Pia Puonti, caldo uso del colore e quella certa austerità nordica

"Carciofi" Pia Puonti, 2015, copyright Pia Puonti

English (Inglese)

Ho conosciuto Pia diversi anni fa, non ricordo dove né come perché in realtà mi sembra di conoscerla da sempre. È facile entrare in sintonia con questa signora dal forte spirito artistico, curiosa e pacata allo stesso tempo. I suoi lavori hanno forme rigorose ma colori vibranti. Estremamente equilibrati nel loro riconoscibile stile nordico anche se sempre alla ricerca di nuove tecniche e materiali.

Pia Puonti nasce ad Helsinki, in Finlandia, e cresce in una famiglia in cui design, colore e tessuti hanno una primaria importanza. Fin da piccola prende confidenza con la tessitura e la sartoria. Negli anni ’60 e ’70 si trasferisce in California e lì rimane affascinata dai quilt antichi conservati ed esposti nei musei. Negli anni ’80 vive in Australia dove lavora nel mondo della moda. Da diversi anni ormai vive in Italia con suo marito, in un piccolo paese ai piedi delle Dolomiti e dal quilting tradizionale è passata a quello contemporaneo, sperimentando tecniche nuove, utilizzando tessuti di ogni genere, fibre e colori.

Con i suoi lavori ha partecipato a concorsi ed esposizioni ottenendo riconoscimenti e vincendo premi di importanza internazionale.

http://www.piapuonti.it/

Think green, 2018, copyright Pia Puonti

Pia, ci conosciamo da tanto e sono sempre stata affascinata dai tuoi lavori. È evidente una formazione artistica diversa da quella italiana. Quanto credi sia vero? Quanto il tuo stile è influenzato dalle tue origini nordeuropee?

È difficile dire se la mia formazione artistica in Finlandia sia stata diversa da quella che si tiene in Italia. Posso solo dire che il disegno e la progettazione sono stati molto importanti a casa mia e anche nelle scuole che ho frequentato. Sono abbastanza sicuro che il background nordico influenza il lavoro creativo di una persona, anche se finisci per vivere lontano dalle tue radici. Il Nord rimane dentro di te, quella certa austerità, che, senza dubbio, è, almeno in parte, causata dal clima piuttosto rigido. Questo tocco di austerità, penso, è sempre presente nei miei lavori. Non influenza il mio uso del colore, ma fa apparire i risultati piuttosto lineari e grafici. Questo non è sempre necessariamente intenzionale, è semplicemente qualcosa che accade.

Citrus, 2016, copyright Pia Puonti

Quo vadis, 2017, copyright Pia Puonti

Come è iniziata la tua passione per il quilting?

La mia passione per il quilting è iniziata negli anni sessanta e settanta, quando vivevo in America, in California. Mi sono innamorata di trapunte antiche in musei e mostre. Fin dall’infanzia ho amato tutte le forme di arte tessile e il tessuto è sempre stata una passione primaria. Ammirare le vecchie e belle trapunte mi ha fatto venire voglia di imparare a creare questa forma di arte tessile. Ho iniziato, senza sapere quali sarebbero stati i risultati, ho fatto infiniti errori, ma alla fine ho imparato le tecniche tradizionali.

Grasslands, 2016, copyright Pia Puonti

Come nasce l’ispirazione di un tuo quilt?

Spesso nasce da un colore o da una combinazione di colori con cui voglio confrontarmi. La mia testa tende ad essere piena di immagini, vecchie e nuove, e di solito finisco per scegliere quella che penso funzionerà, prima di andare a dormire. Per prima cosa, al mattino, disegno un semplice schizzo dell’immagine della sera prima. Spesso il risultato finale del quilt è proprio questo, ma non sempre!

Ogni tuo lavoro è “esperimento”, sembra che raggiunto il tuo obiettivo tu debba provare “altro”, pur rimanendo fedele al tuo stile. Cosa ti spinge a provare nuove tecniche e materiali?

Adoro sperimentare diversi tipi di tessuti, varie fibre, naturali e sintetiche. Non c’è limite quando si fa un artquilt,  non devi pensare se il lavoro finito è lavabile. È divertente creare diverse trame, diverse superfici, ed è interessante il modo in cui i colori possono essere intensificati o disattivati utilizzando vari materiali trasparenti sopra i tessuti.

Karelian Stones, 2017, copyright Pia Puonti

Sei stata più volte alla Scuola Romana Quilting con i tuoi corsi. La generosità nella condivisione della tua esperienza è palese. Quanto è importante per te il rapporto umano?

L’interazione umana è molto importante per me! Adoro insegnare e condividere le idee sulle varie tecniche. La creazione collettiva è divertente, ogni persona ha il suo approccio ad ogni specifico progetto.

Road Ahead, 2018, copyright Pia Puonti

From spring to winter, 2018, copyright Pia Puonti

Partecipi spesso a mostre internazionali con progetti collettivi. la competitività sembra non faccia parte del tuo carattere. Cosa ti spinge a condividere queste esperienze?

No, non sono competitivo, non è una caratteristica che mi appartiene. Mi piace avere i miei quilt esposti collettivamente con altri quilt, piuttosto che avere una mia esposizione personale. Ho avuto la fortuna di sperimentare entrambe le soluzioni e preferisco far parte di un gruppo.

Pia Puonti and Anita Normani

In contrasto alla domanda precedente, spesso tu e Anita Normani vi lanciate delle appassionanti quanto amichevoli sfide. Come nasce questa “tradizione”?

La tradizione di sfidarci annualmente nel quilting con Anita Normani è iniziata dieci anni fa. Ora stiamo lavorando all’undicesima edizione e continueremo! Le sfide sono sempre un buono stimolo, nessuna competizione, solo un lavoro creativo divertente e la sorpresa di vedere l’altra cosa ha ottenuto utilizzando gli stessi materiali.

Autumnal Verses, 2016, copyright Pia Puonti

Chocolate Eggs, 2009, copyright Pia Puonti

Ogni tuo lavoro ha un messaggio da mostrare. È un tua esigenza personale o più un senso del dovere civico e morale? Pensi di dover fare la tua parte in questa società?

Immagino che spesso ci sia un messaggio nei miei lavori, un sentimento del momento nel tempo, inserito lì nel tessuto … a volte viene fuori così. Penso che l’arte, di qualsiasi forma, possa essere usata per trasmettere messaggi di consapevolezza sociale. Credo che l’arte non debba sempre essere puramente “bella”, può anche essere un modo per indurti a riflettere su questioni civili e sociali. Non sono un moralista, ma una forte sostenitrice della consapevolezza sociale!

Amarone o Suave, 2014, copyright Pia Puonti

Come quando piove, 2007, copyright Pia Puonti

Birches of Karelia, 2015, copyright Pia Puonti

Quali sono i lavori a cui sei più legata e perché?

È difficile rispondere. Ho solo due dei miei lavori appesi alle pareti della nostra casa, uno è “Parole delle Donne” e l’altro è “Foresta pluviale”. Sembra stiano bene dove sono, i colori sono giusti e non mi irritano!

Puoi parlarci dei tuoi nuovi progetti? Qualche nuova tecnica o materiale?

Nuovi progetti? Molti, ma il primo sarà un progetto in fibra di seta, realizzato con materiale idrosolubile.

Rainforest, 2012, copyright Pia Puonti

Le Parole delle Donne, 2008, copyright Pia Puonti

3 Comments on "Pia Puonti, caldo uso del colore e quella certa austerità nordica"

  1. Fantastica e colorata Pia

  2. marina genovesi | 18 Marzo 2020 at 15:42 | Rispondi

    Persona davvero eccezionale, paziente e bravissima insegnante!Spero di poter avere il piacere di un altro bel corso con lei

Leave a comment

Your email address will not be published.


*