• Dom. Dic 5th, 2021

SCHISMS – VAUGHN DAVIS JR

Version: Inglese

Comunicato stampa

Romer Young Gallery – 12  Marzo, 2021 – 1 Maggio, 2021
1240 22nd Street, San Francisco, CA 94107
(415) 550-7483
info@romeryounggallery.com

La Romer Young Gallery è lieta di presentare, Schisms la prima mostra dell’artista di St. Louis Vaughn Davis Jr, dal 12 marzo al 1 maggio 2021.

“Fin dall’inizio, la mia esperienza pittorica si è trasformata in una composizione di tagli sistematici e colori imprecisi. Questi metodi si basano sullo smantellamento del piano pittorico e sulla decostruzione del processo pittorico. Attraverso questo processo creo oggetti di follia. È un caos ereditato dal periodo attuale. Ogni tela è più espressioni al suo interno; schizzare, versare, tingere, lacrimare, sfilacciarsi per diventare una potente cronaca del nostro tempo “.

Il lavoro di Davis si basa sui principi dell’espressionismo astratto e considera la pittura in una forma espansa. Il lavoro dell’artista occupa un’area sorprendentemente ambigua in cui la pittura si interrompe, inizia la scultura e si intreccia la performance. Schisms presenta una collezione di forme vibranti caratterizzate da trattamenti superficiali tagliati, sfilacciati, strappati, sminuzzati e affettati di grandi tele piatte, pigmentate e non primerizzate. Le tele strappate con precisione riecheggiano le tradizioni della pittura e allo stesso tempo integrano i processi relativi alla performance e agli eventi. In definitiva, ogni tela è una documentazione della sua realizzazione, un’incarnazione del tempo, dello spazio e dell’emozione creata dal corpo e dal movimento dell’artista.

“Le onde di colore resistono alla tempesta. Attraverso composizioni di colori spugnati, dipingo poeticamente i movimenti delle mie emozioni. Le mie tele resistono a una tempesta privata, qui a casa mia, tra le correnti dell’arte contemporanea.”

Con un cenno ai predecessori, ispirazioni e influenze – Sam Gilliam, Eva Hesse, Lucio Fontana, Al Loving, Mary Lovelace O’Neal, Helen Frankenthaler, Sabuko Murakami, solo per citarne alcuni – Davis si inserisce nella storia dell’umile tela di cotone. L’artista ha eliminato la tela rettangolare rimuovendo le assi del telaio. Le sue tele pendono e cadono dal muro creando oggetti organici, informi, spiegati, aperti e mutevoli. Davis impregna e macchia la tela non preparata con pozze di pigmento acrilico permettendo alla pittura di fondersi con la trama della tela. Pigmento dopo pigmento, la superficie si sovrappone lentamente, solo per essere annullata da una serie intuitiva di azioni: tagli rapidi e imprecisi mescolati a lacrime larghe e pesanti. Lacerato, angosciato e destrutturato, l’artista disegna una polarità tra il disfacimento della tela e il rivelarsi del sé. Ad ogni schizzo, tinta, lacrima e sfilacciamento viene aggiunto o scoperto un nuovo strato di espressione. Questi “oggetti di follia” alludono tanto all’artista stesso quanto al clima attuale; si confrontano con lo stato del suo essere, rispecchiando anche metaforicamente il disfacimento delle norme sociali. Utilizzando concetti semplici e gesti semplici, Davis crea incontri unici per lo spettatore che si trovano al confine tra dentro / fuori, caos / ordine, individuo / collettivo. Bello e crudo, le sue astrazioni fanno affermazioni sottili che aggiungono profondità al ruolo dell’arte in una società in fase di drammatico cambiamento.

L’arte astratta è raramente così pura o autonoma come spesso si sostiene che sia. Le astrazioni di Davis sfidano l’idea che ci siano certezze universali e sono in definitiva plasmate dall’esperienza individuale della sua vita quotidiana, riflettendo storie personali e significati stratificati. Come Yves Klein che concepiva la vita dell’artista come opera d’arte, anche Davis sceglie di esprimere il sentimento piuttosto che la forma figurativa, andando così oltre le idee di rappresentazione artistica, concependo invece l’opera d’arte come una traccia di comunicazione tra lui e il mondo; le verità invisibili sono rese visibili. Nel complesso, le opere sono “mappe della vita a tutto volume”: sono rumorose, attive e sospese come prova di presenza e assenza, passato e presente, quiete e caos. Le opere di Davis “restano attaccate alla propria identità”, vivendo come un prodotto di questo tempo.

Vaughn Davis Jr. vive e lavora a St. Louis, Missouri. Ha ricevuto il suo BFA con lode in Scultura presso la Webster University di St. Louis. Il suo lavoro è stato esposto al Dragon Crab Turtle, alla Monaco Gallery e al The Luminary di St. Louis, MO; Gazebo Gallery, Kent, OH; tra gli altri. Ha avuto mostre personali alla Philip Slein Gallery e al Center of Creative Arts entrambi situati a St. Louis ed è incluso in una mostra collettiva alla Abattoir Gallery, Cleveland OH.

Per ulteriori informazioni, contattare la galleria al 415.550.7483 o inviare un’e-mail a info@romeryounggallery.com