Events

Varka Kozlovic – FOUNTAIN PEN SERIES

Solo exhibition

11-21 November 2022
Opening: 11 November 17.00-19.00
Det Andet Galleri – Kronprinsesse Sofies vej 6 – Frederiksberg, DK
Info: https://www.detandetgalleri.dk/

Kozlovič’s interest in the layers and textures of different cultures and peoples come through in her love of traditional crafts and natural colors – through her art, her experiences from her extensive travels and studies translate into abstract images using embroidery on canvas, natural colors, fabric, paper, string and strands of wool, linen and silk.

The exhibition features selected works from Kozlovič’s “Fountain pen series”; abstract works made on large canvases, alternating pen drawing with embroidery.  The works speak to pause and reflection, deliberateness and time as an available yet limited resource.

Moving between media using writing-materials, painting canvases and finally needle and thread, Kozlovič reflects on the history of embroidery in the Western world and the gendered discourses around it. While embroidery is gaining recognition it has not yet succeeded in breaking free from the perception of the artform as a trivial and exclusively female craft. To Kozlovič, embroidery has the unique quality that a large part of the executive process can be read on the back of the canvas, where a registry of the progress, second thoughts, errors and solutions can be seen. While the front shows the explicit, the back shows the implicit, a parallel story to the one you are meant to see.

Eventi

Varka Kozlovic – FOUNTAIN PEN SERIES

Mostra personale
11-21 novembre 2022
Inaugurazione: 11 novembre 17.00-19.00
Det Andet Galleri – Kronprinsesse Sofies vej 6 – Frederiksberg, DK
Info: https://www.detandetgalleri.dk/

L’interesse di Kozlovič per gli strati e le consistenze di culture e popoli diversi si manifesta nel suo amore per l’artigianato tradizionale e per i colori naturali. Attraverso la sua arte, le esperienze dei suoi numerosi viaggi e studi si traducono in immagini astratte che utilizzano ricami su tela, colori naturali, tessuto, carta, spago e fili di lana, lino e seta.
La mostra presenta opere selezionate dalla “Serie della penna stilografica” di Kozlovič; lavori astratti realizzati su tele di grandi dimensioni, alternando il disegno a penna con il ricamo. Le opere parlano di pausa e riflessione, di deliberatezza e di tempo come risorsa disponibile ma limitata.
Passando da un mezzo all’altro, utilizzando materiali per la scrittura, tele per la pittura e infine ago e filo, Kozlovič riflette sulla storia del ricamo nel mondo occidentale e sui discorsi di genere che lo riguardano. Sebbene il ricamo stia ottenendo un riconoscimento, non è ancora riuscito a liberarsi dalla percezione di questa forma d’arte come un mestiere banale ed esclusivamente femminile. Per Kozlovič, il ricamo ha la qualità unica di poter leggere gran parte del processo esecutivo sul retro della tela, dove si può vedere un registro dei progressi, dei ripensamenti, degli errori e delle soluzioni.  Mentre il fronte mostra l’esplicito, il retro mostra l’implicito, una storia parallela a quella che l’altro lato rivela.