Events

THREADS OF TIME

Venue: No 20 Arts, 20 Cross Street London N1 2BG
From December 10, 2021 until February 26, 2022

The group exhibition at No 20 Arts presents works that tie in with traditional craftsmanship, featuring emerging artists of Asian descent. On display works by Yang-En Hume, Seungwon Jung, Shivanjani Lal, and Sunghoon Yang. These artists reframe the past through their personal memories, addressing the history of all people.

Alongside the feminine delicacy of the embroidered surfaces and vaporous lace, we find tactile and provocative surfaces that delve into memory: carpets, tangles, thick seams.

The works in the exhibition excavate in-depth, aiming to involve and impact the viewer by unearthing those craft practices that are often left on the margins, such as the stories associated with them.

Shivanjani Lal, Ganna ki khet (piccolo) (2021), Gesso e haldi (curcuma) (provenienza Deptford, Londra), Dimensioni variabili
Yang-En Hume, Fossil 4 (2019), Inchiostro sensibile al sole su carta da acquerello, 59 x 42 cm

Yang-En Hume is an Australian-Singaporian artist living in London who uses textiles, installations and photograms as her primary expressive medium. Interested in archival practices, Hume explores how come only certain objects find a place and are celebrated in museums.

Using used lace, textiles and family photographs from flea markets, Hume creates suspended installations and photograms. Object scans and photos are printed on translucent fabric and often involve embroidery. Their layering and distortion embody the fragmentary nature of memory, representing moments from the past and personal histories.

Dettaglio, YANG-EN HUME’s Her Shroud, 2019, stampa digitale su organza e voile e filo da ricamo. 90 × 80 cm. “Threads of Time,” No 20 Arts, London, 2021. Tutte le immagini sono dell’artista e di No 20 Arts.

Her installation, Mausoleum (2020), is the exhibition’s focal point. On an organza net descending from the ceiling to the floor, sewn portraits of women are visible, either in their entirety or violently cut. Anonymous faces, deliberately made hardly recognisable. These images, found in flea markets, in Mausoleum become essential elements of an archive of everyday stories, those told outside the circuit of institutionalised narrative.

YANG-EN HUME’s Her Shroud, 2019, stampa digitale su organza e voile e filo da ricamo. 90 × 80 cm. “Threads of Time,” No 20 Arts, London, 2021. Tutte le immagini sono dell’artista e di No 20 Arts.

Born in Seoul, South Korea, Seungwon Jung lives and works in London. Jung creates works that lie between digital and traditional craftsmanship, using photography to create tapestries, sculptures and prints.

Her subjects are images of rock deposits that have developed into geological layers. Each stratum is associated with a period, revealing millions of years of history. The rock image is digitally translated into a textile pattern that constitutes the outline upon which the artist knots the tapestry by hand, reflecting on the passage of time.

Seungwon Jung, Ductile Deformation (2021)

Shivanjani Lal is an Australian artist of Indo-Fijian descent who lives and works in Australia and the UK. Drawing on historical documents, family photographs and materials specifically chosen for their conceptual connection to the project, Lal creates sculptures, installations and works on paper.

In this exhibition, red threads embroidered on maps show the route of the British ships that transported Lal’s ancestors from India to Fiji to work as labourers in the sugar cane fields. Her work aims to bring forth this history, exploring the theme of family migration and ancestral loss to build futures of healing.

Maps are shown in repetition on the gallery’s back wall; their scale, seriality and clinical exactitude trace the development of this exploitation year by year, from 1879 to 1920. Poking holes in the paper, Lal’s red dots on these atlases are a literal mapping of colonial struggles across time and space: displaced communities, exploitation of labour, and the legacy of identity crises affecting generations born into the diaspora.

A connection to sugar returns in Lal’s sculptures. Each was created by pouring plaster, sometimes enriched with turmeric, into sugar cane casts. The broken parts of these fragile sculptures speak of the fragmented histories of diaspora communities. The exhibition prospectus listed the origins of Lal’s installation materials, identifying the work communities: brown paper from Marine Lines, Bombay, red kite string from Byculla, Bombay, sugar sacks from Sigatoka Town, Fiji, among others. Although still incomplete, this perceptive approach suggests the beginning of a repair necessary for future healing.

Detail view of SHIVANJANI LAL’s Yaad Karo [1879-1920]: Empire Edition, 2021, brown paper from Marine Lines, Bombay and red kite thread from Byculla, Bombay, dimensions variable, “Threads of Time,” No 20 Arts, London, 2021.

Sunghoon Yang is a South Korean artist based in Daegu. Using catalogues and photographs of traditional Korean ceramics, Yang creates paintings that explore ideas of memory and time.

Memory I and Memory II each show a singular ceramic, filling the canvas. Based on moon jars found in domestic museums, and national and private collections, these works reflect the hands through which the pottery has passed over hundreds of years. They embody the stories of each person who once held it in the cracks and imperfections visible on the surface.

Sunghoon Yang, Memory I (2015), Oli su tela, 130 x 130 cm

“Threads of Time” makes us ponder events that have not been acknowledged by official Historiography. It brings back buried memories and critiques the institutionalisation of memories and the following hegemonic narrative.

About No 20 Arts

Opened in January 2017, No 20 Arts is a centre for contemporary arts. A multi-functional space, the gallery hosts a programme of exhibitions, performances and events that support emerging and established artists working across all media.

For more information and prices, please contact info@no20arts.com
No 20 Arts +44 (0)207 226 9083
20 Cross Street info@no20arts.com
London N1 2BG no20arts.com

Eventi

THREADS OF TIME

Sede espositiva: No 20 Arts, 20 Cross Street London N1 2BG
dal 10 Dicembre 2021 al 26 Febbraio 2022

Questa mostra collettiva alla No 20 Arts presenta opere che si legano alla tradizione artigianale, reinterpretata da artisti emergenti di origine asiatica. In mostra Yang-En Hume, Seungwon Jung, Shivanjani Lal, and Sunghoon Yang. Questi artisti rielaborano il passato attraverso le loro memorie personali, parlando della storia di tutti.

Accanto alla delicatezza femminile delle superfici ricamate e dei pizzi vaporosi si trovano al contempo superfici tattili e provocanti che scavano nella memoria: tappeti, grovigli, grosse cuciture.

Le opere in mostra vogliono coinvolgere e colpire lo spettatore riportando alla luce quelle pratiche artigianali spesso lasciate ai margini, come le storie ad essa legate.

Shivanjani Lal, Ganna ki khet (piccolo) (2021), Gesso e haldi (curcuma) (provenienza Deptford, Londra), Dimensioni variabili
Yang-En Hume, Fossil 4 (2019), Inchiostro sensibile al sole su carta da acquerello, 59 x 42 cm

Yang-En Hume è un’artista di origine australiana-singaporiana che vive a Londra e si esprime usando i tessuti, installazioni e fotogrammi. Interessata alle pratiche d’archivio, Hume si interroga sul perché solo certi oggetti trovino posto nei musei.

Utilizzando pizzi usati, tessuti e fotografie di famiglia provenienti dai mercati delle pulci, Hume crea installazioni sospese e fotogrammi. Scansioni e fotografie di oggetti sono stampate su un tessuto traslucido e spesso incontrano il ricamo. Nella loro stratificazione e distorsione, incarnano la natura frammentaria della memoria, rappresentando momenti del passato e storie private.

Dettaglio, YANG-EN HUME’s Her Shroud, 2019, stampa digitale su organza e voile e filo da ricamo. 90 × 80 cm. “Threads of Time,” No 20 Arts, London, 2021. Tutte le immagini sono dell’artista e di No 20 Arts.

La sua installazione, Mausoleum (2020), è il fulcro della mostra. Su una rete di organza che scende dal soffitto al pavimento, sono visibili ritratti di donne cuciti, interi o violentemente tagliati. Volti anonimi, resi volontariamente difficilmente riconoscibili. Queste immagini, trovate nei mercati delle pulci, all’interno di Mausoleum diventano elementi essenziali di un archivio di storie quotidiane, quelle che si raccontano al di fuori del circuito della narrativa istituzionalizzata.

YANG-EN HUME’s Her Shroud, 2019, stampa digitale su organza e voile e filo da ricamo. 90 × 80 cm. “Threads of Time,” No 20 Arts, London, 2021. Tutte le immagini sono dell’artista e di No 20 Arts.

Nata a Seoul, Corea del Sud, Seungwon Jung vive e lavora a londra. Jung crea opere che si situano tra artigianato digitale e tradizionale, usando la fotografia per creare arazzi, sculture e stampe.

I suoi soggetti sono immagini di depositi di roccia che hanno formato strati geologici. Ogni strato è associato a un periodo di tempo, rivelando così milioni di anni di storia. L’immagine della roccia viene traslata digitalmente in un motivo tessile che costituisce la traccia sulla quale l’artista annoda l’arazzo, a mano, riflettendo sul passaggio del tempo.

Seungwon Jung, Ductile Deformation (2021)

Shivanjani Lal è un’artista australiana con origini indo-fijane che vive e lavora in Australia e nel Regno Unito. Attingendo a documenti storici, fotografie di famiglia e materiali specificatamente scelti per il loro legame concettuale al progetto; Lal crea sculture, installazioni e lavori su carta.

In questa mostra, fili rossi ricamati su delle mappe mostrano la rotta delle navi britanniche che hanno trasportato gli antenati di Lal dall’India alle Fiji per lavorare come braccianti a contratto nei campi di canna da zucchero. Il suo lavoro vuole portare alla luce questa storia, esplorando la tematica della migrazione familiare e delle perdite ancestrali per arrivare a un futuro in cui la guarigione si possa attuare.

Lungo la parete di fondo della galleria le mappe sono mostrate in ripetizione; la scala, la serialità e l’esattezza clinica che le caratterizzano tracciano lo sviluppo di questo sfruttamento anno dopo anno, dal 1879 al 1920. Bucando la carta, i punti rossi di Lal su questi atlanti sono una mappatura letterale delle lotte coloniali attraverso il tempo e lo spazio: comunità sfollate, sfruttamento di manodopera e l’eredità delle crisi identitari che si ripercuotono sulle generazioni nate nella diaspora.

Una connessione con lo zucchero torna nelle sculture di Lal. Ognuna è stata creata colando del gesso, a volte arricchito di curcuma, all’interno di calchi di canna da zucchero. Le parti rotte di queste fragili sculture parlano delle storie frammentate delle comunità della diaspora. Il prospetto della mostra elencava le origini dei materiali dell’installazione di Lal, identificando le comunità del lavoro: carta marrone da Marine Lines, Bombay, filo rosso per aquiloni da Byculla, Bombay, sacchi di zucchero da Sigatoka Town, Fiji, tra gli altri. Anche se ancora incompleto, questo approccio percettivo suggerisce l’inizio di una riparazione necessaria per una futura guarigione.

Detail view of SHIVANJANI LAL’s Yaad Karo [1879-1920]: Empire Edition, 2021, brown paper from Marine Lines, Bombay and red kite thread from Byculla, Bombay, dimensions variable, “Threads of Time,” No 20 Arts, London, 2021.

Sunghoon Yang è un artista sudcoreano che vive a Daegu. Partendo da cataloghi e fotografie di ceramiche tradizionali coreane, Yang crea dipinti che esplorano concetti di memoria e tempo.

Memory I e Memory II mostrano un’unica ceramica che riempie la tela. Ispirate da “vasi luna” trovati in musei nazionali, collezioni nazionali e private, queste opere danno espressione alle mani che hanno lavorato e toccato le ceramiche per centinaia di anni. Le crepe e le imperfezioni visibili sulla superficie, incarnano le storie di ogni persona che le ha possedute.

Sunghoon Yang, Memory I (2015), Oli su tela, 130 x 130 cm

“Threads of Time” ci fa riflettere su eventi che non sono stati accettati dalla storiografia ufficiale. Riportando a galla memorie sepolte, e muovendo una critica all’istituzionalizzazione dei ricordi e all’egemonica narrazione che ne sussegue.

Informazioni su No 20 Arts

Inaugurato nel gennaio 2017, No 20 Arts è un centro per le arti contemporanee e uno spazio multifunzionale. La galleria ospita un programma di mostre, performance ed eventi che supportano artisti sia emergenti che affermati che lavorano tramite media differenti.

Per ulteriori informazioni e prezzi, si prega di contattare info@no20arts.com
No 20 Arts +44 (0)207 226 9083
20 Cross Street info@no20arts.com
Londra N1 2BG no20arts.com