• Mar. Lug 5th, 2022

RECHERCHES 20 – 21

English (Inglese)

*Foto in evidenza: Arnaud Rochard, Tournai II (détail), 2020. © TAMAT

TAMAT Musée de la Tapisserie et des Arts Textiles de la Fedération Wallonie-Bruxelles,
Place Reine-Astrid 9, B-7500 Tournai, Belgio

Artiste/i Eva Dinneweth, Charlotte Stuby, Jehanne Paternostre, Lina Manousogioannaki, Maïlys Lecoeuvre, Arnaud Rochard, Lisa Plaut et Pétra Vanwichelen
fino al 13 febbraio 2022
Info Tél +32(0)69 23 42 85 | info@tamat.be | https://tamat.be/le-musee/

Sixtine Jacquart, performance à l'ISELP automne 2021 Chair, 2021 © TAMAT

Lo sviluppo di bandi rivolti ad artisti è un fenomeno internazionale, in continua espansione.

Uno degli assi principali del TAMAT consiste, da 40 anni, nell’accompagnamento e nel sostegno della creazione emergente attraverso l’offerta di borse di studio in vista della realizzazione della ricerca artistica che si conclude con una mostra collettiva e la pubblicazione di un catalogo. Il museo offre uno spazio creativo per una selezione di artisti di tutte le discipline che desiderano sviluppare un progetto all’interno di un luogo culturale, sperimentarlo e condividerlo con il pubblico. Il principio è quello di concedere temporaneamente, gratuitamente, uno spazio-laboratorio a quattro artisti al fine di promuovere la realizzazione del loro progetto artistico sperimentale accompagnandoli, fornendo mezzi finanziari, un’équipe amministrativa e tecnica e un alloggio puntuale. A causa della pandemia, la selezione 2020 è stata estesa al 2021 per consentire agli artisti di condurre ricerche approfondite e preparare il momento della dimostrazione in modo sereno.

È quindi il coronamento di quasi 24 mesi di intensa esplorazione da parte dei beneficiari dell’assegnazione di ricerca TAMAT che segna una svolta decisiva per alcuni di loro.

Questa mostra segna la fine di un viaggio senza precedenti per la maggior parte dei partecipanti attorno alla pratica tessile multidisciplinare, di cui TAMAT si distingue oggi come un luogo di riflessione essenziale per rispondere al meglio alle sfide della divulgazione delle arti contemporanee al grande pubblico.

R20-21 offre una suggestiva retrospettiva delle riflessioni di attori impegnati nel mondo dell’arte, qualunque sia il loro prisma iniziale: scultura, pittura, ceramica, fotografia, styling, incisione, disegno.

ARTISTE/I

Pétra Vanwichelen, Recherches 2021. © Barthélémy Decobecq.jpg

Petra Vanwichelen (1967) Vive e lavora a Opwijk. Laureata in pittura alla Sint-Lucas Bruxelles. Pétra rompe la struttura bidimensionale con una pratica multidisciplinare. Riesce a trasformare poeticamente materiali morbidi in assemblaggi di luce. Sperimentando diversi materiali, l’artista esplora la memoria individuale e collettiva. Sposta sottilmente l’attenzione dal materiale all’immateriale. L’elusivo, il metafisico e l’effimero.

Eva Dinneweth, Recherches 2021. © Barthélémy Decobecq

Eva Dinneweth (1995) Vive e lavora a Brugge. Laureata alla LUCA, School of Arts di Gent, i suoi materiali preferiti sono gli oggetti, le cose di tutti i giorni, che trasforma attraverso semplici azioni. Con il suo immaginario idiosincratico, Eva Dinneweth studia le relazioni che nascono dallo sguardo. La vista funziona come un organo sensoriale nella costruzione del nostro mondo interiore. Gli oggetti e la loro relazione con lo spazio e il nostro corpo giocano qui un ruolo importante. Attraverso il gioco e il caso, l’artista costruisce una propria realtà visiva. Una cornice per lo sguardo.

Charlotte Stuby, Matelas de recherche, 2020 © TAMAT

Charlotte Stuby (1989) Vive e lavora a Bruxelles. Dopo una laurea in Arti Visive presso l’ECAL di Losanna (CH) nel 2013, Charlotte ha proseguito i suoi studi in Belgio dove ha conseguito un Master in Textile Design presso la LUCA School of Arts di Gent nel 2017. Ha partecipato a diverse mostre in Svizzera così come in Belgio. Il suo libro Creature in Reality è stato pubblicato da Grafische Cel Gent nel 2018.

Jehanne Paternostre, Recherches 2021. © Barthélémy Decobecq

Jehanne Paternostre (1976) Vive e lavora a Ottignies-Louvain-la-Neuve. Laureata all’Accademia Reale di Belle Arti di Bruxelles (disegno) e in Storia, Jehanne si interessa alla memoria e alle sue tracce, ai monumenti e ai documenti, tra conservazione e scomparsa. In particolare si è occupata di luoghi legati alle due guerre mondiali come il Forte di Bondues (Lille) o il cimitero militare di Marchiovelette (Namur). Il suo lavoro ha ricevuto il premio Horlait-Dapsens Foundation e il premio Woluwé-Saint-Pierre Arts ed è stato oggetto di pubblicazioni nelle riviste La Part de l’Œil e Mémoires en jeu.

Maîlys Lecoeuvre, Recherches 2021. © Barthélémy Decobecq

Maïlys Lecoeuvre (1991) Vive e lavora a Saint-Amand-les-Eaux. Diplomata all’Académie des Beaux-Arts de Tournai in pittura, ricerca pittorica e tridimensionale, il suo lavoro di ricamo, installazione, fotografia e performance interroga la memoria, l’ansia del tempo che passa, l’oblio, l’identità collettiva e individuale.

Lina Manousogiannaki, collage, 2021. © Barthélémy Decobecq

Lina Manousogiannaki (1976) Vive e lavora a Bruxelles. Nata ad Atene, Lina si è laureata in Archeologia, Storia e Storia dell’Arte presso l’Università di Creta. Ha iniziato con la fotografia da autodidatta. Alla fine del 2013 si è trasferita in Belgio. Lo stesso anno ha ricevuto il Premio FDC dall’Università di Louvain-la-Neuve per il suo progetto che unisce archeologia e fotografia. Da allora ha esposto i suoi lavori in vari eventi nazionali e internazionali.

Arnaud Rochard, Tournai II (détail), 2020. © TAMAT

Arnaud Rochard (1986) Vive e lavora a Madrid e Guérande. Arnaud si è diplomato alla Scuola Europea d’Arte in Bretagna. Attualmente risiede alla Casa de Velázquez a Madrid dove sviluppa un lavoro transdisciplinare tra incisione, pittura e ceramica. Nel 2018 ha ricevuto il Creation Grant dal DRAC Pays de Loire e, nel 2019, il Premio Pierre Cardin per l’incisione dall’Académie des Beaux Arts. Ha partecipato a numerose mostre collettive e il suo lavoro è stato oggetto di diverse mostre personali, in particolare alla Galerie Maïa Muller, alla Chantier Art House, a Villa Boesch o alla Galerie Félix Frachon.

Lisa Plaut, drap, 2020, © TAMAT

Lisa Plaut (1982) Ha studiato all’Università di Parigi 8 e all’Accademia Gerrit Rietveld di Amsterdam. Il suo lavoro mette in discussione il rapporto con la storia dell’arte e l’esistenza di una cultura visiva condivisa. Le varie tecniche artigianali vengono deviate per creare manualmente immagini che sfuggono alla cronologia.

TAMAT

Situato nel quartiere dei musei, nel cuore di Tournai, TAMAT è un luogo dedicato all’arazzo e alle arti tessili. Attraverso nuove mostre e attività di mediazione, il museo conserva, studia, arricchisce ed evidenzia una collezione di riferimento che ne consente la tracciabilità e scopri cinque secoli e mezzo di lino e patrimonio tessile. TAMAT mette in risalto il lavoro di artisti e artigiani dal XV secolo ai giorni nostri. Le collezioni tessili di TAMAT sono presentate in mostre permanenti e temporanee e costituiscono una ricchezza in termini storici, artistici e tecnici.