Interview

SABA NAJAFI

Saba Najafi was born in Iran in 1979. After obtaining a degree in Painting at the Alzahra University of Tehran and the Master at the Honar Academy of the same city, she moved to Milan where she graduated first in Painting and then in Art Therapy at the Academy of Fine Arts of Brera. Visual artist, she moves between videos and installations, using textile and natural materials such as stones, branches, leaves.

She has numerous exhibitions in Italy and abroad including, recently, at Studio Pepe36 in Milan, a participation in the Festival del Tempo curated by Roberta Melasecca in Sermoneta and at the Biennial of Environmental Art “The nature of art”, edited by Elena Isella in Mariano Comense.

At the end of August 2022 her personal exhibition “Refuge” was inaugurated at the Civic Museum Setificio Monti in Abbadia Lariana in which the artist worked as a single site-specific installation, embracing the three naves of the ground floor of the Museum in silk, playing with the main elements of the building through reworkings of the latest series launched from 2020: “Metamorphosis”, branches linked together by strips of fabric like medical bandages, “Inner care”, stones partially covered with fabric, and new elaborations of the “Stone as memories” series, in papier mâché with calligraphic inserts.

I interviewed her for ArteMorbida on the occasion of the setting up of this latest project.

Saba Najafi “Refuge”, Civico Museo Setificio Monti

The exhibition at the Civic Museum Setificio Monti in Abbadia Lariana is structured as a site-specific installation. Why did you choose to work on the spaces of the Silk Museum and how does this material link with your work?

Silk was my first material outside of painting and I used it for its delicate and reflective character. In addition to this bond, silk offers with its history and its production process many hints for ideas that were in significant line with my artistic research. The concepts dear to me such as time, life and memory are reflected through the path of the Museum which has silk and its history as the protagonist.

In an exhibition space that is unique and unlike any other, the history of silk has created a link between East and West through different cultures that hide multiple nuances. The best way to dialogue with the space was to design a site-specific work that is unique and specific, on a personal level this type of work interests me a lot because it is different from the creation in the studio.It is a challenge with space and with myself, leading me to feel emotions through the ideation, the waiting and the realization at the moment.

The link between my work and silk is an emotional one. I use fabrics like cotton threads and strips. My materials do not always have the same origin, but they belong to the same large family of textiles and there is familiarity in the shape. Silk represents delicacy and reflexivity, a reflection on myself, on my world and the relationship with others. The birth of silk is closely related to trees, branches and leaves, which are fragments of my works. The Silk Museum could be a cocoon to let my new ideas fly.

Saba Najafi “Refuge”, Civico Museo Setificio Monti

Your artistic training at the “Honar” Art University in Tehran, Iran, and later at the Brera Academy of Fine Arts is in painting, but for several years you have also and above all worked with textile materials. When and how did you come to take care of this and how much of your path in painting is left in your work today?

It happened in 2013, on the occasion of my thesis at the Brera Academy with the title “Contemporary Intimacy”. I couldn’t express myself with painting because it was a communication from the inside out, between me and others, where distance and space had a strong meaning.So I chose to use layers of fabric instead of color. The first works were made on a frame, close to the pictorial format. From the path through painting I learned the ability to look, analyze details and the freedom to imagine.

Saba Najafi “Refuge”, Civico Museo Setificio Monti

And when did you start creating installations instead?

The first step was from painting to textile material. I used wool and silk threads to express myself on the diversity of perceiving different cultures. I wanted to use silk because it symbolically reflected the viewer’s image and in a very natural way I used wool threads as a symbol of my culture or how other cultures identify mine.

The step following the installation was not a decision, but it happened and was linked to what I had to express at the moment. I remember that a friend after seeing my first stone works in 2019 told me: do you now do three-dimensional works? This question surprised me a lot: for me it was not a separation from what I did before, even if the shape was different. I hadn’t noticed the change. Since then I have continued to make installations, also carrying out works on canvas

Saba Najafi “Refuge”, Civico Museo Setificio Monti

How does the relationship with Iran enter your works?

Textile art is present and important in life in Iran. The children, crawling on all fours, wander on carpets with colorful landscapes: they play and grow in Persian gardens on the floors of the house.

As an artist, having a strong cultural reference in the textile world, I try to keep my identity, but Iran is present in my thinking, in my emotional heritage, in my memory, in my way of being and acting. Language and culture shape us and greatly affect our way of perceiving the world. So my gaze is inevitably filtered by my culture and my personal experience.

Saba Najafi “Refuge”, Civico Museo Setificio Monti

In your works you frequently combine fabric with natural materials such as stones, leaves and branches.

I identify a lot with the natural elements. I have a lot of passion for nature, with a researcher look. Nature is magical, I get lost in the details and shapes. Sometimes I collect elements that I then use in the future and this is an aspect recently discovered by analyzing the jump from stone to branches which represents a very fragile moment in my life. In most of my works the natural elements materialize or give shape to concepts concerning various shades of human existence: for example, in the stones we pass from various states of mind, called “Self-portraits”, to the unconscious, while instead in the series “Metamorphosy” with the help of branches I materialize resilience in a fragile state.

The very nature of the elements helps me to express myself: the fabric and the threads are the tangible links that unite and cross the world with multiple concepts.

Saba Najafi “Refuge”, Civico Museo Setificio Monti

What is the common thread that unites your works?

The common thread is my search for nuances of existence in relation to nature, human beings and the world. I search in my feelings of perceiving life, being in the world. In this research, materials are means by which to express myself and for now I feel very comfortable with natural elements and textile materials.

What are your plans for the future?

In recent years for personal reasons I have worked more indoors in my studio, while now I want to go out and bring my ideas and projects to light. Express and create without limits.

Interviste

SABA NAJAFI

Saba Najafi è nata in Iran nel 1979. Dopo la Laurea in Pittura all’Università Alzahra di Teheran e il Master all’Accademia Honar della stessa città, si trasferisce a Milano dove si laurea prima in Pittura e poi in Arteterapia all’Accademia di Belle Arti di Brera. Visual artist, si muove tra video e installazioni, usando materiali tessili e naturali come pietre, rami, foglie.

Ha all’attivo numerose mostre in Italia e all’estero tra cui, recentemente, a Studio Pepe36 di Milano, la partecipazione al Festival del Tempo curato da Roberta Melasecca a Sermoneta e alla Biennale di Arte Ambientale “La natura dell’arte”, a cura di Elena Isella a Mariano Comense.

A fine agosto 2022 è stata inaugurata la sua mostra personale “Refuge” presso il Civico Museo Setificio Monti di Abbadia Lariana in cui l’artista ha lavorato come ad un’unica installazione site-specific, abbracciando le tre navate del piano terra del Museo della seta, giocando con gli elementi principali dell’edificio attraverso rielaborazioni delle ultime serie avviate a partire dal 2020: “Metamorfosi”, rami legati tra loro da strisce di tessuto come bende medicali, “Inner care”, pietre parzialmente rivestite di tessuto, e nuove elaborazioni della serie “Stone as memories”, in papier mâché con inserti calligrafici.

L’ho intervistata per ArteMorbida proprio in occasione dell’allestimento di quest’ultimo progetto.

Saba Najafi “Refuge”, Civico Museo Setificio Monti

La mostra al Civico Museo Setificio Monti di Abbadia Lariana è strutturata come un’installazione site-specific. Perché hai scelto di lavorare sugli spazi del Museo della seta e come si lega questo materiale con il tuo lavoro?

La seta è stata il mio primo materiale al di fuori della pittura e l’ho usata per il suo carattere delicato e riflessivo. Oltre a questo legame la seta offre con la sua storia e il suo processo produttivo molti spunti per idee che erano in linea significativa con la mia ricerca artistica. I concetti a me cari come tempo, vita e memoria si riflettono attraverso il percorso del Museo che ha come protagonista la seta e la sua storia.

In uno spazio espositivo unico e diverso da qualsiasi altro, la storia della seta ha creato un legame tra oriente e occidente attraverso culture diverse che nascondono molteplici sfumature. Il miglior modo di dialogare con lo spazio era progettare un lavoro site-specific che è unico e specifico, a livello personale questa tipologia di lavoro mi interessa molto perché è diversa dalla creazione in studio. É una sfida con lo spazio e con me stessa portandomi a provare emozioni attraverso l’ideazione, l’attesa e la realizzazione al momento.

Il legame tra il mio lavoro e la seta è di tipo emotivo. Uso tessuti come fili e strisce di cotone. I miei materiali non hanno sempre la stessa origine, ma appartengono alla stessa grande famiglia del tessile e c’è la familiarità nella forma. La seta rappresenta la delicatezza e la riflessività, una riflessione su me stessa, sul mio mondo e la relazione con gli altri. La nascita della seta è in relazione stretta con alberi, rami e foglie, che sono frammenti delle mie opere. Il Museo della seta poteva essere un bozzolo per far volare le mie nuove idee.

Saba Najafi “Refuge”, Civico Museo Setificio Monti

La tua formazione artistica all’“Honar” Art University di Tehran, in Iran, e successivamente all’Accademia di Belle Arti di Brera è in pittura, ma da diversi anni lavori anche e soprattutto con materiali tessili. Quando e come sei passata a occuparti di questo e quanto del tuo percorso in pittura è rimasto nel tuo lavoro oggi?

È successo nel 2013, in occasione della mia tesi all’accademia di Brera con il titolo “Intimità contemporanea”. Non riuscivo ad esprimermi con la pittura perché si trattava di una comunicazione dall’interno verso l’esterno, tra me e gli altri, dove la distanza e lo spazio aveva un forte significato. Per cui ho scelto di usare strati di tessuto invece del colore. I primi lavori sono stati realizzati su telaio, vicino al formato pittorico. Dal percorso attraverso la pittura ho imparato la capacità di guardare, analizzare i dettagli e libertà di immaginare.

Saba Najafi “Refuge”, Civico Museo Setificio Monti

E quando invece hai iniziato a creare installazioni?

Il primo passaggio è stato dalla pittura al materiale tessile. Ho usato i fili di lana e la seta per esprimermi sulla diversità nel percepire culture differenti. Ho voluto usare la seta perché rifletteva in modo simbolico l’immagine dello spettatore e in maniera molto naturale ho usato i fili di lana come simbolo della mia cultura o come altre culture identificano la mia.

Il passaggio successivo all’installazione non è stata una decisione, ma è accaduto ed era legata a quello che dovevo esprimere al momento. Mi ricordo che una amica dopo aver visto le mie prime opere di pietra nel 2019 mi ha detto: ora fai lavori tridimensionali? Questa domanda mi ha sorpresa molto: per me non era una separazione rispetto a quello che facevo prima, anche se la forma era diversa. Non mi ero accorta del cambiamento. Da allora continuo a fare installazioni portando avanti anche i lavori su tela.

Saba Najafi “Refuge”, Civico Museo Setificio Monti

In che modo entra nelle tue opere il rapporto con l’Iran?

L’arte tessile è presente e importante nella vita in Iran. I bambini, andando a gattoni, vagano su tappeti con paesaggi ricchi di colori: giocano e crescono in giardini persiani sui pavimenti di casa. Da artista, avendo un forte riferimento culturale nel mondo tessile, cerco di tenere la mia identità, ma l’Iran è presente nel mio pensiero, nel patrimonio emozionale, nella memoria, nel mio modo di essere e agire. La lingua e la cultura ci plasmano e incidono molto sul nostro modo di percepire il mondo. Per cui inevitabilmente il mio sguardo è filtrato dalla mia cultura e dal mio vissuto personale.

Saba Najafi “Refuge”, Civico Museo Setificio Monti

Nei tuoi lavori abbini frequentemente il tessuto a materiali naturali come pietre, foglie e rami.

Mi identifico molto con gli elementi naturali. Ho tanta passione per la natura, con uno sguardo da ricercatore. La natura è magica, mi perdo nei dettagli e nelle forme. A volte raccolgo degli elementi che poi utilizzo in futuro e questo è un aspetto scoperto da poco analizzando il salto dalla pietra ai rami che rappresenta un momento molto fragile nella mia vita. Nella maggior parte delle mie opere gli elementi naturali si materializzano o danno corpo a concetti che riguardano varie sfumature dell’esistenza umana: per esempio, nelle pietre si passa da vari stati d’animo, denominati “Autoritratti”, all’inconscio, mentre invece nella serie “Metamorphosy” con l’aiuto di rami materializzo la resilienza in uno stato fragile.

La stessa natura degli elementi mi aiuta ad esprimermi: il tessuto e i fili sono i legami tangibili che uniscono e attraversano il mondo con molteplici concetti.

Saba Najafi “Refuge”, Civico Museo Setificio Monti

Qual è il filo conduttore che unisce i tuoi lavori?

Il filo conduttore è la mia ricerca di sfumature dell’esistenza in relazione con la natura, gli esseri umani e il mondo. Ricerca nelle mie sensazioni di percepire il vivere, essere al mondo. In questa ricerca i materiali sono dei mezzi con cui esprimermi e per ora mi trovo molto bene con gli elementi naturali e i materiali tessili.

Che progetti hai per il futuro?

Negli ultimi anni per motivi personali ho lavorato più al chiuso nel mio studio, mentre ora ho voglia di uscire e portare alla luce le mie idee e i miei progetti. Esprimere e creare senza limiti.