• Ven. Ago 12th, 2022

Questo articolo è disponibile anche in: English (Inglese)

7 giugno – 30 luglio
ORDOVAS, 25 Savile Row Londra W1S 2ER
Info T. +44 (0)20 7287 5013
Orari galleria mar-ven: 10:00-18:00 sab: 11:00-15:00


Stitched, in mostra presso Ordovas on Savile Row dal 7 giugno al 30 luglio 2022, esplora l’uso ambizioso, versatile e radicale dei punti di cucito nelle opere di artisti del XX secolo e contemporanei, tra cui Alighiero Boetti, Tracey Emin, Sheila Hicks, Do Ho Suh, Henry Moore, Joana Vasconcelos e Francesco Vezzoli.
La mostra presenta sedici opere eseguite con diversi mezzi e tecniche, dalle pratiche moderniste che sfidano le gerarchie tra alto e basso, alla fiber art che trasforma la tessitura in un’impresa scultorea, alle opere femministe che sfidano gli stereotipi sull’artigianato e la domesticità.
La mostra è accompagnata da un catalogo completamente illustrato con un saggio della storica dell’arte Maddy Henkin. Stitched è la prima di una serie di mostre che si terranno a Ordovas e che esplorano le diverse tecniche dell’arte del XX secolo e contemporanea, spesso utilizzate in modi inaspettati.

Stitched, installation view, copyright ORDOVAS

Le due prime opere in mostra sono state entrambe ispirate dalle applicazioni del filo alle nuove tecnologie. Nella Stringed Figure di Henry Moore, concepita nel 1939, fili gialli si intrecciano attraverso un oggetto biomorfo creando forme complesse che si attorcigliano e si piegano. L’artista iniziò a creare sculture di fili nel 1937 dopo aver visto modelli matematici al Museo della Scienza di Londra. Questi hanno fornito un nuovo modo di vedere a Moore, che da tempo esplorava forme astratte con un’attenta manipolazione delle intersezioni, delle sporgenze e degli spazi negativi tra le figure. Negli anni Sessanta, Moore ricordava: “Non era lo studio scientifico di questi modelli, ma la possibilità di guardare attraverso le corde, come in una gabbia per uccelli, e vedere una forma dentro l’altra che mi eccitava”.
Untitled (Senza titolo), 1965, di Lenore Tawney, si concentra specificamente sulla tecnologia tessile, esplorando anche il legame tra tessitura e computer. Nel 1964, Tawney visitò una fabbrica tessile dove incontrò per la prima volta e rimase incantata da un telaio Jacquard, un’invenzione del XIX secolo che utilizzava schede perforate per meccanizzare il processo di tessitura e che fu fondamentale per lo sviluppo della programmazione dei computer. I suoi meticolosi disegni a inchiostro catturano i fili tridimensionali esplosi del telaio industriale. Tawney ha tradotto questi disegni in opere scultoree filiformi circa quarant’anni dopo con la serie “Drawings in Air”, tra cui Drawing in Air VIII, presente in mostra.

Henry Moore (1898-1986) Stringed Figure bronze and string 10 in. (25.5 cm.) high 12 1⁄5 in. (31 cm.) high with base Executed in 1939, this work is from an edition of 9. Copyright via DACS

Tracey Emin abbraccia consapevolmente le pratiche hobbistiche personali, domestiche e femminili del ricamo e dell’appliqué nella creazione delle sue opere tessili. Il cucito e il quilt sono parte integrante della pratica dell’artista sin dalla sua prima mostra personale al White Cube nel 1993.
Questa mostra include Woof, the Best Girl Inshow, realizzato nel 2005, che è un esempio lampante di queste creazioni profondamente personali. Come l’artista ha dichiarato in un’intervista rilasciata a Charlotte Cripps del The Independent nel 2010: “Ho sempre trattato la mia produzione di coperte più come un dipinto, in termini di costruzione di strati e texture. Fare quilt implica molto pensiero e amore. Il tempo che si impiega nel processo significa che si discutono e si considerano molte cose che riguardano la vita”.

Tracey Emin (b. 1963) Woof, the Best Girl Inshow titled, signed and dated ‘Woof Tracey Emin 2005’ (on label lower right) appliquéd blanket 93 11⁄16 x 74 13⁄16 in. (238 x 190 cm.) Executed in 2005. Copyright via DACS

Sheila Hicks è una delle artiste più innovative e affermate del settore; la sua prima grande retrospettiva nel Regno Unito è attualmente in corso all’Hepworth Wakefield (fino al 25 settembre 2022). Dopo aver iniziato la sua carriera come pittrice, negli anni Cinquanta ha iniziato a esplorare i tessuti e da allora è diventata famosa per le sue opere scultoree.
da allora è diventata famosa per le sue opere scultoree che mostrano il suo fascino per il colore, la forma e la consistenza. La mostra comprende Treasured Moments, realizzato in lino, cotone e fibre sintetiche nel 2021.

Sheila Hicks (b. 1934) Treasured Moments linen, cotton and synthetic fibres 20 ½ in. (52 cm.) diameter Executed in 2021. © Sheila Hicks Courtesy of Alison Jacques, London

La mostra comprende opere di Alighiero Boetti e Joana Vasconcelos, che presentano entrambi un meticoloso lavoro d’ago e una raffinata lavorazione artigianale affidata ad artigiani qualificati. Boetti ha impiegato ricamatrici afghane per produrre opere come Tra l’Incudine e il Martello, sviluppando il concetto di un’opera e affidandone l’esecuzione ad altri, continuando l’eredità del concettualismo degli anni Sessanta che è alla base della sua carriera. In Haendel, Vasconcelos ha utilizzato le famose rosette all’uncinetto realizzate dalle merlettaie delle Azzorre per ricoprire una lucertola in ceramica di Rafael Bordallo Pinheiro. Ognuno di essi rappresenta un punto
dell’orgoglio artistico nazionale, e insieme si trasformano in splendide sculture. Mentre sia Boetti che Vasconcelos celebrano efficacemente il fatto a mano, è nel contesto del valore economico, del costo del lavoro e dei beni che circolano a livello internazionale che queste raffinatezze assumono il loro pieno significato simbolico, al di là della celebrazione dell’artigianato.

Alighiero Boetti (1940 – 1994) Tra l'Incudine e il Martello signed ‘Alighiero e Boetti’ (on the overlap) embroidery 8 ½ x 8 ⅜ in. (21.6 x 21.4 cm.) Executed in 1987. Copyright via DACS

Il critico americano Arthur Danto ha sostenuto che la tessitura è una metafora fondamentale della filosofia occidentale che risale alla tradizione greca classica. La serie “Mended Spiderwebs” di Nina Katchadourian riecheggia il racconto di Ovidio su Aracne, l’orgogliosa mortale che sfida la dea Atena nella sua arte di tessere; gelosa del prodotto superiore di Aracne, Atena la trasforma in ragno. Nel 1998, Katchadourian cercò le ragnatele danneggiate nella foresta intorno a casa sua e le riparò con filo da cucito rosso e colla. Nel giro di poche ore, i fili venivano lasciati a terra perché i ragni rifiutavano i suoi sforzi e si riparavano da soli. Le fotografie di Katchadourian documentano le installazioni effimere, mentre la mostra comprende anche un kit per la riparazione delle ragnatele fai-da-te.
Nella celebre serie “Specimen” di Do Ho Suh, l’artista di origine coreana crea sculture intricate e dettagliate di oggetti domestici in tessuto di poliestere colorato e traslucido, tra cui sedie, frigoriferi, lavandini e forni, esplorando il nostro legame con lo spazio fisico. La mostra includerà Bathtub, Apartment A, 348 West 22nd Street, New York, NY 10011, USA, un’impressionante scultura realizzata in tessuto di poliestere blu diafano nel 2013, che ricrea meticolosamente la vasca da bagno del suo appartamento di New York.
An Embroidered Trilogy di Francesco Vezzoli fa parte di una celebre serie di cortometraggi che collegano la storia del cinema e del ricamo. Ricco di battute per gli ossessionati da Hollywood, l’artista fa un’apparizione in ogni video.
fa un’apparizione in ogni video, cucendo un ritratto dei soggetti del film (rispettivamente Mario Praz, Silvana Mangano e Douglas Sirk). Collocato all’interno delle sue stesse scene, Vezzoli mina la sua autorità di autore, diventando un hobbista. Vezzoli ha sviluppato ogni film intorno a un’appassionata ricamatrice, utilizzando il lavoro ad ago come dispositivo di strutturazione.
La mostra comprende anche Untitled, 1992, una delle celebri serie di dipinti in lana lavorata a maglia di Rosemarie Trockel; Myrrha, 2022, di Koushna Navabi, l’artista di origine iraniana il cui lavoro include una forte enfasi su tessuti, ricami e lavori a maglia; e Untitled (cappotto rosso, costruzione) e Untitled (motivo a quadri, costruzione) di James Castle, l’artista americano autodidatta nato sordo che ha usato l’arte come mezzo espressivo fondamentale, creando opere da materiali trovati.