• 27 Settembre 2022 10:53

Little Fun Palace NOMADIC SCHOOL 2022

English (Inglese)

OPEN CALL

OHT invita studenti e professionisti che si occupano di teatro, danza, architettura, geografia, antropologia, filosofia,  scienze naturali, letteratura, musica, arti visive e design e che abbiano interesse nella produzione e percezione dello spazio e nello studio del paesaggio a inviare la propria candidatura

Termine per l’invio della candidatura: 15 maggio 2022

Nomadic School 2022
25 giugno – 3 luglio 2022
Sabato 2 e domenica 3 luglio – giornate aperte al pubblico
Torri del Vajolet – Dolomiti
www.oht.art

Negli anni Sessanta l’architetto Cedric Price e la regista teatrale Joan Littlewood con il progetto Fun Palace cercarono di realizzare un’Università della strada, un laboratorio del divertimento. Oggi OHT [Office for a Human Theatre], studio di ricerca del regista teatrale e curatore Filippo Andreatta, con Little Fun Palace una piccola roulotte, luogo effimero di aggregazione rende omaggio a quel leggendario progetto, organizzando al suo interno incontri, dialoghi, balli e ogni forma di spontaneità possibile.

Dal 25 giugno al 3 luglio 2022, Little Fun Palace torna ad ospitare la Scuola Nomadica (Nomadic School) di OHT, progetto che sperimenta diverse possibilità di apprendimento e condivisione del sapere attorno alle arti performative. Con workshop, esperimenti, incontri, camminate e micro performance, i partecipanti sono incoraggiati a riconsiderare la propria centralità e perifericità all’interno di uno spazio condiviso come quello scenico.

Questa edizione della Scuola Nomadica si terrà alle Torri del Vajolet, nel Gruppo del Catinaccio sulle Dolomiti, a 2.300 metri sul livello del mare. 12 partecipanti – ospitati nel Rifugio Vajolet e a cui viene garantito vitto e alloggio per l’intero periodo saranno completamente immersi nel paesaggio alpino dove vita e studio diverranno un tutt’uno.

Per partecipare è necessario rispondere a un’OPEN CALL aperta a chiunque abbia interesse nella produzione e percezione dello spazio e dello studio del paesaggio. I partecipanti dovranno provenire da discipline quali teatro, danza, architettura, geografia, antropologia, filosofia, scienze naturali, letteratura, musica, arti visive e design e avere conoscenza della lingua inglese.

La Scuola Nomadica – che sabato 2 e domenica 3 luglio accoglierà anche il pubblico generico – vede la partecipazione di alcuni mentori che, nel rispetto delle loro pratiche, affrontano il ruolo dello spazio e di come produce realtà. Per questa edizione sono Enrico Malatesta (percussionista e sound-researcher), Chiara Pagano (artista ed ex Nomadica), Christian Casarotto (glaciologo, collaboratore MUSE), Industria Indipendente (collettivo di arti performative e visive), Gabriella Mastrangelo (spatial designer ed ex Nomadica), Annibale Salsa (antropologo), Stefania Tansini (danzatrice e coreografa), Daniel Blanga Gubbay (curatore e ricercatore), Rugilė Barzdžiukaitė (film-maker e regista teatrale), Davide Tomat (musicista e sound designer).

Per partecipare:

  • inviare il proprio curriculum (max 1 pagina A4) incluso di e-mail e numero di telefono;
  • inviare un testo (max 1 pagina A4) che presenti il vostro interesse e perché volete partecipare;
  • inviare la candidatura completa entro il 15 maggio 2022 (la conferma di partecipazione verrà comunicata entro il 27 maggio 2022)
  • inviare a info@oht.tn.it e nell’oggetto dell’e-mail inserire: LFP Nomadic School 2022

Per maggiori informazioni: http://www.oht.art/it/lfp-nomadic-school-2022.html