“The Social Fabric: Black Artistry in Fiber Arts”. Una mostra in omaggio a Viki Craig

Installation view of The Social Fabric: black artistry in fiber arts. An exhibition in homage to Viki Craig

English (Inglese)

Dal 4 giugno 2020 al 24 ottobre 2021, il Morris Museum presenta una mostra di arte contemporanea che esplora il medium tessile nel lavoro di artisti neri che operano negli Stati Uniti. The Social Fabric: Black Artistry in Fiber Arts, An Exhibition in Homage to Viki Craig presenta 62 opere di 26 artisti affermati ed emergenti e include quilting, ricami, arazzi, sculture e assemblaggi a tecnica mista. Questa mostra inaugurale annuncia la joint venture tra due organizzazioni di Morristown – il Morris Museum e Art in the Atrium, Inc. (ATA) -che si propone di presentare annualmente mostre che indaghino la diversità dell’arte nera. Il tema della fiber art per quest’anno è stato scelto in onore della co-fondatrice di ATA e appassionata di quilter Viki Craig (1947-2018) con un’installazione speciale all’interno della mostra, intitolata A Quilted Legacy, che mostra 13 dei suoi quilt.

La Fiber Art contemporanea combina le abilità tessili convenzionali con le pratiche artistiche e di design. Negli Stati Uniti, la Fiber Art degli artisti neri è profondamente radicata nella tradizione del quilting afroamericano. Come forma d’arte, la produzione di trapunte contemporanea è stata resa popolare negli anni ’70 e ’80, continuando le tecniche tradizionali come l’applicazione, il ricamo e il pizzo. Molteplici sviluppi trasformativi hanno aperto il campo a ulteriori sperimentazioni. I Fiber artisti neri hanno iniziato a incorporare pratiche di stampa, pittura e collage, oltre a considerare principi di linee, forme e colori propri del design. Le opere sono diventate più concettuali e ricche di contenuti, come nei quilt narrativi di Faith Ringgold e Michael Cummings che non solo incorporano la narrazione ma veicolano anche dichiarazioni sociali e culturali, tra lotta e identità razziale. L’aggiunta di tali materiali dimensionali come perline, piume, rafia e oggetti trovati riflettono pratiche artistiche di assemblaggio, come si vede nelle opere di Bisa Washington, Shervone Neckles e Katie Commodore. Diversi per dimensioni, cotenuti ed esecuzione, la Fiber Art nera oggi esprime uno spirito di individualità, celebrazione e orgoglio.

Aminah Robinson (1940–2015) – Chronicles from the Village Series: African Village, Delaware County, 2016 – Mixed media on paper – On loan courtesy of ACA Galleries, New York – Photo Credit: ACA Galleries, New York, New York

The Social Fabric è stato ideato dai guest curator di ATA Gwendolyn Barrington Jackson, Nette Forné Thomas, Onnie Strother e Wannetta Phillips, ed è organizzato in tre diverse sezioni. Inizia alla Bickford Gallery con “New Approaches” con opere in fibre e tessuti che spaziano tra quilt, ricami, intrecci e arazzi finemente dettagliati e creazioni tessili che sono scultoree nella loro tridimensionalità. Alcuni sono politicamente impegnati e affrontano questioni di ingiustizia sociale. Altri approfondiscono il vasto universo della Fiber Art attraverso varie tecniche e altri medium, spingendosi oltre i limiti utilizzando materiali e manipolazioni inaspettate, come strisce di plastica tagliate da borse della spesa per creare narrazioni pittoriche.

Bisa Washington (b. 1951) – War Dress Moremi Leads the Battle, 1979 – Mixed media – On loan from the collection of James and Adrienne Mtume – Photo Credit: Morris Museum

La mostra prosegue nella Bush-Compton Gallery con “Narrative and Representation” dove sono esposte quilt e ricami che raccontano una storia, simile all’illustrazione. Alcuni artisti lavorano nella tradizione delle trapunte delle storie di Faith Ringgold, combinando pittura, trapuntatura e narrazione. Alcuni elementi possono essere rappresentazioni simboliche delle emozioni che l’artista desidera trasmettere. Immaginare o re-immaginano eventi storici, oppure celebrano persone importanti per l’artista.

Faith Ringgold (b. 1930) – Tar Beach 2, 1990 – Silkscreen on silk, pieced printed cotton – On loan courtesy of ACA Galleries, New York  – Photo Credit: Morris Museum

La mostra riprende al Burger Hallway con “Tradition”. In quanto forma d’arte tessile storica, il quilting è indelebilmente legata al passato. Sotto la schiavitù, i produttori di trapunte neri a volte crittografavano i messaggi nel loro lavoro. Comunicavano tra loro usando segni e simboli sia ordinari che soprannaturali. Era una lingua che i membri della comunità capivano. I modelli includono: capanna di tronchi (motivi con strisce), oche volanti (motivi con triangoli) e fede nuziale (motivi con cerchi).

Viki Craig (1947–2018) – Gees Bend Sampler, 2012 – Cotton, polyester, thread – On loan courtesy of The Craig Family – Photo Credit: Art in the Atrium

Una mostra speciale sull’opera d’arte del co-fondatore di ATA Viki Craig, intitolata A Quilted Legacy, è presente nella Galleria Tregenza. Nata Victoria LeBeaux Clark (1947-2018) a Viki è stato insegnato a cucire all’età di cinque anni da sua madre e sua nonna, che era una quilter. Da giovane, la sua passione per il cucito e il lavoro con i tessuti è proseguita con i suoi primi capi tessili di grandi dimensioni creati negli anni successivi al matrimonio con Charles D. Craig nel 1970. Fin dall’inizio, Charles, un avvocato, e Viki, un’insegnante, condividevano una profonda passione per la comunità e l’istruzione e l’orgoglio per la loro eredità di afroamericani. La giovane coppia si trasfersce a Morristown nel 1978. Poco dopo Viki diviene membro del collettivo di artisti Black Women in Visual Perspective a Newark, nel New Jersey. Nel 1992, i due fondano un circolo di amici, colleghi e appassionati d’arte che condividono il loro pensiero e che sarebbe diventato Art in the Atrium. La maternità e il lavoro come insegnante di terza elementare hanno costretto Viki a sospendere il lavoro con i tessuti. Fino a quando si è ritirata dall’insegnamento nel 2013 ed è tornata a dedicarsi quotidianamente al quilting. Come insegnante, l’empatia di Viki per l’educazione e l’entusiasmo del pubblico ha attirato le persone verso di lei. Il suo naturale interesse per i tessuti ha creato relazioni durature con molti Fiber artisti. È al suo talento e al suo impegno per l’arte nera che questa mostra è dedicata. La mostra include 13 trapunte e rimarrà visibile fino a gennaio 2022.

Stephen Towns (b. 1980) – Crucifixion, 2020 – Natural and synthetic fabric, polyester and cotton thread, crystal glass and resin beads, resin buttons – On loan courtesy of De Buck Gallery, New York, NY

Gli artisti in mostra sono: Sharela May Bonfield, Jeanine Bowen, Tina Williams Brewer, Katie Commodore, Viki Craig, Michael Cummings, Gladys Barker Grauer, Janet O. Green, Kianga Jinaki, Maureen elleher e The Crucifixion (2020) Social Justice Collaboration Quilts Project, Beverly McCutcheon, Minnie Melvin, Clara Nartey, Shervone Neckles, Wannetta Phillips, Ellaree Pray, Faith Ringgold, Aminah Robinson, Carole Robinson, Theda Sandiford, Sherry Shine, Glendora Simonson, Toni Thomas, Denise Toney, Stephen Towns e Bisa Washington.

Art in the Atrium, Inc. (ATA) è un’organizzazione artistica di volontariato senza scopo di lucro fondata da Charles e Viki Craig a Morristown, New Jersey nel 1991. Fin dal suo inizio, ATA ha esposto annualmente le opere di artisti afroamericani sui quattro piani dell’Atrium Gallery diventando il più grande spazio espositivo di questo genere del New Jersey. In passato hanno presentato artisti come David Driskell, Willie Cole, Deborah Willis, Benny Andrews, Elizabeth Catlett, Bisa Butler, Janet Taylor Pickett e Faith Ringgold. ATA assegna borse di studio a studenti di arti visive promettenti, cura mostre d’arte per partner aziendali e governativi e ha ospitato il progetto “Artists in the Schools”. Nel 2001 e di nuovo nel 2016, l’organizzazione è stata nominata “Organizzazione artistica dell’anno” da Morris Arts. Nel 2020, ATA ha lanciato un formato di galleria online su artinheatrium.org e ha stretto una partnership con il Morris Museum, culminata in questa mostra.

Il MORRIS MUSEUM fondato nel 1913 è un’istituzione artistica e culturale pluripremiata e poliedrica al servizio del pubblico attraverso mostre e spettacoli che si sforzano di interpretare il passato e scoprire il futuro attraverso l’arte, il suono e il movimento. Il Museo ospita la storica e significativa collezione Murtogh D. Guinness di strumenti musicali meccanici e automi. Mostre di diverso contenuto contemporaneo valorizzano ulteriormente la sua Collezione Permanente. Il Bickford Theatre del Museo è una struttura per le arti dello spettacolo da 312 posti, che offre una programmazione unica di film, jazz e spettacoli dal vivo attraverso un cartellone innovativo, Live Arts al Morris Museum. Il Morris Museum ha un’orgogliosa tradizione di programmi educativi significativi ed eventi familiari. Durante la pandemia di questa estate, il museo ha trasformato il suo Back Parking Deck nello spazio per spettacoli più vivace del New Jersey, con Jazz, Live Theatre e l’acclamato Lot of Strings Festival. Migliaia di amanti della musica hanno sperimentato musicisti di livello mondiale come l’Orpheus Chamber Orchestra, tra gli altri, esibendosi dal vivo, in un ambiente unico e socialmente distante. Unico Smithsonian Affiliate Museum del New Jersey, il Morris Museum è anche il primo museo del New Jersey ad essere accreditato dall’American Alliance of Museums, è stato designato come Major Arts Institution e ha ricevuto il New Jersey State Council on the Arts’ Citation of Excellence , tra gli altri premi.

Be the first to comment on "“The Social Fabric: Black Artistry in Fiber Arts”. Una mostra in omaggio a Viki Craig"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*