Focus On

“Wafting through my weavings”: exhibition by Monica Paulon, textile artist

We promised ourselves that we will learn more about this textile artist in the near future, but in the meantime, we give notice of her exhibition in Bergamo until 16 June 2019, at the “Bottega del Gombito”

Below is the press release

 

“Wafting through my weavings”

Exhibition by Monica Paulon, textile artist

Curated by Eles Iotti

From 16May- 16 June 2019

Bergamo – “Bottega del Gombito”, via Gombito 13/D

InaugurationThursday 16 Mayat5.00 pm

 

Gentle puffs of wind animate the cascade of pink rose petals which have fallen from the cherry tree in her grandparents’ garden. Suddenly, a whirlwind of pink spins into the air, announcing the fragranceofimminent spring.

This primigenial image inspired “Wafting through my weavings”, Monica Paulon’sfirst solo exhibition,as expressed in thisexquisiteand enveloping installationat“La bottega del Gombito”, in Bergamo Alta.

The hand-woven fabrics, formedand stratified by the artist’s hands and then suspended in space by invisible threads, create an enchanted woodimbued with history, anaesthesised memories and overlapping moments in time, which have all been embeddedinto the walls, as Monica’s childhood memories are embedded into her works.     

The imaginary sky blends into the silk organza, while amber silk threads twist sinuously into branches of a cherry tree that tenderly scatters pink particles.Wafts of spring seem to bring the work to life, propagating the fragmented flowers, which are suspended between memory and matter. Silk is a noble and precious material, especiallyin the context of the industrious history of the Lake Como area, and even more so when it encounters the fine flocks of carded Bergamo wool, which the artist has created by using the technique of felting.

The hanging cloth panels releasesweet and sensual wafts of fragrance into a sumptuous slipstream: textile fibres and essences become one, amplifying perceptions and memories. Everything participates in rendering a gentle breeze of memory into something material, capable of inducing emotions and visions.

And then magically, using an artthat originated at the dawn of time, living layers of fibre are created, salving the wounds of a bygone past, like bandages, ferrying the scene into the present, where the weavings create meaningful connections.

The scene comes to life, becoming alive like a tree, like the tree which, in full flower, gives of itself, in a perpetual state of becoming, to the Universe.

And thus, a temple is created, a sacred place where you can go to recognise nature, marvel at its ceaseless giving, connect with its essence, and, through the senses, give and take inspiration.

“Soffi delle mie trame”

 “Bottega del Gombito” – Bergamo, Via Gombito 13/D

From 16 Mayto 16 June2019

Open Wednesday – Sunday

From 10.00 am- 12,30 pm and4.00 pm– 7.00 pm

bottegadelgombito@gmail.cominfo@artefeltro.it

Free entry

Profile

Monica Paulon was born in 1970 in Como, where she lives and works. She grew up among the colours and rustling of silk fabrics: her mother applied the finishing touches to silk ties. Her aunt from the South Tyrol taught her how to make felt from wool using water and soap, resulting in the discovery of the material she would one day create with.
Although she studied fashion design, it was when she was working in an architectural showroom that she was presented with the opportunities that led to her future creative work and.
Her rediscovery of the felt-making technique occurred while participating in a workshop at the Steiner School her children attended; she continues her creative exploration.
2003 – Creates her first Artefeltro one-offs, combining silk with cashmere or merino wool, creating clothing and accessories out of luxurious felt.
2007 – Exhibits at MilanoUnica.
2008 – Participates in PittiImmagine with felt wall-pieces for Millefili.
Designs a bridal collection for PenelopeSposa.
Exhibits at ClassFashion.
2009 – Selected to exhibit her Capsule Collection by INSIDE WHITE.
Creates Filosophy, a silk-cashmere throw blanket, for Bonaldo.

In addition to her one-off fashion design pieces, recently she has been exhibiting her works, a fusion of art and handcrafting, at Fibre Art exhibitions such as Tramanda (Chieri), Trame a Corte (Rocca di Sala Baganza), Il Rumore del Lutto at Gallery Alphacentauri (Parma), and participating in events such as Orticolario (Como).

LOCATION

Bottega del Gombito, founded by Vittorio Vitali in 1972, and located in the historical centre of Bergamo Alta, is a fascinating exhibition space which promotes the cultures of Bergamo, Lombardy and all over the globe. The Bottega’s periodic events foster a stimulating conversation between fine antiques and aesthetic experiments of the 20th century through exhibitions, cultural and literary events concerning different themes, art exhibitions, solo exhibitsby historical and emerging artists, in addition to installations featuring design, fashion and artistic textiles. Within this cultural hotbed of ideas, open to the comings and goings in via Gombito and concernsrelevant to art and antiques, which are particularly of interest to MariagraziaVitali, an archaeologist and director of the exhibition space, courses and lessons on art, antiques and design are offered.

A lovely enclosed garden, adjacent to the antique Palace of the Della Torre family in the historical centre, is available for outside events.

THANKS TO …

Bottega del Gombito, and especially to Mariagrazia Vitali, for welcoming and encouraging the project.

Lanificio e FeltrificioGusmini (www.gusmini.com), for the wool and precious felt fibres which are such an integral part of the installation.

Olfattiva (www.Olfattiva.it),for the fragrant essences that pervade the fabrics in the work,diffusing their captivating fragrances.

Cosmos scale (www.cosmos-scale.it), which, thanks to its secure ladders, allowed us to mount the exhibition, climbing up over 5 metres above ground.

Focus On

SOFFI DALLE MIE TRAME: i teli di Monica Paulon

Ci siamo ripromessi di conoscere meglio a breve questa artista tessile ma, nel frattempo, diamo comunicazione della sua mostra a Bergamo fino al 16 giugno 2019, presso la ” Bottega del Gombito”

Di seguito il comunicato stampa

SOFFI DALLE MIE TRAME: i teli di Monica Paulon

 a cura di Eles Iotti Storica e critica d’arte

 L’infinita sapienza del fare e del tramandare quale straordinario potere di mani femminili che, senza l’uso dell’ago, creano bellezza e meraviglia.

Il filo come metafora della sostanza pulviscolare del mondo.

Opere di arte povera di rara intensità. Presenze silenziose e impalpabili, ombre di alberi, di foglie e di radici che ci portano lontano da una frequentazione ordinaria delle apparenze di realtà.

I delicati feltri di Monica Paulon intrattengono un rapporto con l’ineffabile: muovono verso frequentazioni di litorali tra visibile e invisibile, tra finito e infinito.

L’artista esplora e asseconda le potenzialità espressive dei filati attraverso un agire gestuale lontano dall’ idea di trama e ordito; essa aggrega, stratifica e ingloba fili di sete, lane e organze, aprendo frontiere verso la pittura informale e dischiudendo porte e finestre su di un altrove.

Nel suo linguaggio creativo, il felting, che appartiene alle origini storiche, anzi preistoriche dell’umanità, si trova l’essenza della pittura moderna: rifiuto della prepotenza e imperiosità della linea retta e aderenza all’esperienza colorica, emotiva e poetica del sublime estetico di Turner unita alla grande idea di Natura en plein air e alle variazioni sul tema del Monet delle Ninfee.

Punto di partenza per la sua ricerca resta la verità naturale e materiale dei filati di scarto che rivivifica pazientemente con la complicità dell’acqua, ma soprattutto con la religiosità rituale e la profonda coscienza di avvicinare il caos primigenio e con esso tutto ciò che è nascente.

Nei teli di Monica i bordi non vedono limite, tuttavia la scelta dei quadrati   nella sequenza del Fibonacci impone una successione aurea e una euritmia classica in grado di contrastare il caso. E’ così che queste impalpabili trame non raffigurano, ma evocano idee di natura diversa da quella che conosciamo, costruiscono corrispondenze ed assonanze universali in grado di travalicare i concetti di spazio-tempo: la loro più intrinseca effimera qualità compositiva sta nel non avere la prospettiva.

In una completa identità tra l’opera e lo spettatore si impone una esperienza immersiva e totale: vi entriamo camminando come si entrasse in un giardino dove in un clima creativo palpitante, la fluidità e la leggerezza ci sospingono verso l’inatteso.

Le trame sensuali di Monica Paulon travalicano i confini della pittura e della scultura e ci portano nel campo elettivo di una avventura emotiva interiore: aprono finestre sull’anima. L’autrice imprigiona in una struttura segnica, con le mani, i sensi e la mente, la fuggevole esistenza delle nuvole, dei rami, dei fiori, dei petali, delle foglie, della pelle, ecc.. insomma di tutto ciò che vive e muta.

Panica poesia dell’attimo che trascorre intrecciata in fili di sete; sensuali miraggi di soffi e riflessi di acqua, aria e luce imprigionati nell’organza; arcane orografie di paesaggi di ogni tempo e di ogni luogo rinnovate nella tela; carnali piogge di petali e soavi voli di piume e capelli quali magici intrecci di segni femminili che infondono vita a vecchie realtà minacciate di morte.

Dal rapporto con l’esistente, dal piacere del “fare” Monica, frequentando i territori dell’estetica, costruisce nuovi, palpitanti e seducenti mondi in movimento per tramandare leggerezza e felicità qui ed ora.

(Eles Iotti)        

 L’Artista

Monica Paulon nasce, nel 1970, a Como, e cresce tra colori e fruscii serici: la madre rifinisce a mano cravatte di seta. Dalla zia trentina impara a infeltrire la lana con l’acqua e il sapone, scoprendo la materia sulla quale costruirà la sua arte. Diventa stilista di moda, ma la sua esperienza lavorativa partirà da uno Studio di design.È grazie a un laboratorio sul feltro, organizzato dalla scuola steineriana frequentata dai suoi figli, che riscopre e approfondisce la tecnica del felting

Nel 2003, crea i primi capi unici firmati Artefeltro (artefeltro.it), unendo la seta al cachemire o alla lana merinos, realizzando abiti e accessori in feltro de-luxe..Nel 2007, espone a Milano Unica. Nel 2009, la sua Capsule Collection viene selezionata da Inside di White. Nel 2010, collabora con la cooperativa Alice, conducendo dei laboratori di feltro per le detenute all’interno della Casa circondariale di Bollate. Propone e realizza il progetto “Riprendiamo il filo della matassa” per riportare le arti tessili nelle prime classi elementari comasche. Oltre alla creazione di capi di abbigliamento realizzati in pezzi unici, l’artista espone le proprie opere, in una fusione di arte e artigianato, presso mostre di Fiber Art come Tramanda (Chieri), Trame a Corte (Rocca di Sala Baganza), Il rumore del Lutto presso la Galleria Alphacentauri (Parma), e partecipando a eventi come Orticolario (Como)

Sede

In un vasto ambiente storico nel cuore di Bergamo Alta, la Bottega del Gombito, fondata da Vittorio Vitali nel 1972, è un affascinante spazio espositivo che promuove la cultura bergamasca, lombarda e transnazionale. Le sue esposizioni periodiche pongono in stimolante colloquio l’alto antiquariato con le sperimentazioni estetiche del XX secolo attraverso mostre, incontri culturali e letterari a tema, esposizioni d’arte, personali di artisti storici o emergenti, oltre ad allestimenti di design, moda e creazioni artistiche tessili. In questa sorta di fucina culturale, aperta al viavai di via Gombito e ai temi d’arte e antichistica, particolarmente cari a Mariagrazia Vitali, archeologa e direttrice dello spazio espositivo, si organizzano corsi e lezioni a tema artistico, antiquario, di design.  

Offre inoltre la rara disponibilità di un delizioso angolo verde per eventi all’aperto, nell’antico palazzo dei Della Torre di Bergamo, vera sorta di hortus conclusus nel centro storico di Città Alta.

 

Ringraziamenti…

Bottega del Gombito, e in particolare a Mariagrazia Vitali, per accogliere e incoraggiare il progetto.

Lanificio e FeltrificioGusmini (www.gusmini.com), per la lana e le preziose fibre di feltro che fanno parte integrante dell’installazione.

Olfattiva (www.Olfattiva.it), per le essenze fragranti che pervadono i tessuti dell’opera, diffondendo i loro accattivanti profumi.

Cosmos scale (www.cosmos-scale.it), che, grazie alle sue scale sicure, ci ha permesso di montare la mostra, salendo oltre 5 metri dal suolo.

Emanuela D'Amico

English version Mi sono avvicinata al quilting nel 1992, da allora ho frequentato diversi corsi in Italia e negli USA per approfondire le tecniche del patchwork, passando dai disegni tradizionali o geometrici alle tecniche artistiche con cui posso esprimere la mia creatività. Insegno le tecniche base e avanzate dal 1998. Ho fondato la Scuola Romana Quilting nel 2015: http://www.scuolaromanaquilting.it/ e dal 2014 organizzo a Roma la mostra di ArtQuilting: ArteMorbida. A partire dal 2018, con la collaborazione di Maria Rosaria Roseo e altre colleghe/amiche abbiamo iniziato la pubblicazione di ArteMorbida Textile Arts Magazine. Oggi ArteMorbida è anche, finalmente, una rivista cartacea. Parola d’ordine: Divulgazione!