Interview

PATRICIA KELLY

*Featured photo: Patricia Kelly Machine stitched textile collage 65cm sq


Patricia Kelly is an Irish artist born in County Fermanagh where she lives and works. She attended Ulster University in Belfast where she obtained a B.A. Honours Degree in Fine Craft Design specialising in embroidered textiles in 1986 and later obtained a PGCE in Art Education. She was a lecturer in Art and Design until 2021.

Using free embroidery techniques, she creates works in which the stitched line becomes the form of an artistic expression that is increasingly abstract, influenced and inspired – among other things – by the Japanese concept of wabi-sabi, which is about seeing beauty in imperfection, at least as much as by the rugged landscape and skies of western Ireland, where the lines are created by the hedges that stand out against the coloured skies. The sense of belonging to a place, where family history is intertwined with present lives, is also a defining element of her art, which takes shape through the use of recycled textiles in exactly the same way as the generations before her used to make quilts: a practice that evokes the layering of lives connected and stitched together.

She has exhibited in solo and group shows in public and private spaces in Ireland, USA, Australia, Great Britain. Some of her works are in permanent collections and she has numerous honours and awards to her credit.

'Line Exploration' 2023, 11 x15.5cm Mixed media, collage and stitch on calico

Lines, dots, geometric grounds: what is the meaning and message of these signs and shapes? What do your works tell? What themes do you explore through your artistic work?

My work has evolved from the study of my local landscape in the west of Ireland. Looking closer at the landscape, I became preoccupied with the lines of tangled branches silhouetted against the night sky. I realised that my interest was in fine scribbly line. I began to experiment with stitched line only, finding many ways to repeat and overlap line and to through the use transparencies to explore line further. While doing this, I discovered that I was also interested in geometric grounds. I attribute this to our human need to organise spaces. I grew up on a farm where work was both physical and very tactile, making hay and cutting turf. These occupations involved linear processes, cutting in lines, laying organic materials to dry in lines. Fields are ordered with ditches. Not perfectly laid out but in an organic way.

Patricia Kelly, Series of machine stitched textile collage 12x15cm

How and why did you start using fibers, threads and textiles for your art work?

I have always been drawn to thread and fibre, from a very young age. I remember the feel of a tweed I used to make a doll’s dress. We practiced a lot of sewing, knitting and craft in primary school. I embroidered my irish dancing dress when I was ten. As I persued Art in school, I always used stitching, collage and batik for my art project outcomes. I went on to art college in Belfast where I completed an Honors degree in Fine craft design, specializing in Embroidery.

'Yellow square centre,' Machine stitched fabric collage 2023

What are the techniques and materials you use for your artistic practice and according to which criteria do you choose one or the other for the single work of art?

I allow my ideas to flow and develop. Often something in one piece suggests an idea for the next piece. I used to use a lot of coloured recycled family clothing to create a collaged work overworked with zigzag stitch, while I worked on the more literal landscapes, however now, I am using only straight stitch with mostly black thread on layers of recycled curtain lining, tablecloths, calico and hessian. I use transparencies of scrim to create a pencil drawing effect with the lines of black stitching. I enjoy creating lots of contrast in the work, with some areas more densely worked than others. I sit with pieces to evaluate them as I proceed. The pieces are becoming more geometrically ordered in terms of composition. The line is becoming more fluid.

Patricia Kelly Series of A6 pieces in machine stitched textile collage at recent solo exhibition, Omagh

Do techniques and materials – embroidery for example – also have a conceptual meaning for you as well as a functional one for the realization of the work?

Since I have started to develop the more abstract work, I realise that it has a conceptual meaning. It has brought me back to the abstract work I developed during my degree where I stitched rolled lines of paper creating very linear and strawlike pieces. My work then, was about my past, and is again today, it is about the generations who went before me, who toiled at physically repetitive tasks daily, people who owned little. They were so aware of the natural cycle of the seasons, of nature and of the environment around them. I was lucky to have experienced this life and these activities before machinery took over. I wrote my degree dissertation on the passing of so many traditional craft practices and rural ocupations, such as basket making, haymaking, etc. I live in an ancestral home dating back hundreds of years and I feel an affinity with the previous generations who struggled through very hard times in the past. My great grandfather was a cobbler, the women would have spun wool and embroidered fine lace, but all were involved with the land and with the animals.

Framed textile, 64x90cm with red batik dots

How are your works born and how do they develop, from the idea to the finished work of art?

I begin with the burning need to sew, to stitch a continuous line, it is like a therapy, a meditative process. I evaluate the piece as I progress. Sometimes I have an idea of how I want the piece to look but often the piece changes as I progress. It demands a dark area, or looks better turned another way or needs a small element of colour. Often pieces are rejected and these rejected pieces later become material for other works. I love to add previously worked pieces into new works, because like the recycled clothes and materials I use, they already have a history which adds to the final outcome.

Detail, Patricia Kelly, machine stitched textile with batiked spots, 64x90cm

How has your art evolved over time?

My work has evolved greatly in recent years. I was made redundant due to rural school closure in June 2021. This has given me the time, I so needed, and yearned for, to devote to my art practice. I have time now, to consider why I am making the work that I do, for example, because elements of red keep appearing in my work, I visited the Irish Museum of Countrylife, to investigate the history of the use of red in our past. I have learned that red was used to dispel evil and that all new borns were wrapped in red cloth. The textile was dyed in the plant Madder, which is believed to have medicinal properties. Women, as well as wearing red skirts and shawls, wrapped their chest in red cloth to protect against rheumatism and lumbago. I believe that black in my work, always a soft fabric, such as a woolen jumper, suggests a safe place, a place of security.

Degree work 1986. machine stitched rolled brown paper

What does being an artist mean to you? And what role, in your opinion, does art have in contemporary society?

Art has always been an essential part of my life. It is a therapy, a quiet place where I can express myself. We all have a something inside, as individual as our signature which needs to find an outlet. The expression of our art practice helps us as individuals to learn so much about ourselves and is critically important to the health of our communities. Art needs to remain high on the priority of politicians and educators if people and communities are to fully develop an understanding of themselves and their place in the world.

Interviste

PATRICIA KELLY

*Foto in evidenza: Patricia Kelly Machine stitched textile collage 65cm sq


Patricia Kelly è un’artista irlandese nata nella contea di Fermanagh dove vive e lavora. Ha frequentato l’Ulster University di Belfast dove ha conseguito un B.A. Laurea con lode in Fine Craft Design specializzandosi in tessuti ricamati nel 1986 e conseguendo successivamente un PGCE in Educazione artistica. È stata docente di Arte e Design fino al 2021.

Attraverso tecniche di ricamo libero crea lavori in cui la linea cucita diventa la forma di un’espressione artistica la cui cifra è sempre più astratta, influenzata e ispirata – tra l’altro – dal concetto giapponese di wabi-sabi, che consiste nel vedere la bellezza nell’imperfezione, almeno quanto dal paesaggio aspro e dai cieli dell’Irlanda occidentale, dove le linee sono create dalle siepi che si stagliano contro i cieli colorati. Anche Il senso di appartenenza a un luogo, dove la storia familiare si intreccia con le vite presenti, è un elemento determinante della sua arte che prende forma attraverso l’utilizzo di tessuti riciclati esattamente come facevano le generazioni che l’hanno preceduta per realizzare le trapunte: una pratica che evoca la stratificazione di vite collegate e cucite insieme.

Ha esposto in mostre personali e collettive in spazi pubblici e privati in Irlanda, USA, Australia, Gran Bretagna. Alcune sue opere sono in collezioni permanenti ed ha all’attivo numerosi riconoscimenti e premi.

'Line Exploration' 2023, 11 x15.5cm Mixed media, collage and stitch on calico

Linee, punti, campiture geometriche: cosa raccontano le tue opere? Quali sono i temi che esplori attraverso il tuo lavoro artistico?

Il mio lavoro si è ispirato allo studio del paesaggio locale nell’Irlanda occidentale. Osservando più da vicino il paesaggio, mi sono soffermato sulle linee dei rami aggrovigliati che si stagliavano contro il cielo notturno. Ho capito che il mio interesse era la linea sottile e a scarabocchio. Ho iniziato a sperimentare solo con il tratto cucito, trovando molti modi per ripetere e sovrapporre il tratto e utilizzando le trasparenze per esplorare ulteriormente il tratto. Così facendo, ho scoperto di essere interessata anche ai motivi geometrici. Lo attribuisco al nostro bisogno umano di organizzare gli spazi. Sono cresciuta in una fattoria dove il lavoro era fisico e molto manuale, come produrre fieno e tagliare l’erba. Queste occupazioni comportavano processi lineari, come tagliare in linea, stendere materiali organici ad asciugare in linea. I campi sono ordinati con fossati. Non perfettamente disposti, ma in modo organizzato.

Patricia Kelly, Series of machine stitched textile collage 12x15cm

Come sei approdata alla fiber art?

Sono sempre stata attratta dal filo e dalla fibra, fin dalla più tenera età. Ricordo la sensazione di un tweed che ho usato per fare il vestito di una bambola. Alla scuola elementare si faceva molto cucito, lavoro a maglia e artigianato. A dieci anni ho ricamato il mio vestito da danza irlandese. Poiché ho studiato arte a scuola, ho sempre usato il cucito, il collage e il batik per i miei progetti artistici. Ho frequentato l’Art College di Belfast dove ho conseguito una laurea con lode in Fine Craft Design, specializzandomi in ricamo.

'Yellow square centre,' Machine stitched fabric collage 2023

Quali sono le tecniche e i materiali che usi per la tua pratica artistica e secondo qual criteri scegli le une e gli altri per la singola opera?

Lascio che le mie idee fluiscano e si sviluppino. Spesso qualcosa in un’opera suggerisce un’idea per l’opera successiva. Un tempo usavo molti indumenti di famiglia riciclati e colorati per creare un’opera a collage sovraccaricata di punto zigzag, mentre lavoravo ai paesaggi più propriamente tradizionali; ora, invece, uso solo il punto dritto con filo prevalentemente nero su strati di fodere di tende riciclate, tovaglie, calicò e hessian. Uso le trasparenze dei teli per creare un effetto di disegno a matita con le linee di cucitura nera. Mi piace creare molti contrasti nel lavoro, con alcune aree più densamente lavorate di altre. Mi soffermo sui pezzi per valutarli man mano che procedo. I pezzi stanno diventando sempre più geometricamente ordinati in termini di composizione. La linea sta diventando più fluida.

Patricia Kelly Series of A6 pieces in machine stitched textile collage at recent solo exhibition, Omagh

Tecniche e materiali – il ricamo ad esempio – hanno per te anche un significato concettuale oltre che funzionale alla realizzazione dell’opera?

Da quando ho iniziato a sviluppare il lavoro più astratto, mi sono resa conto che ha un significato concettuale. Mi ha riportato al lavoro astratto che ho sviluppato durante la mia laurea, in cui cucivo linee di carta arrotolate creando pezzi molto lineari e simili a paglia. Il mio lavoro di allora riguardava il mio passato, e lo fa anche oggi, riguarda le generazioni che mi hanno preceduto, che hanno lavorato quotidianamente a lavori fisicamente ripetitivi, persone che possedevano poco. Erano così consapevoli del ciclo naturale delle stagioni, della natura e dell’ambiente che li circondava. Sono stato fortunato ad aver sperimentato questa vita e queste attività prima che le macchine prendessero il sopravvento. Ho scritto la mia tesi di laurea sulla scomparsa di tante pratiche artigianali e rurali tradizionali, come la fabbricazione di cesti, la fienagione, ecc. Vivo in una casa ancestrale che risale a centinaia di anni fa e sento un’affinità con le generazioni precedenti che hanno lottato in tempi molto duri. Il mio bisnonno era un calzolaio, le donne filavano la lana e ricamavano raffinati merletti, ma tutti erano sempre impegnati con la terra e con gli animali.

Framed textile, 64x90cm with red batik dots

Come nascono e come si sviluppano i tuoi lavori, dall’idea fino all’opera finita?

Inizio con l’ardente bisogno di cucire, di ricamare una linea continua, è come una terapia, un processo meditativo. Valuto il pezzo man mano che procedo. A volte ho un’idea di come voglio che sia il pezzo, ma spesso il lavoro cambia man mano che procedo. Richiede un’area scura, o sembra meglio girato in un altro modo o ha bisogno di un piccolo elemento di colore. Spesso i pezzi vengono scartati e in seguito diventano materiale per altri lavori. Mi piace aggiungere pezzi già lavorati a nuove opere, perché, come i vestiti e i materiali riciclati che uso, hanno già una storia che contribuisce al risultato finale.

Detail, Patricia Kelly, machine stitched textile with batiked spots, 64x90cm

Come si è evoluta la tua arte nel corso del tempo?

Il mio lavoro si è evoluto notevolmente negli ultimi anni. Nel giugno 2021 sono stata licenziata a causa della chiusura di una scuola rurale. Questo mi ha dato il tempo, di cui avevo tanto bisogno e che desideravo, per dedicarmi alla mia pratica artistica. Ora ho il tempo di pensare al motivo per cui faccio il lavoro che faccio, per esempio, dato che elementi di rosso continuano a comparire nel mio lavoro, ho visitato il Museo irlandese della vita di campagna per indagare sulla storia dell’uso del rosso nel nostro passato. Ho appreso che il rosso veniva usato per scacciare il male e che tutti i nuovi nati venivano avvolti in un tessuto rosso. Il tessuto veniva tinto con la pianta Madder, che si ritiene abbia proprietà medicinali. Le donne, oltre a indossare gonne e scialli rossi, si avvolgevano il petto in un panno rosso per proteggersi da reumatismi e lombaggini. Credo anche che il nero nel mio lavoro, sempre un tessuto morbido, come un maglione di lana, suggerisca un luogo sicuro, un luogo di sicurezza.

Degree work 1986. machine stitched rolled brown paper

Cosa significa per te essere un’artista? E che ruolo ha, secondo te, l’arte nella società contemporanea?

L’arte è sempre stata una parte essenziale della mia vita. È una terapia, un luogo tranquillo dove posso esprimermi. Tutti noi abbiamo qualcosa dentro, personale come la nostra firma, che ha bisogno di trovare uno “sfogo”. L’espressione della nostra pratica artistica ci aiuta come individui a imparare molto su noi stessi ed è di fondamentale importanza per la salute delle nostre comunità. L’arte deve rimanere tra le priorità dei politici e degli educatori se vogliamo che le persone e le comunità sviluppino pienamente la comprensione di se stesse e del proprio posto nel mondo.

Barbara Pavan

English version Sono nata a Monza nel 1969 ma cresciuta in provincia di Biella, terra di filati e tessuti. Mi sono occupata lungamente di arte contemporanea, dopo aver trasformato una passione in una professione. Ho curato mostre, progetti espositivi, manifestazioni culturali, cataloghi e blog tematici, collaborando con associazioni, gallerie, istituzioni pubbliche e private. Da qualche anno la mia attenzione è rivolta prevalentemente verso l’arte tessile e la fiber art, linguaggi contemporanei che assecondano un antico e mai sopito interesse per i tappeti ed i tessuti antichi. Su ARTEMORBIDA voglio raccontare la fiber art italiana, con interviste alle artiste ed agli artisti e recensioni degli eventi e delle mostre legate all’arte tessile sul territorio nazionale.