione nel continuare a imparare.

La mia ricerca è sempre più interna, anche se tocca temi esteriori o concreti inerenti alla mia realtà, ma è dentro dove avviene la trasmutazione da cui nascerà l’opera. Ci sono cose che non cambiano, come il bisogno viscerale di fare arte costantemente, ma ce ne sono altre che si rinnovano costantemente nell’azione creativa. Io e il mio lavoro siamo cambiati e cresciuti insieme.

Barbara Pavan

English version Sono nata a Monza nel 1969 ma cresciuta in provincia di Biella, terra di filati e tessuti. Mi sono occupata lungamente di arte contemporanea, dopo aver trasformato una passione in una professione. Ho curato mostre, progetti espositivi, manifestazioni culturali, cataloghi e blog tematici, collaborando con associazioni, gallerie, istituzioni pubbliche e private. Da qualche anno la mia attenzione è rivolta prevalentemente verso l’arte tessile e la fiber art, linguaggi contemporanei che assecondano un antico e mai sopito interesse per i tappeti ed i tessuti antichi. Su ARTEMORBIDA voglio raccontare la fiber art italiana, con interviste alle artiste ed agli artisti e recensioni degli eventi e delle mostre legate all’arte tessile sul territorio nazionale.