Events

Textiles instalativos. Del medio al lugar

*Featured photo: ‘Tre entità’ (Paola Besana, 1988)

Consejería de Cultura y Patrimonio Histórico (Regional Ministry of Culture and Historical Heritage)
Andalusian Centre for Contemporary Art
November 25 2021 – May 15 2022.

The exhibition ‘Textiles instalativos. Del medio al lugar’ transformed the Andalusian Centre for Contemporary Art spaces, bringing together, at CAAC Monumental Zone, eleven large-scale installations by six women artists.
The exhibition that opened on 25 November will be visible to the public until 15 May 2022.

Juan Antonio Álvarez Reyes curated the exhibition to emphasise the contemporary nature of textiles as an artistic medium. To do so, he showcased 11 large-scale works strategically installed in the former Carthusian Monastery of Santa María de las Cuevas Monumental and Capilla de Afuera spaces.

Six women from different generations are the protagonists of this event: Hellen Ascoli (Guatemala, 1984), Paola Besana (Italy, 1935-2021), Ulla von Brandenburg (Germany, 1974), Sheila Hicks (United States, 1934), Belén Rodríguez (Spain, 1981) and Pae White (United States, 1981).

The works of these artists are defined by abstraction and colour, large in scale; they radically transform the old church, the sacristy, the Capilla de Afuera and the refectory’s spaces, thus generating new and unexpected landscapes.

The textile medium has been explored in recent decades by numerous contemporary artists. Moreover, recently, there has been a re-evaluation of well-known artists who have used this medium in their careers.

This artistic medium has distinctive characteristics that make it unique, favouring its specificity and constant interrelation with other disciplines. Moreover, its hybrid nature, traditionally associated with female cultural production, favours a particularly connoted scenario. We must situate ourselves, aware of its aesthetic and anthropological, political and colonial implications.

This exhibition follows in the footsteps of others that have been produced on the international scene to date: from those that sought a relationship with contemporary art, such as “Textiles: Open Letter” (Museum Abteiberg, 2013), to presentations of the collection taking this medium as a unifying narrative element, as in the case of “Taking a Thread for a Walk” (MoMA, 2019).

The exhibition on show at CAAC, “Textiles instalativos. Del medio al lugar”, seeks a distinctive quality through the place where the pieces are exhibited, thus creating a dialogue with specific spaces that have been charged with stories over the centuries. The Monumental area of the former Carthusian monastery, where Columbus was buried and to which he donated his library, is related to European colonial expansion. Subsequently, the building’s industrial function as a ceramics factory is linked to the incipient globalisation of capitalism in the 19th century. Finally, over the past 30 years, its role as a contemporary art museum has attempted to establish a critical dialogue with the present history.

For all these reasons, we have worked with artists who continuously investigate textiles and tend towards installation, adding yet another artistic medium. As a result, a new hybridisation between place and work is produced with surprising results.

The exhibition tour begins in the outdoor chapel (Capilla de Afuera), where American artist Pae White’s work “The Träbäjos” has been installed. In 2007, Pae White participated in the Skulptur Projekte Münster with an intervention related to the one she created for this space.

Ulla von Brandenburg. Das Was Ist. 2020

On that occasion, she linked Westphalia with California, where she lives, through its Hispanic colonial past and the fast-food topic, which is previously referred to in Seville. The latter was also the subject of the installation she made in 2010 at MOCA in Los Angeles, formally linked to the one she designed for CAAC. The artist establishes an abstract relationship between the museum space and popular culture. Straddling the colonial past and present, Pae White’s installation also connects high and low culture, establishing a geo-cultural and geopolitical nexus in the context of a space that centuries ago was a “popular” place. This area was the only one in which the presence of people outside the monastic rule was allowed, and it was connected to nutrition since food was given to the “needy”.

The exhibition continued in the church with a large installation by Ulla von Brandenburg, a German artist based in Paris who draws on theatre, stage, and colour theory themes and traditions.

Her work “Das Was Ist” (What is) consists of a series of painted canvases with a circular opening in each. They are arranged one after the other in parallel, forming a kind of camera diaphragm, formally and conceptually linked to the place they occupy through the large rose window on the façade and, inside, through the large clock in the apse.

In this exhibition, there are three works by the American artist Sheila Hicks: two large installations and recent small-scale work. In all these works, Hicks explores colour, structure and texture, proving a great mastery of ancient textile crafts and contemporary innovations.

The work “Apprentissages de la Victoire” comprises voluminous masses of coloured coconut fibre ropes covered in hand-spun wool. It shows a textile column in which the weight of its monumental verticality contrasts the sense of fluidity derived from the organic nature of the material. In the same room, we find ‘La Sentinelle de Safran’, a pile of stuffed bales of pigmented yarn in intense shades of yellow, red and orange. With this work, Hicks unleashes a frenzy of colour nuances that alludes to traditional natural pigments and create a landscape of textures that envelop the viewer.

Belén Rodríguez, from Valladolid, is one of the Spanish artists who has used textile installations the most in her exhibitions, such as those held in Tabacalera (Madrid, 2017), in the Museo Patio Herreriano (Valladolid, 2018) or in CA2M (Móstoles, 2018). Moreover, in 2019 he held a solo exhibition at the Alarcón Criado Gallery in Seville. In the CAAC exhibition, she presents a work made especially for the Old Carthusian Refectory entitled “Nueve autopensantes”.

In this show at the CAAC, she presents a piece made specifically for the old Charterhouse’s Refectory entitled “Nueve autopensantes”. This installation is based on the “Jacob’s ladder”. In this game, small boards go up and down as if by magic, emulating the ladder that links heaven and earth and by which the angels have access to both worlds, just as Jacob dreamt according to what is mentioned in the Bible.

The Guatemalan-born and US-based artist, weaver and educator Hellen Ascoli focuses her creations and research on her native country’s textile traditions, constructing a specific language in which the boundaries between art and craft are blurred. Ascoli pays attention to Guatemalan women weavers and their craftsmanship through her creations.

 

The two works on display at CAAC, “A veces el cielo se abre” and “Donde el cambio es la única constante”, are based on a pre-Hispanic practice indigenous to her region. They are made with a base of fabric woven on a backstrap loom, cotton, found cloth and hand-sewn cotton. The pieces refer to a poem the artist wrote entitled “Litany to the volcano”, inspired by Guatemala as a country of volcanoes, with an unstable landscape that affects her way of seeing the world.

Paola Besana, an Italian artist who passed away last June, began weaving in 1958. After various travels and stays, especially in the United States, in 1968, she founded the Studio di Tessitura Paola Besana in Milan as a laboratory, research, production and teaching centre. In addition to her work in textile design, from the early 1960s, she developed the so-called textile structures.

She presents three pieces in this exhibition, “Ombre”, in which four rectangles, each crossed by the same broken diagonal line, produce almost 200 possible combinations, simply by inverting the thick and thin, turning the pieces upside down or inside out, from left to right and vice versa, and from the foreground to the background. In “Tre entità” and “Distrazione lombarda”, he uses the technique of double weaving, which allows the artist to move continuously from two to three dimensions. This technique not only allows to explore the three dimensions, thus underlining how the fabric is not a replica of the painting using a different material, but also shows the way from the second to the third dimension, creating an abst

Sheila Hicks. La Sentinelle de Safran. 2018

Eventi

Textiles instalativos. Del medio al lugar

*Foto in evidenza: ‘Tre entità’ (Paola Besana, 1988)

Consejería de Cultura y Patrimonio Histórico (Ministero Regionale della Cultura e del Patrimonio Storico)
Centro andaluso per l’arte contemporanea 
25 novembre – 15 maggio 2022.

Il Centro Andaluso d’Arte Contemporanea trasforma i suoi spazi con la mostraTextiles instalativos. Del medio al lugar “.
La mostra riunisce undici installazioni su larga scala di sei artiste, situate nella Zona Monumentale del CAAC.
L’evento, inaugurato il 25 novembre, sarà apert0 al pubblico fino al 15 maggio 2022.

Questo progetto espositivo che pone l’accento sulla natura contemporanea del tessile come mezzo artistico, è curato da Juan Antonio Álvarez Reyes e mette in mostra 11 opere di grande formato installate strategicamente nella Zona Monumentale dell’antica Certosa di Santa María de las Cuevas e nella Capilla de Afuera.

Sei donne di diverse generazioni sono le protagoniste di questo evento: Hellen Ascoli (Guatemala, 1984), Paola Besana (Italia, 1935-2021), Ulla von Brandenburg (Germania, 1974), Sheila Hicks (Stati Uniti, 1934), Belén Rodríguez (Spagna, 1981) e Pae White (Stati Uniti, 1981).

Le opere di queste artiste, sono caratterizzate dall’astrazione e dal colore; di grandi dimensioni, trasformano radicalmente gli spazi della vecchia chiesa, della sacrestia, della Capilla de Afuera e del refettorio, creando paesaggi nuovi e inaspettati.

Il mezzo tessile, negli ultimi decenni, è stato esplorato da numerosi artisti contemporanei; inoltre, molti artisti storici che lo hanno utilizzato nella loro carriera, sono stati rivalutati.

Questo medium ha caratteristiche proprie che lo rendono unico, favorendo sia la sua individualità che la sua costante interrelazione con altre discipline. La natura ibrida del tessile, tradizionalmente associata alla produzione culturale femminile, favorisce uno scenario culturale specifico dove situarsi, coscienti delle sue implicazioni estetiche, ma anche antropologiche, politiche e coloniali.

Questa mostra segue le orme di altre che sono state prodotte sulla scena internazionale fino ad oggi: da quelle che hanno cercato un rapporto con l’arte contemporanea, come “Textiles: Open Letter” (Museum Abteiberg, 2013), alle presentazioni di collezioni che adottano questo mezzo come elemento narrativo comune, come nel caso di “Taking a Thread for a Walk” (MoMA, 2019).

La mostra “Textiles instalativos. Del medio al lugar” al CAAC, ricerca una caratterizzazione attraverso i luoghi in cui sono esposti i pezzi, a creare un dialogo con degli spazi carichi di storia. La zona monumentale dell’ex monastero certosino, dove Colombo fu sepolto e al quale donò la sua biblioteca, è legata all’espansione coloniale europea. Successivamente, la funzione industriale dell’edificio come fabbrica di ceramica si lega all’incipiente globalizzazione del capitalismo nel XIX secolo. Infine, negli ultimi trent’anni, la sua realtà come museo d’arte contemporanea cerca di stabilire un dialogo critico con la storia a partire dal presente. Per tutte queste ragioni, gli artisti scelti indagando costantemente il tessile tendono verso l’installazione e producendo una nuova ibridazione tra luogo e lavoro con risultati sorprendenti.

Ulla von Brandenburg. Das Was Ist. 2020

La mostra

Il tour della mostra inizia nella cappella esterna (Capilla de Afuera), dove è stata installata l’opera “The Träbäjos” dell’artista americana Pae White. Nel 2007 Pae White ha partecipato allo Skulptur Projekte Münster con un intervento che è in qualche modo legato a quello che ha progettato per questo spazio.

In quell’occasione ha collegato la Westfalia con la California, dove vive, attraverso il suo passato coloniale ispanico e un tema che viene citato ancora una volta a Siviglia: il fast food. Quest’ultimo è stato anche il soggetto dell’installazione che ha realizzato nel 2010 al MOCA di Los Angeles, formalmente legata a quella che ha progettato appositamente per il CAAC. Come allora, l’artista stabilisce una relazione astratta tra lo spazio del museo e la cultura popolare. A cavallo tra passato e presente coloniale, l’installazione di Pae White collega cultura alta e bassa, stabilendo un nesso geo-culturale e geo-politico nel quadro di uno spazio che secoli fa era un luogo “popolare”. Questo era infatti l’unico luogo in cui era permessa la presenza di persone al di fuori della regola monastica. Allo stesso tempo quest’area è in connessione con la nutrizione, poiché qui veniva distribuito il cibo ai “bisognosi”.

La mostra è continuata nella chiesa con la grande installazione di Ulla von Brandenburg, un’artista tedesca che risiede a Parigi. Nel suo lavoro attinge ai temi e alle tradizioni del teatro, della scena e della teoria del colore. La sua opera “Das Was Ist” (Ciò che è) consiste in una serie di tele dipinte con un’apertura circolare in ognuna di esse, disposte una dopo l’altra in parallelo, formando una sorta di diaframma di una macchina fotografica. Le tele si legano spazialmente e formalmente al luogo che occupano attraverso il grande rosone della facciata e, all’interno, col il grande orologio dell’abside.

In questa mostra ci sono tre opere dell’artista americana Sheila Hicks, due grandi installazioni e un’opera recente in scala ridotta. In tutte queste opere, Hicks esplora il colore, la struttura e la consistenza, dimostrando una grande padronanza delle antiche lavorazioni tessili e delle innovazioni contemporanee.

L’opera “Apprentissages de la Victoire”, composta da masse voluminose di corde colorate di fibra di cocco rivestite di lana filata a mano, presenta una colonna tessile in cui il peso della sua monumentale verticalità contrasta con il senso di fluidità che deriva dalla natura organica del materiale. Nella stessa stanza si trova “La Sentinelle de Safran”, un cumulo di balle imbottite di filato pigmentato in intense tonalità di giallo, rosso e arancio. Con quest’opera Hicks scatena una frenesia di sfumature cromatiche che allude all’uso di pigmenti naturali tradizionali e un paesaggio di texture che avvolge lo spettatore.

Belén Rodríguez, di Valladolid, è una delle artiste spagnole che ha fatto maggior uso di installazioni tessili nelle sue mostre, come quelle che ha tenuto a Tabacalera (Madrid, 2017), nel Museo Patio Herreriano (Valladolid, 2018) o nel CA2M (Móstoles, 2018). Nel 2019 ha tenuto una mostra personale alla galleria Alarcón Criado di Siviglia. In questa mostra del CAAC presenta un’opera realizzata appositamente per il Refettorio della vecchia Certosa dal titolo “Nueve autopensantes”, un’installazione basata sulla “scala di Giacobbe”, il giocattolo in cui alcune tavolette salgono e scendono come per magia, emulando la scala che collega il cielo e la terra, e tramite la quale gli angeli hanno accesso ai due mondi, come sognava Giacobbe, come menzionato nella Bibbia.

L’artista, tessitrice ed educatrice guatemalteca Hellen Ascoli, che vive negli Stati Uniti, concentra le sue creazioni e la sua ricerca sulle tradizioni tessili del proprio paese natale, al fine di costruire un linguaggio proprio dove i confini tra arte e artigianato sono sfumati. Attraverso le sue creazioni, Ascoli rende omaggio alla figura delle tessitrici guatemalteche e al loro lavoro artigianale. Le due opere esposte al CAAC, “A veces el cielo se abre” e “Donde el cambio es la única constante”, sono basate su una pratica preispanica autoctona della sua regione, realizzate con una base di tela tessuta su un telaio a spalla, cotone, tessuto di recupero e cotone cucito a mano. I pezzi si riferiscono a una poesia che l’artista ha scritto intitolata “Letanía al volcán” ispirata dal Guatemala come un paese di vulcani, con un paesaggio instabile che influenza il modo in cui si percepisce il mondo.

Paola Besana, artista italiana scomparsa lo scorso giugno, ha iniziato a tessere nel 1958 e, dopo vari viaggi e soggiorni, soprattutto negli Stati Uniti, nel 1968 ha fondato a Milano lo Studio di Tessitura Paola Besana: laboratorio, centro di ricerca, produzione e insegnamento. Oltre al suo lavoro nel campo del design tessile, a partire dai primi anni ’60 ha sviluppato quelle che ha definito “strutture tessili”. Tre sono le opere esposte in questa mostra, “Ombre”, in cui quattro rettangoli, ciascuno attraversato dalla stessa linea diagonale spezzata, producono quasi 200 combinazioni possibili, semplicemente invertendo la parte più spessa e quella più sottile, capovolgendo i pezzi o rovesciandoli, da sinistra a destra e viceversa e dal primo piano allo sfondo. In “Tre entità” e “Distrazione lombarda” usa la tecnica della doppia tessitura, che gli permette di passare continuamente dalla bidimensionalità alla tridimensionalità. Besana esplora le tre dimensioni, sottolineando come il tessuto non sia una replica del dipinto reso con un materiale diverso; nelle sue opere mostra il passaggio dalla seconda alla terza dimensione, creando una trasformazione astratta ma carica di emozioni.

Sheila Hicks. La Sentinelle de Safran. 2018