INTERVISTA A SØREN KRAG

Deux Mille fleurs /Duemila fiori. Pittura digitale. Pezzo in tessuto jacquard (fronte-retro), lana. Installazione: Tendicinghia. tondini di ferro. Dimensioni: 150x560cm Anno di produzione: 2018 Photo credit: Søren Krag

Inglese

Traduzione a cura di Marina Dlacic 

Ancora alla scoperta dei protagonisti del Premio Valcellina con questa intervista al secondo premio, Søren Krag, artista danese nato nel 1987 a Silkeborg e ora residente a Bergen, Norvegia. Ha frequentato la The Art Academy of Jutland (Aarhus), la Srishti School of Art, Design and Technology (Bangalore) e si è laureato come MFA presso la The Art Academy di Bergen nel 2019. Le mostre recenti includono la partecipazione ad ‘Artapestry6’ (Silkeborg), Statens Høstutstilling 2020 (Oslo). IV Triennale del tessile e dell’arazzo contemporaneo (Mosca). Nel 2020 Krag ha ricevuto il premio Lumen per la tecnologia: Nordic award ed è stato il vincitore del Talente-Prize 2020 nel tessile. Il suo lavoro è rappresentato nella collezione del The Art Museum di Sogn & Fjordane (Førde, Norvegia)

Pittura digitale e tessitura jaquard: come coniugare tecnologia e tradizione, passato e futuro?

Produco lavori nell’ambito di una serie di discipline artistiche con particolare attenzione all’utilizzo di strumenti elettronici e digitali. Una parte importante della mia pratica è la creazione di “dipinti” digitali utilizzando un software relativamente semplice. In questo lavoro, oltre alla tessitura, cerco di utilizzare i rispettivi  “limiti” dei metodi/media come punto di partenza estetico.

Molte delle tue opere sono arazzi. Come sei arrivato a scegliere il supporto tessile e in particolare l’arazzo?

Mi preoccupo delle idee estetiche di simmetria e ornamento, che hanno permeato la storia dell’arte (arti e mestieri), e che hanno vagato sia storicamente che geograficamente tra diverse civiltà e regioni culturali. Attraverso le culture, la tessitura è stata utilizzata per scopi pratici, decorativi, spirituali e artisticamente espressivi. Oltre alla dimensione estetica, mi interessa quindi anche la connessione tra le espressioni estetiche e le idee che si cercano di trasmettere attraverso questo.

Four fleet does at a gold valley. Pittura digitale. Pezzo in tessuto jacquard (fronte-retro), lana. Installazione: corde elastiche. Dimensioni: 155×157. Anno di produzione: 2020. Foto di: Søren Krag

Premiato al Premio Valcellina, il tuo lavoro “Deux Mille Fleurs” è un grande arazzo tessuto jacquard. Puoi dirci di più su questo straordinario lavoro?

I fiori sono tra le forme rappresentative più coerentemente riprodotte nella storia dell’arte visiva. Sebbene i fiori siano apparsi nell’arte per migliaia di anni, evidenziati per la prima volta in motivi funerari nelle prime dinastie egiziane, sono stati usati principalmente come motivo decorativo che integra o incornicia elementi più “importanti”.  Il termine “Millefleurs”, dal francese che significa letteralmente “mille fiori”, si riferisce a uno stile di sfondo utilizzato negli arazzi medievali e rinascimentali costituiti da molti piccoli fiori e piante diversi, di solito mostrati su uno sfondo più scuro, come se crescessero nell’erba. Il termine è ovviamente iperbolico, alludendo semplicemente a una quantità di fiori troppo numerosa da contare. Io, invece, ho scelto di avvicinarmi a questo in modo abbastanza letterale, di fatto raddoppiando il numero, arrivando al titolo “Deux Millefleurs” o “Duemila fiori”.  La produzione di arazzi era tradizionalmente un’impresa complessa e costosa che implicava la divisione del lavoro nell’ambito del sistema delle corporazioni. I tessitori erano obbligati a ripetere i disegni delle figure dei membri della corporazione dei pittori, ma potevano disegnare gli sfondi da soli. Per questo motivo si può osservare come ogni “bouquet” o pianta sia disegnato individualmente, improvvisato dai tessitori, in opere famose come “La caccia dell’unicorno” e “La dama e l’unicorno”. Nel tentativo di estrapolare ulteriormente questo capovolgimento della gerarchia dell’immagine, ho scelto di rinunciare del tutto a figure e narrativa, concentrandomi esclusivamente sullo ‘sfondo’, in particolare quelli che considero gli attributi più sorprendenti dei fiori; colore e simmetria. In un cenno alla suddetta divisione del lavoro, l’opera è stato creata in collaborazione con il PhD in ingegneria Jonathan Riise. Al centro del progetto ci sono “fiori” generati al computer, iper-stilizzati e simmetrici. Per generare i fiori in modo algoritmico, è stato stabilito un insieme fisso di parametri.

La maggior parte dei tuoi lavori ha grandi dimensioni. Come si relazionano con lo spazio che li ospita? E con il pubblico? Quali messaggi vorresti che trasmettessero? 

Percepisco l’arazzo tessuto come un oggetto tridimensionale e preferisco presentarlo come tale, appendendolo nello spazio (non sul muro) con entrambi i lati visibili. Il mio lavoro “Enuma Elish(I,II,III)” del 2019 illustra abbastanza bene una serie di cose che mi interessano e che continuano a sviluppare in questo senso. I tre tessuti sono appesi in modo da costituire un oggetto scultoreo unito.

Le onde sospese sono accoppiate con la pavimentazione in gomma formando un quadrato direttamente sotto, inoltre vengono utilizzate corde elastiche colorate per la sospensione. Questo, così come l’uso dei tendi cinghia in “Deux Mille Fleurs”, mostra il mio desiderio di includere altri media e attrezzature già pronte nelle mie installazioni di arazzi. Sospendendo dai soffitti, attaccandosi a pavimenti, pareti o altri elementi architettonici presenti, trovo che le opere stabiliscano una presenza e un’integrazione più avvincenti con l’ambiente circostante. 

Qual è la genesi dei tuoi lavori? Come si procede dall’idea all’opera d’arte finita? Quali sono le tue fonti di ispirazione?

Cerco di orientarmi ampiamente sia sulla scena dell’arte contemporanea che attraverso l’arte storica. Molto spesso l’input ispiratore per il mio lavoro è costituito da aggregazioni piuttosto strane.Durante i miei studi a Bergen ho scoperto con affetto quella che considero la “trinità” dell’arte tessile/arazzo norvegese; Frida Hansen, Gerhard Munthe e Hannah Ryggen. In un senso più ampio, alcune delle cose che mi piace guardare di più sono: mosaici romani/bizantini, arte islamica, Interlace Viking Art, Villiam Morris, movimento ‘De Stijl’, altri artisti moderni e ovviamente Anni Albers, in genere cercando di estrarre le molte somiglianze tra queste e molte altre cose.

Enûma Eliš (I, II, III) Pittura digitale. Pezzi in tessuto jacquard (fronte-retro), lana. Installazione: corde elastiche, tondini di ferro, pavimentazione in gomma. Dimensioni: 300x300x300cm (variabile). Anno di produzione: 2018-2019. Credito fotografico: Jane Sverdrupsen

Come è cambiato il tuo lavoro nel tempo man mano che procedi nella tua ricerca artistica? C’è un lavoro a cui sei particolarmente legato o che ti rappresenta più di altri?

La mia pratica della pittura digitale si è affermata abbastanza bene quando ho iniziato a studiare la tecnica della tessitura Jacquard digitale. All’inizio mi sono concentrato principalmente sulla “traduzione” di immagini digitali in un formato Wowen, ma da allora si è sviluppata una connessione interessante tra i due in cui il mio stile di pittura è cambiato per adattarsi al telaio.

A quale progetto stai lavorando?

In una serie di lavori recenti, ho lavorato con motivi mitici su larga scala. Cerco di reinterpretare il motivo mitico in un contesto contemporaneo e mi occupo anche della storia visiva del mito raffigurato. Continuo a lavorare nello spazio visivo tra astrazione, ornamento e rappresentazione e in futuro il mio obiettivo è produrre opere di arazzi narrativi su larga scala e sperimentare con l’installazione.

Didascalie foto della Galleria

  1. Nessuno mangia l’arancia sotto la luna piena. I frutti blu vanno bene. Pittura digitale. Pezzo in tessuto jacquard (fronte-retro), lana. Installazione: corde elastiche. Dimensioni: 230×166. Anno di produzione: 2020. Foto di: Søren Krag
  2. Pallade Atena rivolge una parola alata a Diomede (ILLIAD V). Pittura digitale. Pezzo tessuto a mano jacquard (fronte-retro), lana. Installazione: corde elastiche. Dimensioni: 105×110 cm. Anno di produzione: 2018. Credito fotografico: Søren Krag
  3. Fáfnismál (Sigurd con la testa di Reginn). Pittura digitale. Pezzo tessuto a mano jacquard (fronte-retro), lana. Installazione: corde elastiche. Dimensioni: 105×230. Anno di produzione: 2021. Credito fotografico: Søren Krag