Interview

NANCY KOENIGSBERG

*Featured photo: Winter Field, 2019, coated copper wire, 48 x 48 x 1, ph. cr. Jean Vong, copyright Nancy Koenigsberg

Nancy Koenigsberg’s is an artist living and working in New York; she uses sculpture and installation as the main expressive mediums in her practice. Complex fabrics, dynamic tangles of light, shadows and transparency are created with woven, knotted or crocheted metal wires.

Industrial materials, like copper and steel, are used by the artist in forms and structures that often remind of the softness of cloth, creating works that could appear as fragile and delicate, in contrast to the solidity of the material they are made out of.

Koenigsberg’s sculptures appear as complex explorations of space inspired by urban geometries, the grids of New York streets, and the repeated facades of the city’s buildings. These elements belong to the artist’s DNA; fascinated by the line’s expressive potential, she draws and creates outlines, volumes and stratified shapes.

Her works have been widely exhibited on an international level. They are now part of important public and private collections, including the Houston Museum of Fine Arts, the Cleveland Museum, the Museum of Arts and Design, the New York and Racine Art Museum and the Textile Museum in Washington.

Koenigsberg is the founder and Chairman Emeritus of the Textile Study Group of New York, a well-known association committed to studying and disseminating fibre art and promoting the work of its members, among whom are mostly artists but also historians, curators and teachers.

https://www.nancykoenigsberg.com/

Enclosure I, 1992, coated copper wire, 24 x 48 x 24, ph. cr. Jean Vong, copyright Nancy Koenigsberg

How did you approach art? What was your path, how and when did you come into contact with the textile medium?

I don’t know that I approached art. Paintings and drawings and made objects were simply part of my world, like stones and trees and the night sky. As a child, I loved to draw. I don’t recall when I started to draw any more than when I started to speak. As a very little girl—perhaps 6 or 7—I learned to knit and crochet. I suppose that was when I started working in the textile medium, though I’m sure I didn’t think of it as “work” or “art”. I was just knitting and crocheting- but when I was drawing and knitting and crocheting my awareness of time and space was altered, and I felt true.

I continued to knit, crochet, draw, and to paint. Before college, I took a sculpture course at a local art school, and this was my first introduction to working in 3 dimensions. I loved it. In college, I studied art history, and took courses in drawing and painting. (Courses in sculpture were not available.)

I learned to needlepoint but was quickly disappointed in the available designs, so I started designing my own needlepoint canvasses. Friends saw my designs and asked me to create needlepoint canvasses for them to complete. Requests from friends of those friends followed and I was suddenly in the business—an enterprise that grew and prospered for a decade. I had some wonderful clients, but the work itself was artistically unfulfilling. I decided to tie off that thread and change direction.

In 1974, I enrolled in a textile course at the New School in New York City. I had the great good fortune of studying for two years with Gayle Wimmer, a brilliant fiber artist. Her own wonderful work incorporated a wide range of materials—gauze, goat hair, old newspapers— woven together to create complex structures. Our classes met on Thursday nights at Gayle’s pristine studio. She was an inspiring teacher and helped open my eyes to a world of “off loom” possibilities that changed the trajectory of my work and my life.

Dangerous Cloth, 2000, coated copper wire, 72 x 15 x 7, ph. cr. Cathy Carver, copyright Nancy Koenigsberg

The use of textile materials has been an important part of your work. Today you have switched to the use of industrial materials such as copper wire but worked with typical textile techniques. Can you tell us the reason for this choice?

Traditional textile materials—cotton, wool, linen, silk—are diverse. Each has a unique combination of physical properties: plasticity, elasticity, thickness, softness. Textile artists and artisans have always selected materials that best served their vision. The availability of new materials offered new properties that made possible new forms. In my case, I wanted to make open, three-dimensional pieces. Traditional fibers didn’t provide the structural stability the work required, so I used new textile materials, such as copper wire. These materials gave me the structural stability and pliability needed to knot and twist and weave the copper wire. In that sense, copper wire is just another fiber on a continuum offering new possibilities. The relationship between new materials and the new forms they make possible is not confined to textiles.

Nightfall, 2019, coated copper wire, 27 x 27 x 1.5, ph. cr. Jean Vong, copyright Nancy Koenigsberg
Dangerous Cloth, 2000, coated copper wire, 72 x 15 x 7, ph. cr. Cathy Carver, copyright Nancy Koenigsberg

In 1977, you were one of the founders of the Textile Study Group of New York. What did this project consist of at the beginning and what developments has it had today?

The Textile Study Group of New York started with the end of my courses with Gayle Wimmer at the New School. As I mentioned, her studio was pristine—and all white— so “refreshments” were limited to water. By 9 pm on Thursday evenings, when class ended, we were all famished. So, several of us started to have dinner together. In 1976, Gayle left New York for a tenure-track position at the University of Arizona. We were devastated that our courses with Gayle were ending. She told us: “you’ve done enough studying for now; go to your studios and work.” Almost offhandedly she added “and get together with each other to talk about your work.”

We did. We met on a Thursday night once a month. At first it was five of us. Soon, we were more than 10, so we started mailing meeting notices on hand-written post cards. And we established membership dues— $5 a month, cash—to cover postage. For a long time, we met in my apartment, I think because I had a large living room.

At some point, we decided that our meetings would eventually get boring if we only talked to each other, so we started to invite speakers. It was a lot of work but proved to be a great decision. Over the years, we’ve had some of the most accomplished textile artists in the world as well as museum directors, curators, and historians such as Mildred Constantine, Gerhardt Knodel, Bisa Butler, Sheila Hicks, Jack Larsen, Helena Hernmarck, Jacob Hashimoto, Chunghie Lee, Michael James, and Janis Jefferies.

Eventually, we were offered a free meeting space near Union Square. It was near a lot of subway lines, but it was only available on Wednesday nights. So, from then on, we met on Wednesday nights.

We’ve had a number of well-received shows of our members’ work, and we continue to enjoy each-others’ good company. Membership has continued to grow over the years. We are now incorporated as a not-for-profit called the Textile Study Group of New York with more than 200 members.

Caught, 2006, annealed steel wire and steel pipe, 34 x 24 x 21, ph. cr. Cathy Carver, copyright Nancy Koenigsberg
Alone, 2018, coated copper wire and stone, 13.5 x 9.5 x 2, ph. cr. Jean Vong, copyright Nancy Koenigsberg

Kyoto Stones. Can you tell us a little bit about this work?

A wonderful artist and good friend, Nancy Bess, organized a trip to Japan. I’d travelled all over Europe, but never to Asia. So, of course, I signed up. We spent a week in Kyoto, Japan. It was magical, and beautiful in ways I hadn’t experienced before. When I made Kyoto Stones, I wasn’t thinking about Kyoto, or anyplace else. Like so much of my work, the piece determined its own form as it evolved. It was only after it was completed that it triggered sense memories of my trip to Japan, and it then became Kyoto Stones.

Kyoto Stones, coated copper wire, 19" x 19" x 1", copyright Nancy Koenigsberg

How has you work changed over time?

Each work informs the next, reveals new possibilities and gives me ideas for new work—often before it is finished. When I started working in copper wire, I was creating open structures made possible by the strength and shape-holding properties of the wire. Over time,

I’ve increasingly been engaged by the possibility to use wire in forms that drape and have the soft “hand” of more traditional textiles. My nets are examples of that exploration.

Ocean Nets , 2019, coated copper wire, 60 x 30 x 14, Jean Vong, copyright Nancy Koenigsberg

The woven grid is an element that characterizes most of your work. What does it represent?

I always have loved and have an ongoing dialog with grids. Needlepoint is all done on a grid. So is weaving on a loom. When I use wire, my grids are often regular and geometric but, at the same time, none of the lines are straight and the intersections are mostly knotted. It is that duality, and the fact that all of the work—even the most rigid pieces—move.

Carrera, 2016, annealed steel wire and marble, 24 x 11 x 6, ph. cr. Cathy Carver, copyright Nancy Koenigsberg
Red Tangle, 2016, coated copper wire, 12 x 12 x .5, ph. cr. Jean Vong, copyright Nancy Koenigsberg

Often in your works you incorporate objects such as paper, stones, glass beads (in works such as Secrets, City Nights…). What is their role and meaning?

The inclusions—paper, stones, glass beads—do not have an independent meaning. They are an integral part of the piece, incorporated to enhance the sense I am trying to convey. Sometimes they add light, sometimes they interrupt, like a broken rhyme in an otherwise too predictable poem.

12 Hours, 2009, coated copper wire and beads, 24 x 24 x 8, ph. cr. Cathy Carver, copyright Nancy Koenigsberg

Is there a work or project to which you feel particularly attached or that has played a significant role in your personal and/or professional path?

Yes. Thirteen Nets. This was the work that marked my transition from using copper wire for its structural strength to exploring its possibilities for properties —lightness, translucency, movement, even softness — usually associated with the traditional, diaphanous textiles. In the summer of 1988, I attended a conference called “Knots and Nets” organized and led by Joanne Segal Brandford, textile scholar and artist. She is the maker of extraordinary, knotted works. You could say “the seed was planted” or “the knot was tied” during that incredible weekend. Although I admit it did take a while for me to see the possibilities of those techniques when used with copper wire.

Thirteen Nets, 1999, coated copped wire and glass beads, 72x96x15, ph cr. Cathy Carver, copyright Nancy Koenigsberg

Your works appear as an exploration of the expressive and evocative potential of the line, which creates contours, volumes, shapes that give life to a language that reaches the essence of things. Do you find yourself in this statement?

Looking back, it has always been about line. From my earliest memories of knitting, crocheting, drawing, needlepoint and working with fiber. I’ve been lucky, in my life and in my work: the lines, though rarely straight and rarely planned, can be very beautiful if you let them.

Rouge, 2012, coated copper wire, 60 x 20 x 10, ph. cr. Jean Vong, copyright Nancy Koenigsberg
Black 3, 2015, coated copper wire, 28 x 28 x .5, ph. cr. Cathy Carver, copyright Nancy Koenigsberg
Autumn, copyright Nancy Koenigsberg

What is the source of your inspiration today?

I live in New York City, near the river. I am inspired by what I see. Buildings and shimmering water and the night sky—always there, yet always moving and changing.

Web, 2020, coated copper wire, 26 x 26 x .5, ph. cr. Jean Vong, copyright Nancy Koenigsberg

What are you working on at the moment?

I am working on a piece for my granddaughter, Emily, revisiting the layered, draped, metal nets with an emphasis on their cloth-like qualities. I am also working on paper collage and printmaking using woven wire to make the impressions. And about 10 more ideas that will have to wait for another time.

Interviste

NANCY KOENIGSBERG

*Foto in evidenza: Winter Field, 2019, filo di rame, 48 x 48 x 1, ph. cr. Jean Vong, copyright Nancy Koenigsberg

Il lavoro di Nancy Koenigsberg, artista visiva che vive e lavora a New York City, si esprime principalmente attraverso la creazione di sculture e installazioni con fili metallici intrecciati, annodati o lavorati all’uncinetto, tessuti complessi che creano dinamici grovigli di luci, ombre e trasparenze.

I materiali industriali, come il rame e l’acciaio, sono utilizzati dall’artista in forme e strutture che spesso rimandano alla morbidezza del tessuto, dando vita a opere apparentemente fragili e delicate in contrapposizione alla solidità della materia di cui sono fatte.

Le sculture di Koenigsberg appaiono come complesse esplorazioni dello spazio ispirate alle geometrie urbane, alle griglie delle strade newyorkesi, alla ripetitività delle facciate degli edifici cittadini, tutti elementi che sono parte del suo DNA e che l’artista, affascinata dal potenziale espressivo della linea, disegna creando contorni, volumi e forme stratificate.

Le sue opere sono state ampiamente esposte a livello internazionale e fanno parte oggi di importanti collezioni pubbliche e private tra cui quella del Houston Museum of Fine Arts, del Cleveland Museum, del Museum of Arts and Design, del New York e Racine Art Museum e del Museo Tessile di Washington.
Koenigsberg è fondatrice e Presidente Emerito, del Textile Study Group di New York, nota associazione dedicata allo studio e alla divulgazione della fiber art e alla promozione del lavoro dei suoi membri tra cui figurano principalmente artisti, ma anche storici, curatori e insegnanti.

https://www.nancykoenigsberg.com/

Enclosure I, 1992, filo di rame, 24 x 48 x 24, ph. cr. Jean Vong, copyright Nancy Koenigsberg

Come ti sei avvicinata all’arte? Qual’è stato il tuo percorso, come e quando sei entrata in contatto col tessile come medium artistico?

Non so come mi sono avvicinata all’arte. Dipinti, disegni e oggetti costruiti erano semplicemente parte del mio mondo, come le pietre e gli alberi e il cielo notturno. Quando ero bambina, amavo disegnare. Non mi ricordo di quando ho iniziato a disegnare, come non mi ricordo di aver iniziato a parlare.

Quando ero molto piccola (forse 6 o 7 anni) ho imparato a lavorare a maglia e all’uncinetto. Credo sia stato allora che ho cominciato a lavorare con il tessile come mezzo artistico, anche se non lo consideravo un “lavoro” o “arte”. Per me stavo “solo” facendo l’uncinetto o la maglia. Ma quando disegnavo, lavoravo ad aghi o facevo il crochet, la mia consapevolezza del tempo e dello spazio era alterata, e mi sentivo vera.

Ho continuato a lavorare a maglia, all’uncinetto, a disegnare e a dipingere. Prima del college, ho seguito un corso di scultura in una scuola d’arte locale, e questa è stata la mia prima introduzione alla creazione nello spazio tridimensionale. Mi è piaciuto molto. All’università ho studiato storia dell’arte e ho seguito corsi di disegno e pittura. (I corsi di scultura non erano disponibili).

Ho imparato a ricamare, ma presto sono rimasta delusa dai design a disposizione, così ho iniziato a disegnare io stessa le mie tele da ricamo.

Così, degli amici videro i miei disegni e mi chiesero di creare delle tele per loro da completare. Seguirono le richieste degli amici di quegli amici e improvvisamente mi trovai nel business, un’impresa che crebbe e prosperò per un decennio. Avevo dei clienti meravigliosi, ma il lavoro in sé era poco appagante dal punto di vista artistico. Decisi di tagliare quel filo e cambiare direzione.

Nel 1974, mi sono iscritta a un corso di tessitura alla New School di New York City. Ho avuto la grande fortuna di studiare per due anni con Gayle Wimmer, una brillante artista tessile. Il suo meraviglioso lavoro incorporava una vasta gamma di materiali – garza, pelo di capra, vecchi giornali – tessuti insieme per creare strutture complesse.

Le nostre lezioni si tenevano il giovedì sera nello studio immacolato di Gayle. È stata un’insegnante stimolante e mi ha aiutato a aprire gli occhi su un mondo di possibilità, “al di fuori del telaio”, che ha cambiato la traiettoria del mio lavoro e della mia vita.

Dangerous Cloth, 2000, filo di rame, 72 x 15 x 7, ph. cr. Cathy Carver, copyright Nancy Koenigsberg

L’uso di materiali tessili è stato una parte importante del tuo lavoro. Oggi sei passata all’uso di materiali industriali come il filo di rame che lavori però con tecniche tipicamente tessili. Puoi dirci il motivo di questa scelta?

I materiali tessili tradizionali – cotone, lana, lino, seta – sono variegati. Ognuno ha una combinazione unica di proprietà fisiche: plasticità, elasticità, spessore, morbidezza. Gli artisti e gli artigiani tessili hanno sempre selezionato i materiali che meglio si adattavano ad esprimere la loro visione.

La disponibilità di nuovi materiali ha offerto una vasta gamma di caratteristiche tecniche che hanno reso possibile la creazione di nuove forme. Nel mio caso, volevo realizzare pezzi aperti e tridimensionali. Le fibre tradizionali non fornivano la stabilità strutturale necessaria al lavoro, così ho scelto di usare nuovi materiali tessili, come il filo di rame. Questi materiali mi hanno permesso di ottenere la solidità e la duttilità necessarie per annodare, torcere e tessere il filo di rame. In questo senso, il filo di rame è solo un’altra fibra in un continuum che offre nuove possibilità. La relazione tra nuovi materiali e le forme rese da loro possibili non si limita ai tessuti.

Nightfall, 2019, filo di rame, 27 x 27 x 1,5, ph. cr. Jean Vong, copyright Nancy Koenigsberg
Dangerous Cloth, 2000, filo di rame, 72 x 15 x 7, ph. cr. Cathy Carver, copyright Nancy Koenigsberg

Nel 1977, sei stata fondatrice del Textile Study Group di New York. In cosa consisteva questo progetto all’inizio e quali sviluppi ha avuto fino ad oggi?

La nascita del Textile Study Group di New York è coincisa con la fine del mio Corso con Gayle Wimmer alla New School. Come ho detto, il suo studio era immacolato (e tutto bianco) quindi gli spuntini erano limitati all’acqua.

Alle 21 del giovedì sera, quando le lezioni finivano, eravamo tutti affamati. Così, molti di noi iniziarono a cenare insieme. Nel 1976, Gayle lasciò New York per un incarico di ruolo all’Università dell’Arizona. Eravamo devastati dal fatto che i nostri corsi con Gayle sarebbero finiti. Lei ci disse: “Avete studiato abbastanza per ora; andate nei vostri studi e lavorate”. Quasi con noncuranza aveva aggiunto aggiunto “e riunitevi per parlare del vostro lavoro”.

L’abbiamo fatto. Ci incontravamo il giovedì sera una volta al mese. All’inizio eravamo in cinque. Presto fummo più di 10, così iniziammo a spedire gli avvisi delle riunioni su cartoline scritte a mano. E stabilimmo delle quote associative – 5 dollari al mese, in contanti – per coprire le spese postali. Per molto tempo ci siamo incontrati nel mio appartamento, credo perché disponevo di un grande soggiorno.

Ad un certo punto, abbiamo deciso che le nostre riunioni alla fine sarebbero diventate noiose se avessimo continuato a parlare solo tra di noi, così abbiamo iniziato ad invitare degli ospiti. Ha richiesto molto lavoro, ma si è rivelata una grande decisione. Nel corso degli anni, abbiamo avuto alcuni degli artisti tessili più affermati al mondo, così come direttori di musei, curatori e storici come Mildred Constantine, Gerhardt Knodel, Bisa Butler, Sheila Hicks, Jack Larsen, Helena Hernmarck, Jacob Hashimoto, Chunghie Lee, Michael James e Janis Jefferies.

Alla fine, ci è stato offerto uno spazio gratuito per le nostre riunioni vicino a Union Square. Era vicino a molte linee della metropolitana, ma era disponibile solo il mercoledì sera. Così, da quel momento in poi, ci siamo incontrati il mercoledì sera.

Abbiamo avuto una serie di mostre di lavori dei nostri membri che hanno riscosso un buon successo, e continuiamo a godere della compagnia reciproca. I membri hanno continuato a crescere nel corso degli anni. Ora siamo costituiti come un’associazione senza scopo di lucro chiamata Textile Study Group of New York con più di 200 membri.

Caught, 2006, filo d'acciaio cotto e tubo d'acciaio, 34 x 24 x 21, ph. cr. Cathy Carver, copyright Nancy Koenigsberg
Alone, 2018, filo di rame e pietra, 13,5 x 9,5 x 2, ph. cr. Jean Vong, copyright Nancy Koenigsberg

Kyoto Stones. Puoi dirci qualcosa in più su questo lavoro?

Una meravigliosa artista e cara amica, Nancy Bess, ha organizzato un viaggio in Giappone. Avevo viaggiato in tutta Europa, ma mai in Asia. Così, naturalmente, mi sono iscritta. Abbiamo passato una settimana a Kyoto, in Giappone. Era magico, e bello in modi per me inimmaginabili. Quando ho fatto Kyoto Stones, non stavo pensando a Kyoto, o a nessun altro posto in particolare. Come gran parte del mio lavoro, l’opera ha determinato la propria forma mentre si evolveva. E’ stato solo dopo l’averla completata che ha suscitato memorie sensibili del mio viaggio in Giappone, ed è diventata Kyoto Stones.

Kyoto Stones, filo di rame, 19" x 19" x 1", copyright Nancy Koenigsberg

Com’è cambiato nel tempo il tuo lavoro?

Ogni lavoro informa il successivo, rivela nuove possibilità e mi dà idee per un nuovo lavoro, spesso prima che sia finito. Quando ho iniziato a lavorare con il filo di rame, stavo creando strutture aperte possibili grazie alla forza e dalle proprietà di tenuta del filo nel creare I volumi. Con il tempo, sono stata sempre più attratta dalla possibilità di usare il filo in forme drappaggiate che si avvicinassero alla “mano” morbida dei tessuti più tradizionali. Le mie reti sono esempi di questa esplorazione.

Ocean Nets, 2019, filo di rame, 60 x 30 x 14, Jean Vong, copyright Nancy Koenigsberg

La griglia intrecciata è un elemento che caratterizza la maggior parte del tuo lavoro. Cosa rappresenta?

Ho sempre amato le griglie e ho un dialogo continuo con esse. Il punto croce, ad esempio, è realizzato interamente su una griglia. Così come la tessitura su un telaio. Quando uso il filo, le mie griglie sono spesso regolari e geometriche ma, allo stesso tempo, nessuna delle linee è dritta e le intersezioni sono per lo più annodate. È quella dualità e il fatto che tutto il lavoro, anche i pezzi più rigidi, si muovono.

Carrera, 2016, filo d'acciaio cotto e marmo, 24 x 11 x 6, ph. cr. Cathy Carver, copyright Nancy Koenigsberg
Red Tangle, 2016, filo di rame, 12 x 12 x .5, ph. cr. Jean Vong, copyright Nancy Koenigsberg

Spesso nelle tue opere incorpori oggetti come carta, pietre, perle di vetro (ad esempio in Secrets, City Nights…). Qual è il loro ruolo e significato?

Le inclusioni – carta, pietre, perle di vetro – non hanno un significato indipendente. Sono parte integrante dell’opera, inserite per rafforzare il significato che sto cercando di trasmettere. A volte aggiungono luce, a volte interrompono, come una rima che spezza una poesia altrimenti troppo prevedibile.

12 Hours, 2009, filo di rame e perline, 24 x 24 x 8, ph. cr. Cathy Carver, copyright Nancy Koenigsberg

C’è un lavoro o un progetto a cui ti senti particolarmente legata o che ha avuto un ruolo significativo nel tuo percorso personale e/o professionale?

Sì. Thirteen Nets. Questo è stato il lavoro che ha segnato la transizione dall’uso del rame per dare forma e forza alle strutture all’esplorazione delle sue proprietà associabili a quelle di tradizionali tessuti diafani – luminosità, movimento, persino morbidezza. Nell’estate del 1988, ho partecipato a una conferenza chiamata “Knots and Nets” organizzata e condotta da Joanne Segal Brandford, studiosa e artista tessile. Lei realizza straordinarie opere annodate. Si può dire che, durante quell’incredibile fine settimana, “il seme fu piantato” o “il nodo fu stretto”. Anche se, ammetto, che mi ci è voluto un po’ per integrare le possibilità di queste tecniche e renderle con il filo di rame.

Thirteen Nets, 1999, filo di rame e perline di vetro, 72x96x15, ph cr. Cathy Carver, copyright Nancy Koenigsberg

Le tue opere appaiono come un’esplorazione del potenziale espressivo ed evocativo della linea, che crea contorni, volumi, forme che danno vita a un linguaggio che raggiunge l’essenza delle cose. Ti ritrovi in questa affermazione?

Guardando indietro, si è sempre trattato di linea. Dai miei primi ricordi di lavoro a maglia, uncinetto, disegno, ricamo e lavoro con le fibre. Sono stata fortunata, nella mia vita e nel mio lavoro: le linee, anche se raramente diritte e raramente pianificate, possono essere molto belle se le lasci evolvere.

Rouge, 2012, filo di rame, 60 x 20 x 10, ph. cr. Jean Vong, copyright Nancy Koenigsberg
Black 3, 2015, filo di rame, 28 x 28 x .5, ph. cr. Cathy Carver, copyright Nancy Koenigsberg
Autumn, copyright Nancy Koenigsberg

Qual è la fonte della sua ispirazione oggi?

Vivo a New York City, vicino al fiume. Sono ispirata da ciò che vedo. Edifici e acqua scintillante e il cielo notturno – sempre lì, eppure sempre in movimento e in cambiamento.

Web, 2020, filo di rame, 26 x 26 x .5, ph. cr. Jean Vong, copyright Nancy Koenigsberg

A cosa stai lavorando al momento?

Sto lavorando a un pezzo per mia nipote, Emily, rivisitando le reti metalliche stratificate e drappeggiate con un’enfasi particolare sulle qualità che le rendono simili al tessuto. Sto anche lavorando con collage di carta e con la stampa dove uso il filo intrecciato per imprimere dei segni. E ancora una decina di idee che dovranno aspettare un altro momento.

Maria Rosaria Roseo

English version Dopo una laurea in giurisprudenza e un’esperienza come coautrice di testi giuridici, ho scelto di dedicarmi all’attività di famiglia, che mi ha permesso di conciliare gli impegni lavorativi con quelli familiari di mamma. Nel 2013, per caso, ho conosciuto il quilting frequentando un corso. La passione per l’arte, soprattutto l’arte contemporanea, mi ha avvicinato sempre di più al settore dell’arte tessile che negli anni è diventata una vera e propria passione. Oggi dedico con entusiasmo parte del mio tempo al progetto di Emanuela D’Amico: ArteMorbida, grazie al quale, posso unire il piacere della scrittura al desiderio di contribuire, insieme a preziose collaborazioni, alla diffusione della conoscenza delle arti tessili e di raccontarne passato e presente attraverso gli occhi di alcuni dei più noti artisti tessili del panorama italiano e internazionale.