Ethical FabricInterview

PATRIZIA BENEDETTA FRATUS

*Foto in evidenza: RADICI 250X63X32cm (per ciascuna delle 5 strutture) 2021 – Scarto tessile – Pietra Photo credit: Patrizia Benedetta Fratus

Participatory works in which those involved become a living and active part of the work itself: this is the artistic practice of Patrizia Benedetta Fratus, a multi-material artist who uses textile waste as a medium and conducts research that investigates the languages ​​of imaginary to overcome stereotypes and prejudices. In this interview, reply after reply, she led us to the roots of her works and projects.

Photo Patrizia Benedetta Fratus Photo credit: Francesco Salvetti

Who is Patrizia Fratus, the artist?

Patrizia Benedetta Fratus is a storyteller. It is from a story that we come, it is a story that we live, it is of a story that we are composed. Knowing that the story we know is a partial version of what has been and what is, allows me to imagine something else, to tell new stories with which to give life to new worlds, infinite worlds. I see myself as one of our ancestors leaving their mark on the walls of our caves, them with the pigments, me with the thread, I set the names and shapes of our bodies.

DRAGA ROSA (PINK DREDGE)
106x186cm
2022 - Textile and clay waste
Photo credit: Patrizia Benedetta Fratus
DRAGA ROSA (PINK DREDGE) 106x186cm 2022 - Textile and clay waste Photo credit: Patrizia Benedetta Fratus
DRAGA GIALLA (YELLOW DREDGE)
230X110cm
2021 - Textile waste, wooden support
Photo credit: Patrizia Benedetta Fratus
230X110cm 2021 - Scarto tessile, supporto ligneo Photo credit: Patrizia Benedetta Fratus
DRAGA GIALLA (YELLOW DREDGE) 230X110cm 2021 - Textile waste, wooden support Photo credit: Patrizia Benedetta Fratus 230X110cm 2021 - Scarto tessile, supporto ligneo Photo credit: Patrizia Benedetta Fratus

What does ‘making art’ mean to you?

For me, art is a tool, a way of existing and making exist.

Textile is one of your favorite mediums. Why this choice?

I’ve always had a thread on hand. There has always been a thread and over the years I have increasingly realized that a thread is always needed. The thread – as a medium – is accessible, multiform in its coherent linearity, it connects, stitches up, leads. The plots are made of threads that allow me to tell new possibilities. Give me a thread and I will build a world for you.

FACCIA A FACCIA 1 (FACE TO FACE 1) 65X50X50cm 2021 - Textile waste - Stone Photo credit: Patrizia Benedetta Fratus
FACCIA A FACCIA 1 (FACE TO FACE 1) 65X50X50cm 2021 - Textile waste - Stone Photo credit: Patrizia Benedetta Fratus

Artivism, social art, relational art: how do you interpret these three areas in your practice?

“We are the revolution”, I reply with Joseph Beuys. I experience artivism, social art and relational art as a single practice. Mine is an open practice, a continuous sharing. I have always felt like a plural being, it is the story they told me, and I like this trait, I recognize it, I know I am a part of it. Plural, because I am made up of all my ancestors, I am the unspoken voices of all of them. Plural because plural is life to be such, perhaps, simply put.

LE HAI MAI VISTE SUI LIBRI DI STORIA (HAVE YOU NEVER SEEN THEM IN HISTORY BOOKS) TRIPTYCH 180X165X3cm 2021 - Textile waste, wooden support Photo credit: Patrizia Benedetta Fratus
CANTAMI O DIVA (HAVE YOU NEVER SEEN THEM IN HISTORY BOOKS) TRIPTYCH 180X165X3cm 2021 - Textile waste, wooden support Photo credit: Patrizia Benedetta Fratus

How are your works and projects born?

My goddess is Ananke: Necessity. All my works come from there. Our strength is our need, and our possibility lies in doing everything we can with what we have, now, without interposing, without waiting, without anything else from us. Let’s start there.

The woman is at the center of many of your works. How much of your artistic research do you draw from the female universe in its complexity?

Woman is the center of my artistic universe, I can only start with myself. My research draws on the history of the female universe with the aim of making it no longer just female but “human”. The human being, even a woman, is what I want to emerge from my works. Since I aim for the feminine to be no longer just relegated as a universe in its own right, but to be placed in a universe of “human beings”.

PAROLE IN CORPO (WORDS IN THE BODY) TRIPTYCH 200X50X50cm (for 3) 2018 - spun newspaper, stone Photo credit: Patrizia Benedetta Fratus

“Virginia for all” is your project that has had a wide participation. Can you tell us what it is?

VIRGINIAPERTUTTE is a participatory work in which I started working last November, the previous year, 2020. I proposed the reading of “A Room Of One’s Own” by Virginia Woolf, to the women of a shelter during a project.

I had read it a thousand years ago, but I realized that what it says still holds true. It makes you smile to think about what she imagined would happen “in a hundred years” – to quote her, and to take note that yes, something has happened, something is happening, but slowly, with too many victims and with great disparity within different cultures. As I was saying, I proposed to read Virginia with the women of a shelter, but to be able to do so we needed several translations, and that’s how I discovered that there were none, I found out that a lot of literature is still “all ‘index’ in some cultures.Books are still scary, books are powerful, stories are powerful, they open windows, “you can see everything more clearly”. The target of my work in shelters is in doing, one’s own doing as a means and instrument to reconnect with our value, as an instrument of emancipation. I wanted to read that book so we could ask ourselves: Why are women poor?Why is there no world model, even a female one, that is not a female world according to some story that has brought us here, to what I call, the patriarchy of women? What do we need to be free to decide our lives without having to indulge even just the idea we have of us? The answer – even for Virginia is: a room all to ourselves and five hundred (sterling) pounds a year. However, before the room and the pounds, we need to know we can do it, and to know it, we could start by telling other stories that will one day become the shared imagination. Therefore, VIRGINIAPERTUTTE, is the translation into all the mother languages ​​of the world, in all languages, signs and designs, in the world of each one of us, it is what is not yet there but, by hybridizing and continuing to hybridize, it will be born, from culture to culture. “Language is the geographical map of a culture”, it takes you to what is there, it reveals what is missing.

OMISSIS TRIPTYCH 73X140 -73X52 - 73X43cm 2020 - Textile waste, wooden support Photo credit: Patrizia Benedetta Fratus
LA CREAZIONE (THE CREATION) Diptych 60X100X3cm 2019 - Textile waste, wooden support Photo credit: Patrizia Benedetta Fratus
CORPO_A_CORPO (BODY_TO_BODY) Diptych 83x73X2,5cm (for 2) 2019 - Textile waste, wooden support Photo credit: Patrizia Benedetta Fratus

What is the work that you have created so far that you consider your masterpiece, your ‘Mona Lisa’ from which you will never part?

I think we separate from the work when we give it shape. For me, the work is born from a need for expression, once it is made it belongs to the world, it no longer belongs to me, on the contrary, if it remains too close to me, the temptation is to burn it, to free it.

IL DONO (THE GIFT) Diptych 180X83X3,5cm (for 2) 2019 - Textile waste, wooden support Photo credit: Patrizia Benedetta Fratus

What are you working on right now? And what are the plans for the near future?

At the moment VIRGINIAPERTUTTE is absorbing almost all of my energy. I let everything that happens every day act and lead me to react and act.

My research, where my roots lie, will guide me – as it always guides me – to the next work.

Make a wish.

Not to desire but to live.

ANGELA Diptych 140x220X3,5cm 2019 - Textile waste, wooden support Photo credit: Patrizia Benedetta Fratus
UN MITO DA PAURA
(A FRIGHTENING MYTH)
280X280cm
2016 - Canvas, thread and boys / girls
Photo credit: Patrizia Benedetta Fratus
UN MITO DA PAURA (A FRIGHTENING MYTH) 280X280cm 2016 - Canvas, thread and boys / girls Photo credit: Patrizia Benedetta Fratus
MIO (MINE)
280X280cm
2016 - Canvas, wire with trees and children
Photo credit: Patrizia Benedetta Fratus
MIO (MINE) 280X280cm 2016 - Canvas, wire with trees and children Photo credit: Patrizia Benedetta Fratus
IntervisteTessuto Etico

PATRIZIA BENEDETTA FRATUS

*Foto in evidenza: RADICI 250X63X32cm (per ciascuna delle 5 strutture) 2021 – Scarto tessile – Pietra Photo credit: Patrizia Benedetta Fratus

Opere partecipate in cui chi è coinvolto diventa parte viva e attiva dell’opera stessa: questa è la pratica artistica di Patrizia Benedetta Fratus, un’artista multi-materica che usa come medium lo scarto tessile e conduce una ricerca che indaga i linguaggi dell’immaginario per superare stereotipi e pregiudizi. In questa intervista, di risposta in risposta, ci ha condotto alle radici dei suoi lavori e dei suoi progetti.

Patrizia Benedetta Fratus Photo credit: Francesco Salvetti

Chi è Patrizia Fratus, l’artista?

Patrizia Benedetta Fratus è una racconta-storia. È da una storia che veniamo, è una storia che viviamo, è di una storia che siamo composti. Sapere che la storia che conosciamo è una versione parziale di ciò che è stato e di ciò che è, mi permette di immaginare altro, di raccontare nuove storie con le quali dare vita a nuovi mondi, infiniti mondi. Mi vedo come una delle nostre ave lasciare il segno sulle pareti delle nostre caverne, loro con i pigmenti, io con il filo, fisso i nomi e le forme dei nostri corpi.

DRAGA ROSA 106x186cm 2022 - Scarto tessile e argilla Photo credit: Patrizia Benedetta Fratus
DRAGA ROSA 106x186cm 2022 - Scarto tessile e argilla Photo credit: Patrizia Benedetta Fratus
DRAGA GIALLA 230X110cm 2021 - Scarto tessile, supporto ligneo Photo credit: Patrizia Benedetta Fratus
DRAGA GIALLA 230X110cm 2021 - Scarto tessile, supporto ligneo Photo credit: Patrizia Benedetta Fratus

Cosa significa per te ‘fare arte’?

Per me l’arte è uno strumento, un modo d’esistere e far esistere.

Il tessile è tra i medium che prediligi. Perché questa scelta?

Ho sempre avuto un filo a portata di mano. Un filo c’è sempre stato e con gli anni mi sono sempre più resa conto che un filo serve sempre. Il filo – come medium – è accessibile, multiforme nella sua coerente linearità, connette, ricuce, conduce. Di fili sono fatte le trame che mi consentono di raccontare nuove possibilità. Datemi un filo e vi costruirò un mondo.

FACCIA A FACCIA 1 65X50X50cm 2021 - Scarto tessile - Pietra Photo credit: Patrizia Benedetta Fratus
FACCIA A FACCIA 2 65X50X50cm 2021 - Scarto tessile - Pietra Photo credit: Patrizia Benedetta Fratus

Artivismo, arte sociale, arte relazionale: come interpreti questi tre ambiti nella tua pratica?

La rivoluzione siamo noi”, ti rispondo con Joseph Beuys. Io vivo l’artivismo, l’arte sociale e l’arte relazionale come un’unica pratica. La mia è una pratica aperta, una condivisione continua. Mi sento da sempre un essere plurale, è la storia che mi hanno raccontato, e questo tratto mi piace, lo riconosco, so di essere parte. Plurale, perché sono composta da tutte le mie ave, sono le voci taciute di tutte loro. Plurale perché plurale è la vita per essere tale, forse, semplicemente.

LE HAI MAI VISTE SUI LIBRI DI STORIA TRITTICO 180X165X3cm 2021 - Scarto tessile, supporto ligneo Photo credit: Patrizia Benedetta Fratus
CANTAMI O DIVA TRITTICO 186x66cm (per 3) 2022 - Scarto tessile, supporto ligneo Photo credit: Patrizia Benedetta Fratus

Come nascono i tuoi lavori e i tuoi progetti?

La mia dea è Ananke: Necessità. Tutti i miei lavori vengono da lì. La nostra forza è il nostro bisogno, e la nostra possibilità risiede nel fare tutto ciò che possiamo con ciò che abbiamo, adesso, senza frapponimenti, senza attese, senza altro da noi. Cominciamo da lì.

La donna è al centro di molti dei tuoi lavori. Quanta della tua ricerca artistica attinge dall’universo femminile nella sua complessità?

La donna è il centro del mio universo artistico, non posso che cominciare da me. La mia ricerca attinge nella storia dell’universo femminile con l’obiettivo di renderlo non più solo femminile ma “umano”. L’essere umano, anche donna, è quello che voglio emerga dalle mie opere. Poiché ambisco a che il femminile non sia più solo relegato come universo a sé stante, ma si collochi in un universo di “esseri umani”.

PAROLE IN CORPO TRITTICO 200X50X50cm (per 3) 2018 – carta di giornale filata, pietra Photo credit: Patrizia Benedetta Fratus

“Virginia per tutte” è un tuo progetto che ha avuto un’ampia partecipazione. Ci racconti di che si tratta?

VIRGINIAPERTUTTE è un’opera partecipa alla quale ho cominciato a lavorare nel novembre scorso, l’altro scorso, era il 2020. Ho proposto la lettura di “Una Stanza Tutta Per Sé” di Virginia Woolf, alle donne di una casa rifugio nel corso di un progetto. L’avevo letta mille anni fa, ma mi sono resa conto che ciò che dice vale ancora. Fa sorridere pensare a cosa lei immaginava sarebbe successo “tra cento anni” – per citare lei, e prendere atto che sì, qualcosa è accaduto, qualcosa sta accadendo, ma lentamente, con ancora troppe vittime e con grande disparità di cultura in cultura. Come stavo dicendo, ho proposto di leggere Virginia con le donne di una casa rifugio, ma per poterlo fare servivano diverse traduzioni, ed è così che ho scoperto che non ce n’erano, è lì che ho scoperto che molta letteratura è ancora “all’indice” in alcune culture. I libri fanno ancora paura, i libri sono potenti, le storie sono potenti, aprono finestre, “si vede tutto più chiaramente”. Il segno del mio lavoro nelle case rifugio è nel fare, il proprio fare come mezzo e strumento per riconnetterci al nostro valore, come strumento di emancipazione. Volevo leggere quel libro perché potessimo chiederci: perché le donne sono povere? Perché non c’è un modello di mondo, anche femminile, che non sia un mondo femminile secondo una qualche storia che ci ha portato qui, a quello che io chiamo, il patriarcato delle donne? Cosa ci serve per essere libere di decidere delle nostre vite senza dovere assecondare anche solo l’idea che abbiamo di noi? La risposta – anche per Virginia è: una stanza tutta per noi e cinquecento sterline l’anno. Tuttavia, prima della stanza e delle sterline, serve che sappiamo di poterlo fare, e per saperlo, potremmo cominciare raccontando altre storie che diventeranno l’immaginario condiviso, un giorno. Quindi, VIRGINIAPERTUTTE, è la traduzione in tutte le lingue madri del mondo, in tutti i linguaggi, i segni e i disegni, nel mondo di ognuna/o di noi, è ciò che ancora non c’è ma, ibridando e continuando a ibridare nascerà, di cultura in cultura. “Il linguaggio è la carta geografica di una cultura”, ti porta a ciò che c’è, ti rivela ciò che manca.

OMISSIS TRITTICO 73X140 -73X52 – 73X43cm 2020 - Scarto tessile, supporto ligneo Photo credit: Patrizia Benedetta Fratus
LA CREAZIONE DITTICO 60X100X3cm 2019 – Scarto tessile, supporto ligneo Photo credit: Patrizia Benedetta Fratus
CORPO_A_CORPO DITTICO 83x73X2,5cm (per 2) 2019 - Scarto tessile, supporto ligneo Photo credit: Patrizia Benedetta Fratus

Qual è l’opera tra quelle che hai realizzato finora che tu reputi il tuo capolavoro, la tua ‘Gioconda’ da cui non ti separerai mai?

Penso che ci separiamo dall’opera nel momento in cui le diamo forma. L’opera per me nasce da una necessità di espressione, una volta realizzata è del mondo, non mi appartiene più, anzi, se rimane troppo nelle mie vicinanze la tentazione è quella di bruciarla, per liberarla.

IL DONO DITTICO 180X83X3,5cm (per 2) 2019 – Scarto tessile, supporto ligneo Photo credit: Patrizia Benedetta Fratus

A cosa stai lavorando in questo momento? E quali sono i progetti per il prossimo futuro?

Al momento VIRGINIPERTUTTE sta assorbendo quasi tutta la mia energia. Lascio che tutto ciò che accade ogni giorno agisca e mi porti a reagire e agire.

La mia ricerca, là dove affondano le mie radici, mi guiderà – come sempre mi guida – alla prossima opera.

Esprimi un desiderio.

Non desiderare ma vivere.

ANGELA DITTICO 140x220X3,5cm 2019 - Scarto tessile, supporto ligneo Photo credit: Patrizia Benedetta Fratus
UN MITO DA PAURA
280X280cm
2016 – Tela, filo e ragazzi/e
Photo credit: Patrizia Benedetta Fratus
UN MITO DA PAURA 280X280cm 2016 – Tela, filo e ragazzi/e Photo credit: Patrizia Benedetta Fratus
MIO
280X280cm
2016 – Tela, filo con alberi e bambini/e
Photo credit: Patrizia Benedetta Fratus
MIO 280X280cm 2016 – Tela, filo con alberi e bambini/e Photo credit: Patrizia Benedetta Fratus

Barbara Pavan

English version Sono nata a Monza nel 1969 ma cresciuta in provincia di Biella, terra di filati e tessuti. Mi sono occupata lungamente di arte contemporanea, dopo aver trasformato una passione in una professione. Ho curato mostre, progetti espositivi, manifestazioni culturali, cataloghi e blog tematici, collaborando con associazioni, gallerie, istituzioni pubbliche e private. Da qualche anno la mia attenzione è rivolta prevalentemente verso l’arte tessile e la fiber art, linguaggi contemporanei che assecondano un antico e mai sopito interesse per i tappeti ed i tessuti antichi. Su ARTEMORBIDA voglio raccontare la fiber art italiana, con interviste alle artiste ed agli artisti e recensioni degli eventi e delle mostre legate all’arte tessile sul territorio nazionale.