CLARA LUISELLI – Tentativi

500,00

Tentativi
Tecnica: ricamo a macchina su lino Materiali: lino e filo di cotone. 30×30 anno 2022

Categories: ,

Description

Italiano (Italian)

CLARA LUISELLI

Un tessuto di lino quadrato sulla cui superficie sottili tracce paiono evocare mappe di pianeti immaginari, isole sfaccettate, luoghi del desiderio.

In origine era un tessuto teso, bianco, vuoto, luogo di silenzio, spazio in attesa di un significativo atto creativo.

Si tratta invece di un’azione semplice, quasi banale, quella di “stropicciare” il tessuto, che permette alle tracce di emergere dal nulla.

Il gesto di accartocciamento offre l’opportunità ai segni di sorgere e diventare visibili attraverso il gioco di luci e ombre.

Il filo ricama la geografia immaginaria, in parte suggerita dalla materia stessa e in parte frutto della scelta artistica.

Clara Luiselli (Clusone,1975) si è formata presso l’Accademia di Belle Arti di Bergamo. È stata selezionata per le residenze presso la Fondazione Ratti con Allan Kaprow, Angela Vettese e Giacinto di Pietrantonio, la Fondazione Spinola Banna per l’Arte Contemporanea con Jorge Peris, Milovan Farronato e Gail Cochrane e Fabrica di Catena di Villorba con Lewis Baltz. Le sue opere sono state esposte in diversi spazi pubblici e privati tra i quali: Chelsea Art Museum di New York, MAK di Vienna, MUAR di Mosca, GAMeC di Bergamo, GAM di Genova, Museo delle Culture del Mondo di Genova, Fondazione Bevilacqua la Masa di Venezia, Galleria Viafarini di Milano, Galleria Klerkx di Milano, Galleria Civica d’Arte Contemporanea Montevergini di Siracusa, Galleria Traffic di Bergamo, Nellymya Arthouse Gallery di Aranno e Lugano, Galleria Koma di Mons (Belgio), BACO di Bergamo, Fondazione Bernareggi di Bergamo, Teatro Valle di Roma, Galleria Vanna Casati di Bergamo, Goethe-Universitat Institut di Francoforte. Ha partecipato alla Biennale di Venezia Padiglione Italia/Accademie, alla Biennale dei Giovani Artisti d’Europa e del Mediterraneo di Roma e Sarajevo, al concorso internazionale di Giovane Scultura presso la Fondazione Pomodoro di Milano, a diverse edizioni di Art Site Fest. Nel 2001 ha vinto il premio Targetti Art Light e il premio Open 2017 per Pergine Spettacolo Aperto. È stata finalista per il premio TwoCalls di Dolomiti Contemporanee 2015, dell’Exhibart Prize del 2020 e del Premio Treviglio del 2010.