• Ven. Lug 1st, 2022

Rufina Bazlova: Nici z demokracji (No thread to follow)

English (Inglese)

4-19.09.2021
Browarna Gallery, Podrzeczna 17 Street, Łowicz, Poland
Info Zofia Bojańczyk e-mail: zosia.biernacka@gmail.com |http://galeriabrowarna.blogspot.com/

La Browarna Gallery annuncia l’apertura della mostra dell’artista bielorussa Rufina Bazlova che attraverso il tessuto ricamato presenta le manifestazioni di massa che hanno avuto luogo in Bielorussia nel 2020 e commenta la situazione politica del suo paese. La mostra resterà aperta al pubblico fino al 19 settembre.

Rufina Bazlova è nata nel 1990 a Grodno, al confine della Bielorussia con Polonia e Lituania. Non era in campagna durante le proteste dello scorso anno: a 18 anni è andata a Plze per studiare grafica, illustrazione e scultura. Successivamente si è trasferita a Praga, dove si è laureata in scenografia e teatro di figura e vive ancora oggi nella capitale ceca. Era al corrente della situazione in Bielorussia grazie all’app Telegram utilizzata da giornalisti e blogger bielorussi censurati. Commossa dalla solidarietà e dalla mobilitazione dei suoi connazionali, oltre che dalla brutalità delle autorità, ha iniziato a postare i suoi ricami digitali su Instagram, raggiungendo la sensibilità dei suoi coetanei: la generazione di 20 e 30 anni, che fino a quel momento non avevano mostrato alcun interesse per la situazione politica del Paese

Bazlova trae ispirazione dall’arte popolare bielorussa, che per anni è stata utilizzata principalmente per promuovere il paese in colorate cartelle turistiche, ma oggi può aiutare a costruire l’identità dei giovani bielorussi facendo riferimento al denominatore comune: vecchi costumi e tradizioni. Per anni, l’ornamento popolare è stato il codice usato per descrivere il mondo – dice Bazlova in un’intervista al quotidiano polacco Gazeta Wyborcza – Le donne che non sapevano scrivere e leggere, usavano questo linguaggio per comunicare. A sua volta, durante la guerra, il ricamo era un rituale per deviare le forze oscure. Per l’artista, le forze oscure si trovano con gli spettri dell’oppressione e della violenza totalitaria. I colori che usa – bianco e rosso – si riferiscono alla bandiera della Repubblica popolare bielorussa, sotto la quale si unisce l’opposizione. Ciò che vale la pena aggiungere è che questa bandiera è vietata. È stato rimossa dall’edificio del Parlamento nel 1995 e tagliata a pezzi per volere di Lukashenka. Il titolo della serie – Vyzyvanka –, che contiene le opere presentate alla mostra Nici z demokracji/No thread to follow alla Browarna Gallery, è un gioco di parole tra wyszywat (inglese: embroider) e wyżywat (inglese: experience).

Il tessuto bianco e rosso ricamato a croce lungo 7 metri di Bazlova è il cuore della mostra nella Browarna Gallery. Presenta la cronaca delle manifestazioni che hanno avuto luogo a Minsk, Grodno, Kobryn, Soligorsk, Pinsk, Baranavichy, Gomel, Mogilev e molte altre città bielorusse. È anche una storia sull’audacia, la solidarietà e la determinazione dei bielorussi nella loro lotta contro il regime comunista.

La Browarna Gallery è uno spazio privato dove vengono organizzate mostre e concerti. Si trova nell’ex chiesa evangelica che è stata acquistata e ristrutturata dal proprietario, il sig. Andrzej Biernacki.