Books

PROTEXT!

Weaving is a practice usually assigned to women, to children, to the more neglected social classes. However, it is also the practice which more than any other was altered by the industrial and capitalistic society. From the enclosure of domestic manufactures to the alienation caused by the factory work, it was indeed through needles and threads that these workers were able to externate their discomfort towards an unfair world.

Protext! Quando il tessuto si fa manifesto (When fabric becomes a manifesto) is the book published on occasion of the homonymous exhibition at the Centro per l’arte contemporanea Luigi Pecci, which presents eight artists: Serapis Maritime Corporation; Pia Camil; Otobong Nkanga; Tschabalala Self; Marinella Senatore; Vladislav Shapovalov; Güneş Terkol; and two workshops, held by the duo About a Worker and by the artist Canedicoda.

The book investigates the role of weaving as a transgressive practice, as a weapon of protest and sabotage. It is composed of two volumes; the first one illustrates, through interviews, biographies and artworks, the projects of the contemporary artists who more than anyone dealt with textile materials; in the second one, Marinella Senatore introduces forty drawings from the series “It’s time to go back to street” (2019–2020). Through telling the stories that inspired these drawings, she encourages all of us to take back the streets of our cities and to yell out loud the reasons for our discontent.

Format: 10,5 x 14,8 cm
Pages: 164 + 164
Language: IT / EN
Year: 2021
ISBN: 978-88-8056-117-0

Libri

PROTEXT!

La tessitura è una pratica solitamente assegnata alle donne, ai bambini, alle classi sociali più trascurate. Tuttavia, è anche la pratica che più di ogni altra è stata alterata dalla società industriale e capitalistica. Dal recinto dei manufatti domestici all’alienazione provocata dal lavoro in fabbrica, fu proprio attraverso aghi e fili che questi operai poterono esternare il loro disagio verso un mondo ingiusto.

Protext! Quando il tessuto si fa manifesto è il libro pubblicato in occasione dell’omonima mostra al Centro per l’arte contemporanea Luigi Pecci, che presenta otto artisti: Serapis Maritime Corporation; Pia Camil; Otobong Nkanga; Tschabalala Self; Marinella Senatore; Vladislav Shapovalov; Güneş Terkol; e due workshop, tenuti dal duo About a Worker e dall’artista Canedicoda.

Il libro indaga il ruolo della tessitura come pratica trasgressiva, come arma di protesta e sabotaggio. È composto da due volumi; il primo illustra, attraverso interviste, biografie e opere d’arte, i progetti degli artisti contemporanei che più di chiunque altro si sono occupati di materiali tessili; nella seconda, Marinella Senatore introduce quaranta disegni della serie “È ora di tornare in strada” (2019-2020). Raccontando le storie che hanno ispirato questi disegni, incoraggia tutti noi a riprendere le strade delle nostre città e ad urlare ad alta voce le ragioni del nostro malcontento.

Formato: 10,5 x 14,8 cm
Pagine: 164 + 164
Lingua: IT / EN
Anno: 2021
ISBN: 978-88-8056-117-0