Interview

STEFANIE ZITO

*Featured photo: Stefanie Zito, photo cr. Jonathan Zito

Stefanie Zito, a fiber artist currently living and working in Pittsburgh, PA, studied at the New York Center for Arts and Media Studies and is a Certified Permaculture Designer.

Stefanie’s work is deeply rooted in materials. Her research, which also makes use of permaculture principles, leads her to explore and re-imagine everyday objects and materials from a circular perspective. A conscious use, respect for the natural cycle of life, recovery, redevelopment and transformation become fundamental elements of her artistic practice, and are widely developed and recognisable in works such as Pillow Portal, a piece thanks to which the artist has been selected for Fiberart International 2022, a major international event dedicated to textile art, which will open on 3 June in Pittsburgh (Pennsylvania).

In this interesting interview exclusively for our magazine and in collaboration with Fiberart International 2022, the artist talks about her professional career and the foundations on which her research is based.

https://www.stefaniezito.com/

Redolance, natural dye on yarn with cinnamon, cloves, nutmeg, orange peels, rosemary, red oak 2021 44" x 9" x 2.5", photo cr. Jonathan Zito, copyright Stefanie Zito

What was the path that led you to textile art? Was there a decisive moment in your life when you realised you wanted to be an artist?

Ever since I first held a crayon in my hand at a very young age, I was completely captivated by art making. I was fortunate to spend a lot of time making art as a kid. Some of my strongest early memories involve drawing endlessly, constructing little houses from shoe boxes, and following the color charts on a play-dough box to learn formulas for mixing colors. I’ve always had a deep curiosity for materials and a thrill whenever I’m making. We moved around a lot, but art was always something that was accessible and grounding for me. Even though my surroundings frequently changed, wherever we were, I could locate pencils and crayons and dive into making.

I first grew an interest in textiles when I was about 10. I observed the stitching of my clothing and upon tinkering with a needle and thread, I took it upon myself to make an entire hand stitched outfit from my dad’s old neckties and other retired fibers in our home. At this age, my family lived in Germany and while I attended school there, I learned how to knit. I was not yet fluent in German, but math and art remained subjects in which I could fully participate because there was no language barrier. My understanding is that I still work my knitting needles in a “European style.” I hadn’t realized until returning to the U.S. that there was a difference!

As a young teenager, my friend gave me a “Tiny Tailor” sewing machine that she no longer wanted, and after my initial demonstrated interest in making projects on that small machine, my parents bought me a proper sewing machine for my 16th birthday, with which I continued to experiment. I used it for all kinds of projects, including teaching myself reupholstery techniques by tearing old furniture apart and remaking patterns. I eventually made my own wedding dress on it as well. Most of what I’ve learned in sewing has quite literally been pieced and stitched together, learning through experimentation, trial and error, books and the internet. In college I took a silk painting class and a weaving class. I quickly came to love both, but was most taken with weaving. My love for weaving led me to purchase a secondhand loom. I grew deeply interested in playing around with many different kinds of materials and ways to shape and sculpt weavings.

Redolance-detail, natural dye on yarn with cinnamon, cloves, nutmeg, orange peels, rosemary, red oak 2021 44" x 9" x 2.5", photo cr. Jonathan Zito, copyright Stefanie Zito

You are a Certified Permaculture Designer. Can you explain what Permaculture is and how its principles permeate your artistic practice?

Permaculture is a term derived by the idea of “permanent agriculture,” and is essentially a holistic design that works with nature to cultivate an integrated ecosystem, prioritizing biodiversity and resilience. Permaculture looks at what is already happening in a space, and chooses to work with the land and natural systems in place, seeking to do so in a closed-loop system as opposed to uprooting an area for production in a more extractive process (which is often what modern-day agriculture can look like). The first principle of permaculture is to “observe and interact.” This is the lens that guides my art making. I most often make in a way that is material-led, so I begin from this space of observation, using my senses to touch and look, and from there to see what might be possible. I also almost exclusively use materials that are either found, repurposed, foraged, or home grown (as in the case of my natural dye garden), seeking to create within a closed loop system in my own way, to produce no waste (another permaculture principle).

Stefanie Zito, photo cr. Jonathan Zito.

Pillow Portal is the work you are presenting at Fiberart International 2022. Can you tell us about its genesis and meaning?

Pillow Portal began as a material-led piece. I had to retire some old linens and decided to place them within my studio rather than throw them in the garbage. Around that same time, as I was dyeing fabric in my kitchen one day, I began to just observe that the onion color of the dye bath was very similar to the inside of old tomato cans that I was about to place in my recycling bin. I started to observe these items side by side with new appreciation for the golden tones and shine of the tin can, which prompted me to place them within my studio as well. The shape of a circle holds significance for me, and is also aligned with the ideas behind permaculture. As I was later exploring materials in my studio space, I felt a curiosity to punch holes through the retired pillow with the discarded tin cans. From there, I added the onion dyed fabric on one side, and something else that I had in abundance on the other side— dryer lint. It is often the act and duration of making which helps me discover the meaning of each of my works. As I worked on creating Pillow Portal, much of the uncovered meaning became about a struggle for rest. I have two young children, and the loss of sleep and constant caregiving in this phase of life, especially within the context of pandemic fatigue, were wearing on me. Though I could interact with the pillow by lacing my arms through it in an embrace, the pillow itself would not be a comfortable option. I decided to suspend the work from the ceiling with this theme of restlessness in mind, to further consider the tantalizing suspension of rest—how it can feel so close, yet is often a challenge to come by. Another layer of the work, however, is taking materials that are otherwise used up and to be discarded (onion skins, retired linens, empty cans, and even lint—the very dust of life) and discover a way to breathe something new into the leftovers.

Pillow Portal, natural dye on found linens, dryer lint, tin cans 20”x 24”x 5” 2021, photo cr. Jonathan Zito, copyright Stefanie Zito
Pillow Portal, natural dye on found linens, dryer lint, tin cans 20”x 24”x 5” 2021, photo cr. Jonathan Zito, copyright Stefanie Zito
Stefanie Zito, photo cr. Jonathan Zito

How important is it for an artist to have access to a prestigious event like Fiberart International?

I think it’s incredibly important for artists to have access to events like Fiberart International. Seeing the boundaries that can be pushed and possibilities that can be imagined around how fiber and fiber techniques are used is absolutely thrilling. There is something uniquely compelling about fiber. Perhaps it is the familiarity we all have with textiles in our lives—from the very beginning of our lives we have been touched by fabric and it continues to hold a critical place within our daily lives. I think the breadth and pervasiveness of fiber and textiles deserves to be celebrated and upheld with high regard. The nature of fiber is a connective one, and the connective quality is exciting to consider in the space of an international exhibition. While I’ve explored and enjoyed working in a wide array of different mediums over the years, fiber art feels most distinctly like my mother tongue of making.

Stefanie Zito, photo cr. Jonathan Zito

In your works, what is the relationship between the materials and the finished work? Is the material exclusively a means of expression or does it also, in some cases (in works such as Molt), become the theme of the work?

Materials are critical in my works as they often orient the genesis and/or significance of each piece. Molt is definitely one of those works. Molt is created with my own hair, which I lost in the postpartum period after the birth of my second child. I collected and handspun 40 yards of it to signify the 40 weeks of pregnancy as well as the first 40 days of postpartum, which is understood to be a healing and nurturing window of time observed in some cultures. Molt explores one of the many ways pregnancy and motherhood necessitate the capacity to let go.

Molt, spun hair on spool, 2020, 5"x3"x3", photo cr. Jonathan Zito, copyright Stefanie Zito

You have travelled a lot in the past, often going to different and faraway places. How is this experience, this part of your life, present in your work?

While I have made a few works that reflect on my relationship and history of moving, such as Heimat and Relocation, much of my current work is a bit more about my eventual appreciation and need for rootedness. After I moved around so much growing up, I found myself eager to root and acclimate to an area for a time after college. To my surprise, I’ve lived in Pittsburgh now for that entire stretch of time, only moving a few streets since. I think perhaps one place some of my moving history shows up is in my use of packaging and generally repurposing materials in my work. Not only were boxes pervasive in my view, but my mom would also often save various packaging items for me to play in, draw on, and reimagine entirely.

Relocation, pulp mixture (basswood, white oak, straw); pine and masonite, 36" x 24" x 5", photo cr. Jonathan Zito, copyright Stefanie Zito

A work or a project to which you are particularly attached?

One work of notable significance for me personally is Margin Expansion which I made in 2021. The form of Margin Expansion is a large-scale soft sculpture representing the margin of a standard canary yellow notepad. It was created as a reflection on my relationship to the nature of time—the margin itself created by food scraps as natural dye and old sheets. Turmeric, as the most prominent color in the work, is inherently less stable in nature and will fade over time. Stitched and stretched together, the materials culminate in a work that is both linear yet dimensional, expansive yet hanging by threads. The work speaks to my desire to embody an expansive view of time, though I most often perceive time as both linear and limited.

Margin Expansion, natural dye on yarn and linen, with found objects 130" x 18" x 1.5", dimensions variable, photo cr. Jonathan Zito, copyright Stefanie Zito

I certainly often fall in love with works as I get to know them through the act of making, but as I view one of the materials I work with as time, I am thus continuingly encountering the nature of impermanence. Since I work with many natural materials, I’m aware that even though there is inherent longevity in many of my works, some of the colors or components will fade or shift over time, so I try to embrace their changing nature and think of that evolution as part of the work.

Stefanie Zito, photo cr. Jonathan Zito.

Future projects?

I recently got a new loom and am very invested in working at it currently. I recently taught myself techniques of double-weaving, which is opening up so many possibilities to explore more sculptural approaches to weaving. I’m excited to follow my curiosity of where these explorations will take me, and hope to have the opportunity of going on a residency in the near future

Interviste

STEFANIE ZITO

*Foto in evidenza: Stefanie Zito, photo cr. Jonathan Zito

Stefanie Zito, fiber artist che attualmente vive e lavora a Pittsburgh, PA, si è formata presso il New York Center for Arts and Media Studies ed è una Certified Permaculture Designer.

Il lavoro di Stefanie è profondamente radicato nei materiali. La sua ricerca, che si avvale anche dei principi della permacultura, la porta a esplorare e re-immaginare oggetti e materiali del quotidiano in un’ottica circolare. E’ così che l’utilizzo consapevole, il rispetto per il ciclo naturale della vita, il recupero, la riqualificazione e la trasformazione, diventano elementi fondanti della sua pratica artistica, ampiamente sviluppati e riconoscibili in opere come Pillow Portal, lavoro grazie al quale l’artista è stata selezionata per il Fiberart International 2022, importante evento internazionale dedicato all’arte tessile, che si aprirà il 3 giugno prossimo a Pittsburgh (Pennsylvania).

In questa interessante intervista in esclusiva per il nostro magazine e in collaborazione con il Fiberart International 2022, l’artista racconta il suo percorso professionale e le basi su cui si fonda la sua ricerca.

https://www.stefaniezito.com/

Redolance, tintura naturale su filato con cannella, chiodi di garofano, noce moscata, bucce d'arancia, rosmarino, quercia rossa 2021 44" x 9" x 2.5", photo cr. Jonathan Zito, copyright Stefanie Zito

Quale è stato il percorso che ti ha portato all’arte tessile? C’è stato un momento decisivo nella tua vita in cui hai capito di voler essere un’artista?

Sono stata affascinata dall’arte sin da piccola, da quando per la prima volta ho avuto una matita colorata fra le mani. Per fortuna da bambina avevo spesso la possibilità di creare. Le mie memorie più vivide riguardano il passare le ore a disegnare, a costruire piccole case dalle scatole di scarpe, a studiare le tabelle di colore sulla confezione della pasta modellabile per capire come mischiare i colori. Ho sempre nutrito una forte curiosità per i materiali e il creare continua ad essere un’esperienza elettrizzante. Ci spostavamo spesso, ma l’arte è sempre stata accessibile e ha sempre rappresentato una solida base. Il panorama intorno a me era ogni volta diverso, ma mi bastava trovare matite e pastelli e io mi rituffavo nel mio mondo creativo.

L’interesse per il tessile è nato quando avevo circa dieci anni. Osservavo le cuciture sugli abiti e, mentre armeggiavo con ago e filo, decisi che avrei cucito a mano un look completo con le cravatte dismesse di mio padre e altri vecchi tessuti che avevo in casa. A quel tempo vivevo con la mia famiglia in Germania e frequentando la scuola imparai a lavorare a maglia. Non parlavo ancora bene il tedesco, ma arte e matematica erano due materie in cui potevo brillare perché non c’era la barriera della lingua. Capisco ora che ancora lavoro a maglia “alla maniera europea”.  Mi sono resa conto della differenza solo quando sono rientrata negli Stati Uniti!

Quando ero adolescente una mia amica mi ha regalato una macchina da cucire “Tiny Tailor” che non desiderava più e dopo aver constatato quanto interesse avevo per quella piccola macchina da cucire, i miei genitori me ne comprarono una vera e propria per i miei sedici anni, con cui ho continuato a sperimentare. La usavo per ogni tipo di progetto, ho persino imparato da sola tecniche di tappezzeria distruggendo l’arredamento e poi ricostruendo i modelli. Con quella macchina ho cucito il mio vestito da sposa. La maggior parte di quello che ho imparato nel cucito l’ho fatto assemblando e ricucendo, ho imparato sperimentando, andando per tentativi e sbagliando, con l’aiuto dei libri e la rete. Al college ho seguito un corso di pittura sulla seta e un corso di tessitura. Mi sono innamorata di tutte e due queste tecniche, ma soprattutto della tessitura, al punto da acquistare un telaio di seconda mano. Provavo sempre più interesse nel giocare con diversi tipi di materiale e nel dare forma e volume alle tessiture.

Redolance-detail, tintura naturale su filato con cannella, chiodi di garofano, noce moscata, bucce d'arancia, rosmarino, quercia rossa 2021 44" x 9" x 2.5", photo cr. Jonathan Zito, copyright Stefanie Zito

Sei una Certified Permaculture Designer. Puoi spiegarci cosa è la Permacultura e in quale modo i suoi principi permeano la tua pratica artistica?

Permacultura è un termine che deriva dal concetto di “agricoltura permanente”, ed è essenzialmente un progetto olistico che lavora in sintonia con la natura per coltivare e integrare gli ecosistemi, mettendo al primo posto la biodiversità e la resilienza. La permacultura guarda alla realtà di un dato spazio e sceglie di lavorare con il territorio e i sistemi esistenti, cercando di farlo in un sistema a ciclo chiuso, in contrapposizione allo sradicamento di un’area per la produzione in un processo più estrattivo (che è spesso ciò che può sembrare l’agricoltura moderna). Il principio cardine della permacultura è “osservare e interagire”. Il mio modo di fare arte è frutto di questa osservazione. Spesso creo partendo dal materiale stesso, parto quindi da questo punto di osservazione, usando i sensi del tatto e della vista e da lì cerco di capire cosa è possibile e cosa no. Inoltre, utilizzo quasi esclusivamente materiali di recupero, riutilizzati, recuperati o coltivati in casa (come nel caso del mio giardino di tinture naturali), cercando di creare a mio modo un sistema a ciclo chiuso che non produca rifiuti (un altro principio della permacultura).

Stefanie Zito, photo cr. Jonathan Zito.

Pillow Portal è l’opera che presenti in Fiberart International 2022. Puoi parlarci della sua genesi e del suo significato?

Pillow Portal è una di quelle opere guidate dal materiale. Dovevo mandare in pensione alcune vecchie lenzuola e ho deciso di portarle nello studio piuttosto che gettarle via. In quel periodo, mentre ero intenta a tingere del tessuto in cucina, ho notato come il colore della cipolla del bagno di colore era molto simile all’interno di vecchie lattine di pomodori che stavo per gettare nel contenitore della riciclata. Ho cominciato ad osservare questi oggetti con occhi nuovi apprezzando i toni dorati e il luccichio delle lattine, e ho deciso di metterli anche nel mio studio.  La forma del cerchio racchiude per me un significato speciale e è anche in linea con i concetti della permacultura. Più tardi, intenta ad esplorare i materiali nello studio, sono stata spinta dalla curiosità a fare dei buchi alle vecchie federe dei cuscini con le lattine da gettare. Poi ho aggiunto il tessuto tinto con le cipolle su un lato e un altro materiale che avevo in abbondanza, la lanugine dell’asciugatrice. È spesso l’atto e la durata della creazione che mi porta a scoprire il significato dietro ognuna delle mie opere. Lavorando a Pillow Portal, il significato nascosto era per lo più riferito al bisogno di riposare. Sono mamma di due bimbi piccoli e la mancanza di sonno e le cure costanti di cui hanno bisogno in questa fase della vita, soprattutto nel bel mezzo della pandemia, mi stavano logorando. Sebbene potessi interagire con il cuscino cingendolo con le braccia attraverso i buchi come in un abbraccio, il cuscino non poteva rappresentare un’opzione comoda. Ho deciso così di sospendere l’opera facendola scendere dal soffitto tenendo a mente il concetto dell’inquietudine, per considerare ulteriormente l’allettante attesa del riposo, che può sembrare così vicino, ma che spesso è così difficile da raggiungere. Un altro livello del lavoro, tuttavia, consiste nel prendere materiali che altrimenti sono esauriti e da scartare (bucce di cipolla, vecchia biancheria, lattine vuote e persino lanugine, la polvere della vita) e scoprire un modo per infondere qualcosa di nuovo negli avanzi.

Stefanie Zito, photo cr. Jonathan Zito
Pillow Portal, tintura naturale su biancheria di recupero, lanugine dell'asciugatrice, lattine 20”x 24”x 5”. 2021, photo cr. Jonathan Zito, copyright Stefanie Zito
Pillow Portal, tintura naturale su biancheria di recupero, lanugine dell'asciugatrice, lattine 20”x 24”x 5”. 2021, photo cr. Jonathan Zito, copyright Stefanie Zito

Quanto è importante per un artista poter accedere ad un evento prestigioso come Fiberart International?

Credo che per un artista avere l’opportunità di esibire in eventi della portata di Fiberart International sia fondamentale. Vedere quanto ci si possa spingere oltre i confini e le possibilità che si possono immaginare su come le fibre e le tecniche tessili possano essere utilizzate è entusiasmante. La fibra ha un fascino unico. Forse è la familiarità che tutti noi abbiamo con i tessuti nella nostra vita: fin dall’inizio della nostra esistenza siamo stati toccati dai tessuti e continuano a occupare un posto fondamentale nella nostra vita quotidiana. Credo che l’ampiezza e la pervasività della fibra e dei tessuti meritino di essere celebrate e tenute in grande considerazione. La natura della fibra è connettiva e la qualità connettiva è interessante da considerare nello spazio di una mostra internazionale. Sebbene nel corso degli anni abbia esplorato e mi sia divertita a lavorare con un’ampia gamma di medium diversi, sento di potermi esprimere al mio massimo nella fiber art.

Stefanie Zito, photo cr. Jonathan Zito

Nei tuoi lavori, qual è la relazione tra il materiale e l’opera finita? Il materiale è esclusivamente un mezzo espressivo oppure diventa anche, in alcuni casi, (in lavori come Molt) il tema dell’opera?

I materiali sono fondamentali nelle mie opere perché spesso determinano la genesi e/o il significato di ogni opera. Molt è sicuramente una di queste opere. Molt è stato creato con i miei capelli, persi nel periodo post-parto dopo la nascita del mio secondo figlio. Ne ho raccolti e filati a mano 40 metri per indicare le 40 settimane di gravidanza e i primi 40 giorni del post-partum, che in alcune culture sono considerati una finestra temporale di guarigione e accudimento. Molt esplora uno dei tanti modi in cui la gravidanza e la maternità richiedono la capacità di lasciarsi andare.

Molt, capelli filati su bobina, 2020, 5"x3"x3", photo cr. Jonathan Zito, copyright Stefanie Zito

Hai viaggiato molto in passato, andando spesso in luoghi diversi e lontani. Come si riflette questa esperienza, questa parte della tua vita, nel tuo lavoro?

Sebbene abbia realizzato alcune opere che riflettono il mio passato di frequenti spostamenti, come Heimat e Relocation, gran parte del mio lavoro attuale riguarda più che altro il ritrovato apprezzamento e bisogno di mettere radici. Dopo essermi spostata così tanto durante la mia infanzia, mi sono ritrovata a desiderare di rimanere fissa e acclimatarmi in una zona per un certo periodo di tempo dopo l’università. Con mia grande sorpresa, da allora ho vissuto a Pittsburgh per tutto il tempo, spostandomi solo di poche strade. Probabilmente si scorge il mio passato di girovaga nell’uso che faccio degli imballaggi e, in generale, del riutilizzo dei materiali nel mio lavoro. Non solo gli scatoloni erano molto presenti nella mia vista, ma mia madre ne conservava spesso vari con cui potevo giocare, disegnare, reinventare da zero.

Relocation, miscela di pasta di legno (tiglio, quercia bianca, paglia); pino e masonite, 36" x 24" x 5", photo cr. Jonathan Zito, copyright Stefanie Zito

Un lavoro o un progetto al quale sei particolarmente legata?

Un’opera di notevole importanza per me personalmente è Margin Expansion, che ho realizzato nel 2021. La forma di Margin Expansion è una scultura morbida di grandi dimensioni che rappresenta il margine di un normale blocco note giallo canarino. È stata creata come una riflessione sul mio rapporto con la natura del tempo: il margine stesso è stato creato da scarti di cibo come colorante naturale e da vecchi fogli. La curcuma, il colore più importante dell’opera, è intrinsecamente meno stabile in natura e sbiadisce con il tempo. Cuciti e tesi insieme, i materiali culminano in un’opera che è al tempo stesso lineare e dimensionale, ampia ma appesa a dei fili. L’opera parla del mio desiderio di incarnare una visione espansiva del tempo, anche se il più delle volte percepisco il tempo come lineare e limitato.

Margin Expansion, tintura naturale su filato e lino, con oggetti di recupero 130" x 18" x 1.5", dimensioni variabili, photo cr. Jonathan Zito, copyright Stefanie Zito

Certamente mi innamoro spesso delle opere quando le conosco attraverso l’atto della creazione, ma dal momento che considero il tempo uno dei materiali con cui lavoro, mi imbatto continuamente nella natura dell’impermanenza. Poiché lavoro con molti materiali naturali, sono consapevole del fatto che, nonostante la longevità intrinseca di molte delle mie opere, alcuni colori o componenti si sbiadiranno o si modificheranno con il passare del tempo, quindi cerco di abbracciare la loro natura mutevole e di pensare a questa evoluzione come a una parte dell’opera.

Stefanie Zito, photo cr. Jonathan Zito.

Progetti futuri?

Di recente ho acquistato un nuovo telaio e attualmente sono molto impegnata a lavorarci. Ho da poco imparato le tecniche di tessitura doppia, che mi stanno aprendo molte possibilità di esplorare approcci più scultorei alla tessitura. Sono entusiasta di seguire la mia curiosità fin dove mi porterà, esplorando, e spero di avere l’opportunità di partecipare a una residenza nel prossimo futuro.

Maria Rosaria Roseo

English version Dopo una laurea in giurisprudenza e un’esperienza come coautrice di testi giuridici, ho scelto di dedicarmi all’attività di famiglia, che mi ha permesso di conciliare gli impegni lavorativi con quelli familiari di mamma. Nel 2013, per caso, ho conosciuto il quilting frequentando un corso. La passione per l’arte, soprattutto l’arte contemporanea, mi ha avvicinato sempre di più al settore dell’arte tessile che negli anni è diventata una vera e propria passione. Oggi dedico con entusiasmo parte del mio tempo al progetto di Emanuela D’Amico: ArteMorbida, grazie al quale, posso unire il piacere della scrittura al desiderio di contribuire, insieme a preziose collaborazioni, alla diffusione della conoscenza delle arti tessili e di raccontarne passato e presente attraverso gli occhi di alcuni dei più noti artisti tessili del panorama italiano e internazionale.