• Dom. Dic 5th, 2021

Studio Pratha – Wool Gems

Version: Inglese

11 settembre – 26 ottobre 2021
Woolbridge Art Gallery, Salita di Riva 3, 13900 Biella
Info +39 340. 2552068 IG: woolbridge_gallery
mercoledì | domenica 10:00-12:30 – 14.30 -19.00

Con il patrocinio di Biella Città Creativa UNESCO

Dopo la recente nomina di Biella Città Art & Craft Unesco, Woolbridge Art Gallery ospita la mostra Wool Gems che presenta gli arazzi realizzati da Studio Pratha, una serie di opere uniche che si collocano al confine tra l’arte e il savoir-faire legato alla tradizione millenaria della tessitura sarda. Gli artisti tradizionali, insieme ai creativi contemporanei hanno ideato le opere di questa mostra, portando lo spettatore in un mistico connubio di forme e colori.

La lana che da sempre lega la città di Biella, diviene negli arazzi di Studio Pratha un mezzo espressivo rivolto a un’arte contemporanea che attinge alle fonti di una tradizione di tessitura stilistica ben radicata, ispirata da correnti artistiche storiche e aperta a nuove influenze.

È dalla contaminazione con la corrente dello stile Bauhaus che prende forma la serie All you need, divenendo nuova arte e svelando per la prima volta l’anima dell’opera, mediante la sperimentazione dell’ordito a vista riproposta anche nelle altre serie dall’artista Laura Lai. Sempre appartenente alla serie All you need, l’opera Thank you, omaggio al Premio Nobel Grazia Deledda, dove lo sfondo Bauhaus è arricchito da una pioggia di lettere che mostrare in maniera immediata la differenza tra le parole, un rimando al Futurismo.

Ripercorrendo la storia del Novecento, furono per primi gli artisti del movimento Futurista – Balla, Severini, Depero – a sperimentare e trasporre i disegni sui tessuti. O ancora Alighiero Boetti, tra i più noti artisti italiani, insieme a Maria Lai, che scelsero di operare principalmente sul tessuto, aprendo così le porte a un nuovo tipo di opera, riconosciuta anche come Fiber Art.

All’inizio degli anni ’80 proseguì questo connubio e furono diversi gli artisti sia italiani che internazionali, come Mario schifano, Joan Mirò, Bruno Munari e Nathalie du Pasquier che si innamorarono della resa artistica, e vollero vedere trasposti i propri disegni su tecniche arcaiche e pregiate, come quella appartenente alla tessitura sarda.

Con Studio Pratha l’arazzo prosegue in questa lunga tradizione artistica italiana, fieramente sarda, ne svela la preziosità delle sue opere uniche, merito del lavoro legato alla tradizione e delle nuove collaborazioni con artisti contemporanei.