Interview

Tina Marais Struthers in residenza al Contextile 2022

Within the context of the media partnership between ArteMorbida and the sixth edition of Contextile, the Portuguese Biennial of Contemporary Textile Art, I had the opportunity to ask a few questions to Tina Struthers, a fibre and visual artist originally from Cape Town, South Africa, who lives and works permanently in Montreal, Quebec.

Struthers is one of eight artists invited to participate in the residency organised for Contextile 2022 in Guimaraes, led by director Joaquim Pinheiro, with the support of curator and artistic director Cláudia Santos Melo.

This internationally oriented project aimed to create artworks connected with the Biennial theme: RE-MAKE.

In this interview, Struthers shares with us the path of research and reflection that led her to the creation of Sleep in the bed that you made while also giving us an overview of her established artistic practice.

https://www.tinamarais.com/

Instagram: https://www.instagram.com/tina.marais/

Entangled, in the bed that I made – work 1, Contextile residency 2022, H56 x L210 x D62 cm, linen, ph. cr. Ivo Rainha, copyright Tina Marais Struthers

You are an established artist with consolidated experience especially in the field of fibre art. What kind of research characterizes your production?

As a textile and visual artist, the origins of the materiality of things are tied tightly to my understanding of the world and its complex eco, inter-human, political, cultural and economic systems. For example, when considering ecological systems, and the impact of the textile industry on environmental structures, I intuitively seek its tangible traces. Within this process of visualizing the entangled state of interdependency between human and inhuman entities, and their parallel realities, I imagine a woven cloth, a multidimensional map, a Jacquard loom… suspended in time, it is an attempt to be able to untwist and unravel each individual thread to try to gain a better understanding of my environment and the time period I am living in, and a sense of my place within it.

I am interested in a variety of themes; I usually focus on a research interest for a specific body of work, for example water and the fragility of this resources has been a recurring theme. Lately I am very interest ideas surrounding folds and unfolding as a metaphor. New materialist concepts and the entanglement of matter relate to this research too.

Within my art practice specifically related to fiber and material practices, I am interested in the historical context of textile making, and fiber production, as well as the geographical origins and displacement of textile material and objects.  The jacquard loom for example as a powerful symbol for the overlapping and dimensional structural qualities of time, technological development, and cultural heritage that becomes entangled in our present moment. I focus often on ecological impact of the textile and garment industries, the invisibility of the hands of the makers being mostly women historically, and how the transmission of these techniques is imbedded in cultural heritage.

Installation view, Contextile residency 2022, ph. cr. Johanna Rogalla, copyright Tina Marais Struthers

What mainly influences your imagination and your artistic practice?

Often, I think my work has a strong personal emotional narrative, a response to observations and feelings. This is overlapped with current interests and research; the physical landscape and natural environment really triggers my imagination too.

My work often considers the entangled matters of materiality, ecological and social structures, and the memories of places and things. Throughout my creation process I organically embed my reflections into cloth, mapping my journey with needle and thread.

Using textiles as the basis for construction in my work, I often imagine a flow, a conversation back and forth between me and the materials that I am creating with. I start with a concept, sketches, but the fluidity of this process is important to me. Constantly adapting and changing while trying to understand how the fibers want to transform, leaving behind in the works an element of my tactile memories. I think cloth carries the imprint of this struggle and interaction.

Installation view, Contextile residency 2022, ph. cr. Johanna Rogalla, copyright Tina Marais Struthers

These months you are involved in an artist residency in Guimarães. This project is part of the partnership between the BILP and Contextile aimed at promoting art and culture. International residencies, in particular, create a bridge between countries and cultures and are an opportunity to appreciate how cultural diversity can be an opportunity for enrichment.  What is, in your experience, the role that a project like this plays for the art world and in particular for contemporary textile art?

Partnerships and artistic exchange are crucially important in the development of contemporary artists, but even more so in expanding the presence and recognition of contemporary textile arts on a global visual arts platform.

I think there is still a lot of misunderstanding as to what exactly contemporary textile arts is, especially in the larger art community. Very often there is parallels but also confusion about the difference between a craft versus arts practice, when using textile-based techniques for visual expression. Simply I think you are an artist first, and you choose to communicate through textile or fibers.

This residency opens these conversations to a larger audience, both locally, but also between countries and artists. It was really inspiring to see similarities and differences in how textile shaped the Communities here and in parallel to Quebec. The BILP is in a territory marked by linen tradition, very diffrenst climate and circumstances, but the traces of textile tradition is also strongly imbedded into local culture in this region of Quebec.

Meeting and working alongside a diverse group of artists during the residency, weaves new connection, but also enlarges the imprint and importance of international exchange between textile-based artists. I think this experience is unique and due to the length of time allowed me to really absorb local culture. As you move through the city and surrounding landscape, you really have an opportunity to imbed yourself firsthand into the environment, listening to the rhythm of the language, and discovering everyday life details.

The artists had the unique opportunity to visit local Portuguese textile industry, but also to learn of the cultural heritage, and traditional textile richness of the region, and how the textile industry shaped the development of the city. it was such a great experience to be so well supported, by the entire Contextile team. The artists receive artistic and installation support from the dynamic Contextile team, under guidance by the director of Contextile Joachim Pinheiro and Curator, and Artistic Director, Claudia Santos Melo.

It is a beautiful moving experience to connect with artisans from the region. To be reminded that fine craft and making connect people beyond the barriers of language, it pauses time, and makes the past breathe and become present through the hands.

This process of making and teaching can create bonds between people, without any words needing to be exchanged. This is the magic of making, and weaving connections through textiles.

Entangled, in the bed that I made-work 4, Contextile residency 2022, installation of 4 pieces, H44 x L21 x D30 cm each, linen, salt; ph. cr. Ivo Rainha, copyright Tina Marais Struthers

The possibility of being in an active cultural environment where you can confront yourself with other artists, relate to an unknown social and territorial context with a rich textile tradition, experiment with new practices … What motivated you to participate in this artist residency?

It was a long personal dream to be able to participate in the Contextile residencies. In 2018, I had the privilege to participate in Textile-talks, and I fell in love with the city of Guimaraes, the territory breaths textile, you can feel it here. The biennial is also recognized for its high standard, and promotion of artistic exchange, values that are important to me in my arts practice too. For personal reasons I could not travel for such an extended period the last few years. It was specifically my interest in the connectivity of place to textile heritage that is so unique in the way that it shaped the city and its cultural identity that inspired me. The experience was far richer than I ever imagined, opening new ideas, new connections, and new approaches to the visualization of my work.

Entangled, in the bed that I made-work 2, Contextile residency 2022, H40 x L230 x D112 cm, linen, ph. cr. Ivo Rainha, copyright Tina Marais Struthers

Can you tell us about the work Sleep in the bed that you made that you designed and are creating as part of this residency? How did this work explore and materialise the theme of the biennial? Could we say that it is a work that responds to the place where it was created? Can you tell us about it? 

Being in Guimaraes, a city that is interlaced with its rich connection and heritage to the textile industry, creates an interesting visual narrative, as you physically transition through these spaces and their history, but also filled with the rhythm of daily life.

For this project I was specifically interested in the inherent link between the industrialization of the textile industry, and the footprint this leaves on contemporary culture. It is also a thread that connects the history of place, its past, present, and future, entangled in the threads of textile making. It is this overlapping flux of time and its imprint on territory that I am exploring, specifically as it relates to Guimarães. Visualizing textile as skin, body traces on bed sheets, a place of healing as it connects to the hospital and the Convent Capuchos, where residencies are hosted. Working in the hospital space had a personal emotional charge and narrative for me, as I spent a lot of time in Quebec the last three years in and out of hospitals. it was a strange twist, to confront this space, and to understand it’s importance to the people here. It is a place of healing but also of loss.

Installation view, Contextile residency 2022, ph. cr. Johanna Rogalla, copyright Tina Marais Struthers

For my project I had the privilege to work with Linen textile from the Têxteis Penedo factory. The structure and quality of this coarsely woven linen cloth, made it possible to mold, sculpt and shape the cloth in dimensional forms. I also worked with cotton fabric used for the manufacture of bed sheets. Cotton for me represents industrialization, and I always feel the weight of this material’s historical and ecological footprint.  I am also interested in investigating the collapse of industrial and human structures and how one weak thread can damage an entire section of the “tissue” or cause the unraveling and collapse of multiple social systems.

My intention was to visualize the entanglements of the passage of time, textile industry, ecological impact, and the invisible traces of labor on the body, and thinking of the conditions of textile workers. Early in the residency we had a visit to the old hospital, and the guide spoke with us about the value of the linen cloth used for bedsheets in the hospital. How when they were completely worn out in the middle of the bedsheet by the bodies, they would be cut up to make pillowcases, later smaller pillowcases, and lastly, once the cloth was too worn-out for this to be used for bandages. This idea, of re-making beds, a daily action, of care, and of re-using until the last threads, inspired my abstractions. Interlaced with these concepts I am considering salt as part of this narrative, as an element that preserves, disinfects, and protects. Salt has a connection to the cod fish, omnipresent in this environment, with its beautiful glistening salted skin, but also its distinctive smell, salt is also an important element in textile dying.

These three themes, like entangled threads, the material, human and ecological, are underlying in the conversation between the works I created.  These thoughts became a metaphor for how we can rethink our shared cushion of protection for the future, as this seemingly becomes smaller and smaller. I am thinking of how I can re-make my daily actions, to leave more positive traces for the future.

Binding, folding, and pleating of cloth are processes that relate to practices of care. When folding, more than half the fabric in a fold is hidden. Without the added depth, the fold cannot exist. Folds are layers, folding and unfolding is an act of care, a passage of time, a ceremony, a structured linear process of covering and revealing.

What are, in your opinion, the critical and strong points that an artist is confronted with when creating a work as part of a residency project? What is your personal experience?

What really is a strenght within a residency situation, is the condensed time span to complete a project. Being confronted with a spesific installation space, research period and being outside the comfort of your normal studio space, pushes you to aproach your work throught a new lens.

It opens the door to stretch how you practice your art.

Personally having a bubble of time just to focus on one principale project, really allowed me to focus, to reflect, to re-imagine possible outcomes, and installation methods. Questioning the line between intension and possibility. Remaing flexable and constantly adapting to tecnical challanges, but also the real feeling of escaping the solitude of creating within your own studio, and becoming part of a small artistic community with other artists in residence and the Contextile community.

Personally this was a very necessary moment for rethinking structures, material choices, and my visual narrative.

Installation view, Contextile residency 2022, ph. cr. Johanna Rogalla, copyright Tina Marais Struthers

On 2 September, the exhibition with the works created during the residency opened. What do you hope for? 

Finally I can re-make connections with my wider textile arts community and friends that I have not seen due to the pandemic the last few years. My hope is that visitors to the exhibition of all the artistic residency artists will be able to feel a bit of the narrative and connection that was developed between all the artists and the environment.

For my own work, I always hope that visitors will have a quiet moment to be with the work, as always when distancing from a completed project is that the viewers will leave with a feeling, an emotional response, and a thought to reflect on.

Installation view, Contextile residency 2022, ph. cr. Johanna Rogalla, copyright Tina Marais Struthers
Installation view, Contextile residency 2022, ph. cr. Johanna Rogalla, copyright Tina Marais Struthers

Are there themes, ideas, goals that you feel the need to develop or deepen in the continuation of your artistic career? What plans for the future?

Currently my fascination with the precision of lines and folds, the grid like structure of woven cloth, in contrast to the multidimensional layers of the vibrant, natural molecular structures that construct our reality is an interconnected dynamic that I really want to explore further: an inseparable coexistence.

A few other themes are the ability of cloth to hide, transform and heal things. Cloth can be twisted and contorted, it can be stretched and folded, I really want to challenge how to visualize some of these thoughts.

I continue to explore the social meanings we attribute to materials, the origins of giving feeling to matter, the potential for an emotional intuitive response to materials, their touch, and their interconnectedness.

I am thinking of caring, of mummification, wrapping the body slowly, meticulously in linen cloth, so that the skin will not decay. Coincidentally, the same action of wrapping of cloth is used when bandaging wounds, to call on the power of regeneration of the body. I am thinking about flux, circularity and interconnectivity, considering the agency of not human matter and particles.

For the next year I will focus amongst other group exhibitions on my next to solo shows in 2023, one in Quebec and the other, a first in Australia, there are a few other exciting projects under development… but too early to whisper about it.

Entangled, in the bed that I made-work 4, Contextile residency 2022, installation of 4 pieces, H44 x L21 x D30 cm each, linen, salt; ph. cr. Ivo Rainha, copyright Tina Marais Struthers
Installation view, Contextile residency 2022, ph. cr. Johanna Rogalla, copyright Tina Marais Struthers
Interviste

Tina Marais Struthers in residenza al Contextile 2022

In occasione della media partnership tra ArteMorbida e la sesta edizione del Contextile, Biennale d’Arte tessile Contemporanea portoghese, ho avuto l’opportunità di porre alcune domande a Tina Struthers, fiber e visual artist originaria di Cape Town, Sudafrica, che vive e lavora stabilmente a Montreal, Quebec.

Struthers è tra gli otto artisti invitati a prendere parte alla residenza organizzata in occasione del Contextile 2022 a Guimaraes, sotto la guida del direttore Joaquim Pinheiro, con il supporto della curatrice e direttrice artistica Cláudia Santos Melo.

L’obiettivo di questo progetto di respiro internazionale, consisteva nel creare opere d’arte in connessione con il concept della Biennale: RE-MAKE.

In questa intervista, Struthers condivide con noi il percorso di ricerca e riflessione che l’ha condotta alla creazione di Sleep in the bed that you made, regalandoci contemporaneamente, una panoramica sulla sua consolidata pratica artistica.

https://www.tinamarais.com/
Instagram: https://www.instagram.com/tina.marais/

Entangled, in the bed that I made – work 1, Contextile residency 2022, H56 x L210 x D62 cm, lino, Crediti Fotografici Ivo Rainha, copyright Tina Marais Struthers

Sei un’artista affermata e con una esperienza consolidata in modo particolare nell’ambito della fiber art. Che tipo di ricerca caratterizza la tua produzione?

Come artista tessile e visuale, le origini della materialità delle cose sono strettamente legate alla mia comprensione del mondo e dei suoi complessi sistemi ecologici, interumani, politici, culturali ed economici. Ad esempio, quando considero i sistemi ecologici e l’impatto dell’industria tessile sulle strutture ambientali, cerco intuitivamente le sue tracce tangibili. All’interno di questo processo di visualizzazione dello stato di interdipendenza tra entità umane e non umane e delle loro realtà parallele, immagino una tela tessuta, una mappa multidimensionale, un telaio Jacquard… sospeso nel tempo, è un tentativo di riuscire a srotolare e dipanare ogni singolo filo per cercare di ottenere una migliore comprensione del mio ambiente e del periodo in cui sto vivendo, e dare un senso del mio posto all’interno di esso.

Mi interessano temi vari; di solito mi concentro su una ricerca per uno specifico corpo di lavoro, ad esempio l’acqua e la fragilità di questa risorsa è stato un tema ricorrente. Ultimamente sono molto interessata ad idee legate alle metafore della piega e del dispiegarsi. Anche i concetti di nuovo materialismo e di entanglement della materia si collegano a questa ricerca.

Nell’ambito della mia pratica artistica, specificamente legata alle fibre e alla materia, sono interessata al contesto storico della lavorazione dei tessuti e della produzione delle fibre nonché alle origini geografiche e alla dislocazione di materiali e oggetti tessili.  Il telaio jacquard, ad esempio, è un simbolo potente della sovrapposizione e delle qualità strutturali e dimensionali del tempo, dello sviluppo tecnologico e dell’eredità culturale che si intrecciano nel presente. Mi concentro spesso sull’impatto ecologico delle industrie tessili e dell’abbigliamento, sull’invisibilità delle mani dei creatori, storicamente per lo più donne, e su come la trasmissione di queste tecniche sia radicata nel patrimonio culturale.

Vista dell’installazione, Contextile residency 2022, Crediti Fotografici Johanna Rogalla, copyright Tina Marais Struthers

Cosa influenza principalmente la tua immaginazione e pratica artistica?

Spesso penso che il mio lavoro sia connotato da una forte narrativa personale e emotiva, una risposta alle mie osservazioni e sentimenti.

Questo si sovrappone a interessi e ricerche proprie e legate al momento che sto vivendo; anche il paesaggio e l’ambiente naturale accendono la mia immaginazione.

Il mio lavoro considera spesso questioni legate alla materialità, alle strutture ecologiche e sociali e alle memorie di luoghi e cose. Durante il mio processo di creazione infondo organicamente le mie riflessioni nella stoffa, tracciando il mio viaggio con ago e filo.

Usando il tessile come base per la costruzione nel mio lavoro, immagino spesso un flusso, una conversazione tra me e i materiali con i quali sto creando. Inizio con un concetto, dei disegni preparatori, ma la fluidità di questo processo è importante per me. Devo costantemente adattarmi e cambiare mentre provo a capire come le fibre intendono trasformarsi, lasciando nei lavori un elemento della mia memoria tattile. Credo che la stoffa porti con sé la traccia di questa lotta e di questa interazione.

Vista dell’installazione, Contextile residency 2022, Crediti Fotografici. Johanna Rogalla, copyright Tina Marais Struthers

In questi mesi sei impegnata nella residenza d’artista a Guimarães. Questo progetto nasce nell’ambito della partnership tra la BILP e Contextile finalizzata alla promozione dell’arte e della cultura. Le residenze internazionali, in particolare, creano un ponte tra paesi e culture, sono occasione per apprezzare quanto le diversità culturali possano essere occasione di arricchimento.  Qual è, in base alla tua esperienza, il ruolo che un progetto come questo riveste per il mondo dell’arte e in particolare per l’arte tessile contemporanea?

Le collaborazioni e gli scambi artistici sono di fondamentale importanza per lo sviluppo degli artisti contemporanei, ma ancora di più per espandere la presenza e il riconoscimento delle arti tessili contemporanee nel panorama mondiale delle arti visive.

Credo che ci siano ancora molti malintesi sul significato esatto di arte tessile contemporanea, soprattutto nella comunità artistica più ampia. Molto spesso ci sono parallelismi ma anche confusione sulla differenza tra artigianato e arte quando si utilizzano tecniche tessili per l’espressione visiva. Semplicemente, credo che tu sia prima di tutto un artista che sceglie di comunicare attraverso i tessuti o le fibre.

La residenza coinvolge in queste riflessioni un pubblico più ampio, sia a livello locale che tra artisti e paesi. È stato veramente stimolante riscontrare similitudini e differenze in come il tessile ha formato le comunità di qui, in confronto al Quebec.

Il BILP si trova in un territorio segnato dalla tradizione del lino, con clima e circostanze molto diverse, ma le tracce della tradizione tessile sono fortemente radicate nella cultura locale di questa regione del Quebec.

Incontrare e lavorare a fianco di artisti diversi durante la residenza, permette di creare nuovi legami, ma anche di ampliare la portata e l’importanza dello scambio internazionale tra artisti tessili. Ritengo che questa esperienza sia unica e, grazie alla sua durata, mi ha permesso di assorbire davvero la cultura locale. Muovendosi per la città e il territorio circostante, si ha davvero l’opportunità di immergersi in prima persona nell’ambiente, ascoltando il ritmo della lingua e scoprendo i dettagli della vita quotidiana.

Gli artisti hanno avuto l’opportunità unica di visitare l’industria tessile locale, ma anche di scoprire il patrimonio culturale e la ricchezza tessile tradizionale della regione, nonché il modo in cui l’industria tessile ha plasmato lo sviluppo della città. È stata una bellissima esperienza essere così ben supportati dall’intero team di Contextile. Gli artisti ricevono il supporto artistico e installativo del dinamico team di Contextile, sotto la guida del direttore Joachim Pinheiro e della curatrice e direttrice artistica Claudia Santos Melo.

Entrare in contatto con gli artigiani della regione è un’esperienza bellissima e commovente che ci ricorda che l’artigianato di qualità e il fare collegano le persone al di là delle barriere linguistiche, fermando il tempo e facendo respirare il passato e rendendolo vivo attraverso le mani.

Questo processo di creazione e insegnamento può creare legami tra le persone senza bisogno di scambiare parole. Questa è la magia di creare e tessere legami attraverso i tessuti.

Entangled, in the bed that I made-work 4, Contextile residency 2022, Installazione di 4 pezzi, H44 x L21 x D30 cm ognuno, lino, sale, crediti fotografici Ivo Rainha, copyright Tina Marais Struthers

La possibilità di trovarsi in un ambiente culturale attivo in cui confrontarsi con altri artisti, entrare in relazione con un contesto sociale e territoriale sconosciuto e dalla ricca tradizione tessile, sperimentare nuove pratiche … Cosa ti ha motivato a partecipare a questa residenza d’artista?

Poter partecipare alle residenze di Contextile era un sogno personale da tempo. Nel 2018 ho avuto il privilegio di partecipare ai Textile-talks, e mi sono innamorata della città di Guimarães, in questo territorio il tessile si respira, lo si sente veramente qui. La biennale è anche riconosciuta per il suo alto livello e per la promozione dello scambio artistico, valori che sono importanti anche per la mia pratica. Negli ultimi anni, per ragioni personali, non ho potuto viaggiare per un periodo di tempo così lungo. A ispirarmi è stato in particolare l’interesse per la connessione tra il luogo e il patrimonio tessile, unico nel suo genere per il modo in cui ha plasmato la città e la sua identità culturale. Questa esperienza è stata molto più ricca di quanto avessi mai potuto immaginare, e ha aperto nuove idee, nuove connessioni e nuovi approcci alla visualizzazione del mio lavoro.

Entangled, in the bed that I made-work 2, Contextile residency 2022, H40 x L230 x D112 cm, lino, Crediti fotografici Ivo Rainha, copyright Tina Marais Struthers

Ci puoi parlare dell’opera Sleep in the bed that you made che hai progettato e stai realizzando nell’ambito di questa residenza? In che modo questo lavoro ha esplorato e concretizzato il tema della biennale? Potremmo dire che quest’opera risponde al luogo in cui è stata creata?  Ce ne puoi parlare?

Trovarsi a Guimarães, una città legata al ricco patrimonio dell’industria tessile, crea un’interessante narrazione visiva, mentre si passa fisicamente attraverso questi spazi e la loro storia al ritmo della vita quotidiana.

Per questo progetto ero specificamente interessata al legame intrinseco tra il processo di industrializzazione dell’industria tessile e l’impronta che questo lascia sulla cultura contemporanea. Si tratta anche di un filo che collega la storia del luogo, il suo passato, il presente e il futuro, intrecciato ai fili della produzione tessile. È proprio questo flusso sovrapposto di tempo e la sua impronta sul territorio che sto esplorando, in particolare per quanto riguarda Guimarães. Visualizzare il tessuto come pelle, tracce del corpo sulle lenzuola, un luogo di guarigione che si collega all’ospedale e al Convento Capuchos, dove sono ospitate le residenze.

Lavorare nello spazio dell’ospedale ha avuto una carica emotiva e narrativa personale importante per me dato che, negli ultimi tre anni in Quebec, ho trascorso molto tempo entrando e uscendo dagli ospedali. È stato uno strano colpo di scena confrontarmi con questo spazio e capire la sua importanza per le persone che vi abitano. È un luogo di guarigione ma anche di perdita.

vista dell’installazione, Contextile residency 2022, Crediti fotografici Johanna Rogalla, copyright Tina Marais Struthers

Per il mio progetto ho avuto il privilegio di lavorare con il tessuto di lino proveniente dalla fabbrica Têxteis Penedo. La struttura e la qualità di questo tessuto di lino a trama grossa hanno reso possibile plasmare, scolpire e modellare la stoffa in forme dimensionali. Ho lavorato anche con il tessuto di cotone utilizzato per la produzione di lenzuola. Il cotone per me rappresenta l’industrializzazione e sento sempre il peso dell’impronta storica ed ecologica di questo materiale.  Mi interessa anche indagare il collasso delle strutture industriali e umane e il modo in cui un filo debole può danneggiare un’intera sezione del “tessuto” o causare il disfacimento e il collasso di più sistemi sociali.

Il mio intento era quello di visualizzare gli intrecci del passare del tempo, dell’industria tessile, dell’impatto ecologico e delle tracce invisibili del lavoro sul corpo, pensando alle condizioni dei lavoratori del settore tessile. All’inizio della residenza abbiamo visitato il vecchio ospedale e la guida ci ha parlato del valore della tela di lino utilizzata per le lenzuola dell’ospedale. Come, quando le lenzuola venivano completamente consumate dall’usura dei corpi, al centro, erano tagliate per fare federe, quindi federe più piccole e, infine, una volta che la stoffa era troppo consumata veniva usata per le bende. Questa idea di rifare i letti, un’azione quotidiana, di cura e di riutilizzo fino agli ultimi fili, ha ispirato le mie astrazioni. Insieme a questi concetti, considero il sale parte di questa narrazione come elemento che conserva, disinfetta e protegge. Il sale ha un legame con il merluzzo, onnipresente in questo ambiente, con la sua bella pelle salata e luccicante ma anche con il suo odore caratteristico; il sale è anche un elemento importante nel processo di tintura dei tessuti.

Questi tre temi, come fili intrecciati, il materiale, l’uomo e l’ecologia, sono alla base della conversazione tra le opere che ho creato. Questi pensieri si sono trasformati in una metafora di come possiamo ripensare il nostro comune ammortizzatore per il futuro, che a quanto pare diventa sempre più piccolo. Sto pensando a come re-make (ripensare) le mie azioni quotidiane, per lasciare tracce più positive per il futuro.

La legatura, la piegatura e la plissettatura dei tessuti sono processi che riguardano le pratiche di cura. Quando si piega, più della metà del tessuto che costituisce la piega non è visibile. Senza la profondità aggiunta, la piega non può esistere. Le pieghe sono strati, piegare e dispiegare è un atto di cura, un lasso di tempo, una cerimonia, un processo lineare e strutturato di copertura e rivelazione.

Quali sono, a tuo parere, le criticità e i punti di forza con cui un artista si confronta durante la creazione di un’opera nell’ambito di un progetto di residenza? Qual è la tua personale esperienza?

Il punto di forza di una residenza è il periodo di tempo ridotto a disposizione per portare a termine un progetto. Confrontarsi con uno spazio specifico per l’installazione, con un periodo di ricerca e trovarsi al di fuori del comfort del normale spazio di studio, spinge ad affrontare il proprio lavoro attraverso una nuova lente. Questo apre la strada alla possibilità di ampliare il modo in cui si pratica l’arte.

Personalmente, avere una bolla di tempo per concentrarmi su un progetto mi ha permesso di focalizzarmi, riflettere, ripensare ai possibili risultati e ai metodi di installazione. Mettere in discussione il confine tra intenzione e possibilità. Rimanere flessibili e adattarsi costantemente alle sfide tecniche ma anche la sensazione reale di sfuggire alla solitudine della creazione all’interno del proprio studio e diventare parte di una piccola comunità artistica con gli altri artisti in residenza e la comunità Contextile. Personalmente, questo è stato un momento estremamente importante per ripensare le strutture, le scelte dei materiali e la mia narrazione visiva.

Vista dell’installazione, Contextile residency 2022, Crediti Fotografici Johanna Rogalla, copyright Tina Marais Struthers

Il 2 settembre è stata inaugurata la mostra con le opere create in residenza. Cosa ti auspichi?

Finalmente posso re-make (re-instaurare) le connessioni con la mia comunità tessile e i miei amici, che non ho potuto vedere a causa della pandemia negli ultimi due anni. La mia speranza è che i visitatori della mostra degli artisti in residenza siano in grado di percepirne il racconto e la connessione che è stata sviluppata tra gli artisti e il territorio.

Per quanto riguarda il mio lavoro, spero sempre che i visitatori possano avere un momento di tranquillità per stare con l’opera. Come sempre, quando si prendono le distanze da un progetto completato vorrei che gli spettatori se ne andassero con una sensazione, una risposta emotiva, un pensiero su cui riflettere.

Vista dell’installazione Contextile residency 2022, Crediti Fotografici Johanna Rogalla, copyright Tina Marais Struthers
Vista dell’installazione, Contextile residency 2022, Crediti Fotografici Johanna Rogalla, copyright Tina Marais Struthers

Ci sono temi, idee, obiettivi che senti il bisogno di sviluppare o approfondire nel prosieguo della tua carriera artistica? Quali progetti per il futuro?

Attualmente, il mio fascino per la precisione delle linee e delle pieghe, per la struttura a griglia della stoffa tessuta in contrasto con gli strati multidimensionali delle vibranti strutture molecolari naturali che costruiscono la nostra realtà è una dinamica di interconnessione che desidero esplorare ulteriormente: una coesistenza inseparabile.

Altri temi sono la capacità della stoffa di nascondere, trasformare e curare. La stoffa può essere attorcigliata e contorta, può essere allungata e piegata, voglio davvero esplorare il modo in cui si possono visualizzare alcuni di questi pensieri.

Continuo a esplorare i significati sociali che attribuiamo ai materiali, le origini del conferire sensazioni alla materia, il potenziale di una risposta emotiva intuitiva ai materiali, il loro tocco e la loro natura interconnessa.

Penso alla cura, alla mummificazione, all’avvolgimento lento e meticoloso del corpo in un telo di lino, affinché la pelle non si deteriorerà Per coincidenza, la stessa azione di avvolgere la stoffa è usata quando si fasciano le ferite, per invocare il potere di rigenerazione del corpo. Sto pensando al flusso, alla circolarità e all’interconnessione, considerando la capacità di agire della materia e delle particelle non umane.

Per il prossimo anno mi concentrerò, tra le altre mostre collettive, su due mostre personali che saranno presentate una in Quebec e l’altra, per la prima volta, in Australia nel 2023. Ci sono altri progetti interessanti in fase di sviluppo… ma è troppo presto per parlarne.

Entangled, in the bed that I made-work 4, Contextile residency 2022, Installazione di 4 pezzi, H44 x L21 x D30 cm ognuno, lino, sale, crediti fotografici Ivo Rainha, copyright Tina Marais Struthers
Vista dell’installazione, Contextile residency 2022, Crediti Fotografici Johanna Rogalla, copyright Tina Marais Struthers

Maria Rosaria Roseo

English version Dopo una laurea in giurisprudenza e un’esperienza come coautrice di testi giuridici, ho scelto di dedicarmi all’attività di famiglia, che mi ha permesso di conciliare gli impegni lavorativi con quelli familiari di mamma. Nel 2013, per caso, ho conosciuto il quilting frequentando un corso. La passione per l’arte, soprattutto l’arte contemporanea, mi ha avvicinato sempre di più al settore dell’arte tessile che negli anni è diventata una vera e propria passione. Oggi dedico con entusiasmo parte del mio tempo al progetto di Emanuela D’Amico: ArteMorbida, grazie al quale, posso unire il piacere della scrittura al desiderio di contribuire, insieme a preziose collaborazioni, alla diffusione della conoscenza delle arti tessili e di raccontarne passato e presente attraverso gli occhi di alcuni dei più noti artisti tessili del panorama italiano e internazionale.